fbpx

Il mondo perduto: Jurassic Park

The Lost World: Jurassic Park è stasera alle 21:15 su TMC.

Seconda parte della saga Jurassic Park, Il mondo perduto costituisce uno dei segmenti più sorprendenti e forse una pietra miliare molto significativa nella carriera di Steven Spielberg.

Il regista non ha mai rincorso i sequel, fatta eccezione per la saga Indiana Jonesla sua scelta di dirigere il sequel Jurassic Park è quasi un’eccezione nella sua carriera. Film spesso difeso e spesso criticato, Il mondo perduto alterna burst e fallimenti, a volte all’interno della stessa sequenza. Proviamo a capire perché.

Sceneggiatori che cercano di fuggire

RABBIA PREISTORICA

Jurassic Park non mancava né di suspense né di brividi, ma non abbandonava mai del tutto le linee del grande intrattenimento per famiglie. Questa era anche la principale differenza tra il lungometraggio e il romanzo di Michael Crichton che adatta (lo abbiamo dettagliato nel nostro fascicolo dedicato alle differenze tra il testo e il suo adattamento), poiché Steven Spielberg ha scelto di limitare notevolmente la sua crudeltà eviolenza grafica. Tuttavia, con il suo seguito, sembra spesso mosso dal desiderio di dare libero sfogo ai suoi predatori preistorici, come se fosse felice di vederli ridurre a brandelli i suoi caratteri.

Un’oscurità che nasce dall’apertura del film, quando un bambino incontra un gruppo di compsognathus, entrambi attori e amanti della carne fresca. Spielberg specificherà qualche minuto dopo a John Hammond che la ragazza è sopravvissuta, ma lo spettatore non si sbaglia, è un ragazzo innocente che si è appena trasformato in un pasticcio di carne davanti alla telecamera del registaE.

Si tratta di un’ondata isolata di sadismo? Non proprio. La sequenza dell’attacco al camion, di rara intensità, si concluderà con il divoratore a pieno formato dell’unico protagonista veramente eroico, lo sfortunato Eddie, che salva i nostri eroi e viene ringraziato da una sessione di smembramento particolarmente brutale. Personaggio meno simpatico, il cacciatore interpretato da Peter Stormare avrà diritto anche a una morte eccezionalmente distesa, che offre allo spettatore l’opportunità di assistere una caccia al contrario particolarmente impegnativa.

Foto Camilla BelleQuando Tonton Steven inizia a fumare chtites per bambini

La rabbia di Spielberg si trova anche in una serie di uscite stradali secondarie. Sia che la sua macchina da presa indugi sul corpo smantellato di un extra calpestato da un T-Rex, sia che scruti il ​​terrore di uno sfortunato paleontologo che un gesto di panico getta nella bocca dello stesso dinosauro, il regista sembra prendere un evidente piacere nel filmare corpi torturatiaspettando l’irruzione della morte come culmine di uno spettacolo particolarmente sofisticato.

Il risultato sono alcuni dei picchi più intensi dell’intera carriera di Steven Spielberg, più di una volta incredibilmente ispirato dietro la macchina da presa. Quando segue persone sfortunate decimate dai rapaci in mezzo all’erba alta o quando lui segue i suoi eroi braccati in rovina dagli stessi rapaciil regista riscopre un’arte del movimento, una fluidità nel montaggio, che lo hanno reso uno dei narratori più affermati della storia di Hollywood.

FotoQuando Spielberg scatena la macchina fantasy

FASE FOSSILE

Eppure, questa aggressività creativa, questa energia coesistono nel film con spiagge blande quasi senza precedenti nella carriera di Spielberg. La famosa caccia ai rapaci si conclude, ad esempio, con una piroetta (nel senso più letterale del termine) che verrebbe da pensare uscita da una brutta commedia familiare. Questa acrobazia non è solo un trucco irrilevante, è anche accompagnata dalla telecamera in un modo molto strano. Avremmo potuto capire che Spielberg sta cercando il cambio di tono e dà a Kelly (Vanessa Lee Chester) l’opportunità di brillare, ma dopo la sua acrobazia, continua a seguirla per infiniti secondi mentre completa il suo movimento.

La lunghezza di questa inquadratura non obbedisce a nessuna logica interna, a fortiori da parte di un artista che ha sempre lavorato con estrema intelligenza sulla fluidità del suo cinema. Ma qui, il tempo interno della scena è infranto da una ripresa che è letteralmente uscita dal nulla. E se questo incidente è uno dei più citati dai critici del film, Il mondo perduto difficilmente ne manca qualcuno, e il personaggio di Kelly lo aderisce.

