fbpx

Il 3D non è morto, secondo il produttore

3D da Avatar ha rivoluzionato il cinema nel 2009. Abbandonato dal pubblico per alcuni anni, Jon Landau ci assicura che la tecnologia non è morta.

Avatar, non è né più né meno il film che si trova al primo posto al botteghino mondiale con quasi 2.850 miliardi di dollari di incassi finora. E con la nuova versione restaurata in 4K e resa più fluida dall’aggiunta di HFR (High Frame Rate) in alcune sequenze, la sua uscita cinematografica promette di essere un’esperienza mozzafiato. Cosa farci aspettare saggiamente prima Avatar: Il corso d’acqua.

Per questa seconda parte della saga di Na’vis, James Cameron intende trasformare il test e rivoluzionare ancora una volta l’industria (e perché no il 3D). A questo proposito, il produttore dei film del regista (dal titanico) Jon Landau è tornato più in dettaglio su ciò che pensava del 3D. E secondo lui, il dispositivo potrebbe ancora avere buoni giorni davanti.

Jon Landau e James Cameron con i loro prossimi figli Avatar

Secondo Landau, i lungometraggi piacciono Hugo Cabret o Vita di Pi restituirono al dispositivo le loro lettere nobiliari perché pensate all’interno della stessa messa in scena dei registi. Per questo il produttore ha voluto chiarire alcuni punti in merito l’uso prudente che avrebbe dovuto prevalere per questa tecnologia.

“Il 3D non rende un film migliore. Questo esacerba ciò che esiste. Quindi, se il film non è buono, il 3D lo indicherà. Hollywood impiega molto tempo per imparare. »

avatar: immagineUna dichiarazione che è proprio sul bersaglio

Torna quando è uscito Avatar, Il 3D si è presentato come il futuro del cinema. Il movimento si democratizzò molto rapidamente e diversi film utilizzarono questa tecnologia indiscriminatamente, favorendo conversioni in post-produzione, meno costose e impegnative rispetto alle riprese progettate da e per la terza dimensione.Gli studios la videro come un modo per vendere più costosi biglietti… quando i loro film sono diventati meno attraenti. Che ha portato grandi fallimenti come Scontro tra Titani chi ha offuscato l’immagine di questa innovazione.

Leggi  Il maestro dell'horror di Netflix ritorna: ha distrutto tutto ciò che ha fatto e ora osa aggiornare una serie mitica

Se pessime produzioni 3D hanno seppellito il dispositivo nella mente di molti spettatori, il suo utilizzo potrebbe riprendere con i capelli della bestia con il prossimo film di James Cameron. Per sapere se Avatar: Il corso d’acqua si presenterà come la produzione che riporterà il 3D al cinema, dovrai aspettare fino al 14 dicembre 2022 per poterlo scoprire nei cinema francesi.

Lascia un commento