fbpx

Il cast de ‘Gli anelli del potere’ e gli hobbit si uniscono contro il razzismo: “Siete tutti i benvenuti”

Gli attori di gli anelli del potere ne hanno abbastanza delle critiche razziste per l’inclusività del prequel Il Signore degli Anelli in Video Amazon Prime. Non sono gli unici: gli attori che hanno interpretato i quattro principali hobbit di Il Signore degli Anelli hanno pubblicato una serie di fotografie per mostrare il loro sostegno ai loro eredi nella Terra di Mezzo. “Siete tutti i benvenuti”insistono con un messaggio scritto in elfico con il quale aspirano a raggiungere la parte più intollerante e radicale della comunità di seguaci dell’opera di JRR Tolkien.

Elijah Wood (Frodo), Sean Austin (Sam), Dominic Monaghan e Billy Boyd (i fratelli Merry e Pippin) non hanno esitato a usare la loro influenza sui social per lanciare un messaggio di empatia e sostegno ad alcuni attori che, a meno di 48 anni ore dopo la messa in onda del terzo episodio della serie, si sono stancati dei mesi di persecuzione online.

“Noi, il cast di gli anelli del potere, ci uniamo in assoluta solidarietà e contro il razzismo incessante, le minacce, le molestie e gli abusi che alcuni dei nostri compagni di cast di colore hanno subito quotidianamente. Ci rifiutiamo di ignorarlo o tollerarlo”, dichiarano i protagonisti di gli anelli del potere in una dichiarazione apparsa sui social di Prime Video.

JRR Tolkien ha creato un mondo che, per definizione, è multiculturale. Un mondo in cui persone libere di razze e culture diverse si uniscono, in un’unica compagnia, per sconfiggere le forze del male. gli anelli del potere lo riflette”, continua il testo. “Il nostro mondo non è mai stato solo bianco, la fantasia non è mai stata solo bianca, la Terra di Mezzo non è solo bianca. persone BIPOC [acrónimo en inglés de negro, indígena y persona de color] Appartengono alla Terra di Mezzo e sono qui per restare”.

[‘Los anillos de poder’ 1×01-02, una espectacular carta de presentación que deja con ganas de más]

Gli attori, che hanno chiuso con la parola Namárië, addio in Quenya, una delle lingue inventate da Tolkien, hanno ricordato anche i fan che sono stati dalla loro parte. Infine, mandiamo il nostro amore e la nostra compagnia ai fan che ci supportano, in particolare a i fan di colore che vivono nella loro stessa carne questi attacchi semplicemente per appartenere a questa comunità di fan. Ti vediamo e apprezziamo il tuo coraggio e la tua enorme creatività. I tuoi cosplay, le fan cam, le fan art e i tuoi pensieri rendono questa community un posto più interessante e ci ricordano il nostro scopo. Sei valido, sei amato e appartieni. Sei parte integrante della famiglia di Il Signore degli Anelli. Grazie per essere dalla nostra parte”.

Leggi  ecco come sono i nuovi (e più costosi) sistemi di abbonamento

un successo di pubblico

La polemica macchia la grande premiere della serie, che ha convinto la critica e suscitato l’interesse del pubblico. Amazon lo ha annunciato lo scorso fine settimana Sig di il anelli: Gli anelli del potere ha raccolto di più di 25 milioni di spettatori in giro per il mondo nel suo primo giorno di in onda su Prime Video. Secondo fonti dell’azienda, la premiere della serie sviluppata da JD Payne e Patrick McKay ha infranto tutto il record fino ad oggi per diventare la prima più importante di la storia di Primo video.

La conclusione più interessante lasciata dalla dichiarazione va oltre i dati stessi sull’audience. Questa è la prima volta che Prime Video fornisce numeri specifici per alcuni dei suoi prodotti. Finora, tutte le informazioni più o meno ufficiali che si conoscevano sulle anteprime di Amazon provenivano da una fonte esterna come Nielsen. Le uniche produzioni sulla piattaforma Jeff Bezos che si erano insinuate nella serie più seguita erano state I ragazzi Y la ruota del tempo.

Lascia un commento