fbpx

“Il cinema d’autore mi stanca perché se parla di qualcosa di importante sembra che non riesca a intrattenere”

Giusto in tempo per fare i compiti prima degli Oscar, questo weekend tanto atteso Il triangolo della tristezzala satira sull’élite di Robert Ostlundnominato nelle categorie di miglior film, miglior regista e miglior sceneggiatura originale, che arriva anche con l’approvazione del palma d’oro che ha ottenuto all’ultimo Festival di Cannes, il secondo della sua carriera.

Il primo è stato ricevuto nel 2017 con la piazzala black comedy radicale ambientata in un museo d’arte contemporanea, per la quale è stato anche candidato all’Oscar come miglior film internazionale. Il triangolo della tristezza è il suo primo lungometraggio in inglese, un commento selvaggio e scatologico sul capitalismo e contro i miliardarise il tuo stile di vita.

il giornale specializzato in serie televisive e film ha parlato con il regista svedese dei temi dei suoi film, del motivo per cui non è interessato a fare film d’autore, della situazione delle sale cinematografiche, del suo prossimo progetto e, ovviamente, di la scena più commentata del suo ultimo lavorouna lunga sequenza piena di vomito e feci che ha fatto allontanare molti spettatori durante la proiezione.


In un’intervista hai detto che con i tuoi film volevi fare una trilogia di cosa significhi essere un uomo ai nostri giorni

Scrivo film basati su situazioni o dilemmi che ho affrontato, e dato che sono un uomo, è facile costruire su quelle esperienze personali con cose che sono successe a me o ai miei amici, e usarle come ispirazione.

E, beh, sì, come sai, in questi ultimi 10 anni come uomini bianchi siamo stati costretti a rivedere il nostro comportamento in un certo senso. Quindi ho pensato che fosse un buon contesto per avvicinarsi all’approccio all’identità maschile e al modo in cui abbiamo a che fare con le aspettative sociali e culturali. Spero di non continuare tutta la mia vita con questo, ma riconosco che è una grande fonte di materiale.

“I miei film cercano di generare una reazione nel cinema per dare allo spettatore un motivo per uscire di casa”

Perché pensi che i tuoi film si colleghino così bene ai festival e al pubblico internazionale? Cosa li rende intellettuali e popolari allo stesso tempo?

Personalmente il cinema d’autore mi ha stancato perché sembrava che se parla di qualcosa di importante non può intrattenere. E guardando al cinema degli anni ’70, quello di autori come Buñuel, che era un maestro e anche molto divertente, mi sono chiesto se fosse possibile creare quella specie di montagne russe selvagge per gli spettatori adulti di oggi.

Quindi, quando ho iniziato, il mio piano era quello di combinare la tradizione americana di entrare in contatto con il pubblico e la tradizione europea di discutere della società, cercando di generare conversazioni. I miei film cercano di generare una reazione nel teatro per dare allo spettatore un motivo per uscire di casa.

“Il cinema ha una vena che non aveva 20 anni fa, perché allora la gente si riuniva davanti alla televisione. Oggi non si guarda più insieme a casa, siamo sempre soli”

I cinema sono sull’orlo della crisi e lo spettatore si è rivolto ai piccoli schermi, come pensi che saranno visti i tuoi film nei prossimi cinque o 10 anni?

Bene, posso parlarti del mio prossimo film (Il sistema di intrattenimento non funziona). Si concentra sul sistema di intrattenimento presente sui voli a lungo raggio. Chiedo cosa accadrebbe se, durante il decollo di un volo di 15 ore, l’equipaggio informasse i passeggeri che nessuno degli schermi cinematografici funziona. E scoprono che neanche iPhone, iPad e tutti i tablet lo fanno, come farebbe un essere umano moderno ad affrontare la noia durante quel lungo volo?

Posso assicurarti che guardarlo sarà molto divertente, ma anche sconvolgente. Sto affrontando la questione di cosa si nasconde dietro il modo in cui vediamo questi schermi, di cosa non ci rendiamo conto mentre lo facciamo. E perché quando siamo seduti tra il pubblico in un cinema elaboriamo l’immagine in modo diverso.

Leggi  Qual è la data e l'ora di rilascio di Crunchyroll?

Il cinema oggi ha un punto di forza unico che non aveva 20 anni fa, perché allora la gente si riuniva davanti alla televisione. Oggi non si vedono più le cose insieme a casa, siamo sempre soli. Quando ci sono contenuti che vediamo insieme, l’esperienza è diversa e ci fa riflettere.

Quindi andare al cinema e vedere le cose insieme è ancora un’esperienza unica che non possiamo replicare a casa. Come industria cinematografica, questo è ciò che dobbiamo vendere al pubblico. Certo, non torneremo ai numeri che avevamo cinque o sei decenni fa, ma non importa, perché è nei cinema che continuano ad accadere le cose più interessanti.

Ruben Östlund dietro le quinte de ‘Il triangolo della tristezza.

Quando il pubblico vedrà il tuo film, molti parleranno della scena del vomito, come sono state le riprese di quella lunga sequenza?

È stata una scena difficile da girare. Abbiamo costruito la sala da pranzo dello yacht, uno dei corridoi e la cabina su una superficie che si muoveva per simulare le forti onde, quindi durante le otto ore di riprese ci siamo costantemente dondolati. La squadra si è ammalata, non tutti, ma molti, anche se prendevamo farmaci per la nausea. Il processo è stato complicato, perché come regista mi piace avere tutto sotto controllo e la situazione era caotica.

Per quanto riguarda il modo in cui ho lavorato con gli attori, avevo detto loro che volevo spingere tutto al limite, perché il pubblico, vedendo il temporale durante la cena, si sarebbe già aspettato che qualcuno dei personaggi vomitasse, ma abbiamo dovuto sorprendere e andare oltre ciò che lo spettatore pensa che andremo. Quando pensavo che il pubblico non vedesse più il vomito e ne avesse avuto abbastanza, ho fatto cinque passi oltre quel limite, perché è così che sorprendiamo, provochiamo una reazione, diciamo qualcos’altro.

Li ho preparati mentalmente perché sapevo che sarebbe stata una ripresa molto dura. Sono rimasta particolarmente colpita da Sunnyi Melles, che interpreta Vera, perché si è lanciata nel ruolo vomitando sul tavolo e scivolando sul pavimento del bagno. Non ho mai incontrato nessun attore disposto ad accettare più sfide fisiche di lei. Era fantastico.

[Clips en exclusiva de ‘El triángulo de la tristeza’, la sátira de la élite ganadora de la Palma de Oro en Cannes]

E fai molte riprese, giusto?

Sì, ma in caso di vomito spariamo meno di quanto faccio normalmente. Ne facciamo uno come prova e ci riposiamo per risparmiare energia. Facciamo una ripresa generale e risparmiamo energia. Quindi quando arriviamo a prendere 15 o qualcosa del genere, sono tipo “va bene, ne mancano cinque”. A quel punto esaminiamo tutto tecnico e controllo che stiamo tutti bene. Voglio che si sentano bene, ma anche che sentano che è ora o mai più, in modo che facciano uno sforzo e diano il massimo.

In questa ripresa invece di dire “Azione” ho usato un gong per contrassegnare quando abbiamo iniziato a girare ogni ripresa e questo ha creato un’atmosfera speciale, un’atmosfera speciale durante le riprese.

Lascia un commento