Leggi  Qual è la data e l'ora di uscita di Netflix? Cast ecc

Foto Ian MalcomJeff “balec” Goldblum

Mentre la sua presenza è stata appena svelata agli eroi oltre che al pubblico, dobbiamo subire una lunga scena con un taglio amorfo. Spielberg sembra del tutto assente, in quanto è difficile distinguere qualsiasi punto di vista, un’intenzione che irrigherebbe la narrazione. Questa è quasi la prima volta per il creatore di immaginiche aveva già segnato con il ferro rovente diverse generazioni di spettatori.

E guardare attentamente Il mondo perduto, diventa chiaro che non appena i dinosauri e la violenza se ne saranno andati, il regista sembra smarrito. O semplicemente assente. Assisti alle sequenze che potrebbero essere ricche di tensione, in quanto essenziali in termini di costruzione drammatica. Arrivo a Isla Sorna è dunque di una morbidezza proverbiale, come il disastroso arrivo del battello contenente il T-Rex nel porto di San Diego. Tanti passaggi che sono tra i meno ispirati dal loro autore.

foto, Jeff Goldblum“Ma siamo sicuri di essere stati assunti per uno Spielberg, eh?”

ESTINZIONE PRIMA DELLA RISURREZIONE?

Violenza e oscurità, ibridati con pigrizia e insipienza, formano un’alleanza molto strana, che probabilmente spiega il perché alcuni vedono ancora il film come un’avventura radicale, quando gli altri non riescono a distogliere lo sguardo da quello che sembra loro un sequel devitalizzato. Tuttavia, il suo valore è forse altrove: in ciò che annuncia delle metamorfosi che verranno a Steven Spielberg.

Così, i tanti passaggi soporiferi del film ovviamente non testimoniano una scomparsa del suo talento, o un invecchiamento artistico, ma più probabilmente una forma di noia. Dagli spettacoli pirotecnici agli affreschi storici dove il suo tono non poteva riuscire del tutto, l’artista gira in tondo. Cosa possiamo fare nel cinema d’intrattenimento dopo averlo rivoluzionato nel 1993? Non certo una ripetizione o un semplice rimaneggiamento.

FotoIl mondo perduto contro le dissolvenze postmoderne

Il regista non sa davvero perché è lì, e lo dice in modo abbastanza esplicito. Leitmotiv intellettuale del primo film, Ian Malcolm (Jeff Goldblum) viene qui promosso eroe, il che è indubbiamente ottimo per il libretto degli assegni, ma non manca di un’evidente semplificazione della sua caratterizzazione. E chi se ne frega, sembra sussurrare l’autore, quando rivela il suo protagonista, che sbadiglia profumatamente in mezzo alla metropolitana, quasi azionando lo sguardo di una telecamera. Tra il dito medio e la nota d’intento, questo scatto lascia l’amaro in bocca.

Formalmente, l’artista cerca anche se stesso. Dopo la lista di Schindlerecco la sua seconda collaborazione con il direttore della fotografia Janusz Kaminski, e se siamo molto lontani dall’estetica del loro lavoro precedente, basta guardare Documenti del Pentagono Dove Giocatore pronto uno da notare che la loro alleanza era ben lungi dall’aver trovato le basi di ciò che costituirà il revival estetico di Steven Spielberg.

FotoDovremmo salvare il soldato Rex?

Il fondo della piattezza disincarnata sarà sicuramente raggiunto Amistadche spinge in alto tutte le debolezze formali e narrative del Mondo perduto. Tuttavia, questa fase, con gorgogliante violenza e forma incerta, è stata senza dubbio essenziale per l’autore per rendersi conto che stava girando in tondo, per individuare il problema e per precipitarsi verso un rinnovamento tematico e stilistico che lo ridefinisse. Questo era il caso già nel 1998 con Dobbiamo salvare il soldato Ryanche pur conservando l’aggressività a volte disperata del Mondo perdutoriesce a restituirgli le sue tracce, un significato, mentre nell’immagine la luce di Kaminski adotta piogge di luce, giochi di texture, che segneranno l’impronta visiva del duo.

Il mondo perduto potrebbe essere un film malato, selvaggio e fallito, ma è anche una tappa emozionante nella carriera del registale cui domande e dubbi appaiono chiaramente nell’immagine.

Lascia un commento