fbpx

Il finale di Miss Marvel annuncia finalmente l’arrivo degli X-Men nel MCU?

Nell’ultima puntata di Signorina Marvell’amico della supereroina ha lanciato una notizia bomba, l’annuncio di mutanti nel MCU.

Si è appena conclusa una nuova (ennesima) serie Disney+ del team Marvel, Signorina Marvel. Troppo poco guardato eppure di qualitàalmeno nelle sue fasi iniziali, l’ultimo mattone (compresa la nostra recensione dell’episodio 6 di Signorina Marvel) del MCU si è concluso con l’apertura discreta di una porta verso un orizzonte tanto atteso dai fan, gli X-Men.

La migliore amica di Kamala Khan rivela al suo super amico attraverso il suo kit da scienziato dell’hobby che è diversa dagli altri umani, lei ha una mutazione. Una parola che richiama tutta una mitologia che abbiamo pazientemente osservato nell’universo Marvel al cinema. Meglio ancora, e confermando ancora di più che stiamo davvero parlando di mutanti, il tema musicale della serie X-Men: la serie animata dal 1992 al 1997 risuona di nascosto nella scena. Con il ritorno di Patrick Stewart nei panni del Professor X allo stesso ritmo frenetico Il dottor Strange nel multiverso della follia di Sam Raimi questo fa due allusioni al cartone animato del 1992. La Marvel proverebbe a dirci qualcosa?

x-men: l’inizio

Un piccolo ritorno a quando, nel 1992 negli Stati Uniti, arrivò sul canale Fox Kids (nel 1995 su Canal+, e successivamente France 2, per la Francia) X-Men: la serie animata al tema musicale divenuto cult. A quel tempo, il cartone animato non doveva né più né meno affrontare il Distinguished Competition che proponeva anche un futuro capolavoro di adattamenti supereroici, Batman: la serie animata. Difficile imporsi agli occhi dei piccoli cherubini dell’epoca, eppure il cartone animato Marvel diventa anche uno dei pilastri del genere.

I giorni in cui i supereroi non erano esaltati

Come il suo rivale, X-Men: la serie animata beneficiato diuna cura particolare riservata ai suoi intrighi fedeli ai fumettiriprendendo principalmente quelli scritti da Chris Claremont, il maestro dei fumetti X-Men dal 1975 al 1991. Così, la serie ad esempio trascrive l’arco fenice oscura con molto più successo del film del 2019. Giorni di futuro passato Farà parte anche delle storie presentate ai bambini, una storia che si ritroverà al cinema 22 anni dopo. È grazie alla maturità delle sue sceneggiature, che trattavano di razzismo, religione e accettazione di sé, come nella sua estetica mantenendo lo stile del fumettista Jim Lee, che la serie è stata in grado di essere ricordata.

Diversi videogiochi navigheranno sulla X-men-mania generata da X-Men: la serie animata durante questi anni, in particolare riprendendo disegni e voci dal cartone animato (come l’eccellente gioco X-Men su Megadrive). La serie verrà interrotta per mancanza di budget, tra le altre cose, l’animazione della quinta e ultima stagione sarà affidata a titolo definitivo a uno studio economico nelle Filippine.

Leggi  la famosa attrice si unisce allo spin-off di Spider-Man su Madame Web

X-Men: foto“Guarda! Il nostro remake-sequel sta arrivando!”

il ritorno

Con le poche note dei titoli di coda della serie X-Men risuonando dentro Signorina Marvelè stata un’intera generazione di fan a rabbrividire… per la seconda volta. Il dottor Strange nel multiverso della follia aveva già risvegliato le speranze di vedere gli X-Men nel MCU, mentre agitava il campanello della nostalgia. Perché oltre al tema musicale del cartone animato, Patrick Stewart, l’attore della prima trilogia X-Men e dei pochi spin-off di Wolverine, seduto su una poltrona gialla con un outfit identico a quello della serie animata del ’92 (fino alle righe sulla cravatta).

Doctor Strange nel multiverso della follia: foto, Patrick StewartVideoconferenza in mutande

Questi riferimenti allo stesso cartone animato non sono ovviamente un’improbabile coincidenza, dal momento che Disney+ dovrebbe rilasciare una serie animata chiamata X-Men ’97. Questo può essere visto come un sequel nostalgico del programma degli anni ’90, ma anche come un vero punto di ingresso per gli X-Men nel MCU. Gli strizzatine d’occhio di Dottor Strano 2 e Signorina Marvel essere un modo per dirci dove guardare. Non stupirebbe quindi se il cartone animato servisse a posare quella che sarà la nuova versione dei mutanti.

Soprattutto quello collegare una serie animata all’MCU non sarebbe la prima volta, Cosa succede se? ci aveva già preparato a questa eventualità presentando Captain Carter e Evil Strange. Trovati due personaggi Dottor Strano 2. Infine, rendere gli X-Men dello show la nuova versione dei mutanti per l’MCU sarebbe un modo per la Marvel di staccarsi dall’immagine della Fox sui personaggi, lo studio ha prodotto tredici film e due serie su licenza. Il ritorno di Stewart come mutante telepatico potrebbe inoltre essere più un piccolo regalo per i fan che una vera e propria reintroduzione dell’attore nei panni del Professor X del MCU.

X-Men: fotoVedremo mai questo panty giallo al cinema?

La Marvel potrebbe quindi usare X-Men ’97 per gettare le basi dei suoi X-Men prima della loro incarnazione da parte di attori reali. Quindi, se ancora non sappiamo chi saranno gli interpreti degli X-Men del MCU o anche quali mutanti saranno in questa nuova versione del team, il cartone animato Disney+ è da tenere nel mirino.

Marvel e Disney stanno probabilmente cercando di rilanciare il successo della serie che aveva riunito tanti bambini davanti al programma e ai fumetti, ma anche ha contribuito notevolmente ad attirare il pubblico nelle sale per il film X-Men del 2000. Quando la strategia funziona una volta, perché non dovrebbe funzionare due volte? Rifiutare una formula efficace è ciò che la Marvel sa fare meglio.

Lascia un commento