fbpx

i trailer potrebbero essere considerati pubblicità ingannevole a Hollywood

Con una decisione inaspettata, un tribunale della California ha stabilito che i trailer cinematografici devono rispettare il False Advertising Act e la legge sulla concorrenza sleale dello stato. Martedì scorso un giudice ha dato il via libera all’iter giudiziario con il quale due fan hanno fatto causa alla Universal quando lo controlli Ana de Armasil motivo per cui avevano noleggiato il film ieri dopo averlo visto in un trailer, non è apparso nel montaggio finale del film.

La denuncia è stata presentata a gennaio di quest’anno da Conor Woulfe e Peter Michael Rosza, che hanno pagato 3,99 dollari ciascuno per noleggiare il film di Danny Boyle su Amazon Prime, e ora Chiedono 5 milioni di dollari di danni. considerando che sono stati ingannati.

Sebbene la causa fosse inizialmente considerata innocua e con scarse possibilità di successo, il processo legale continuerà nonostante gli appelli del team legale di Universal, che ha basato la sua difesa sull’accusa che un rimorchio è protetto dal Primo Emendamento (libertà di espressione).

Gli avvocati dello studio hanno sostenuto che un trailer è “un’opera d’arte” che racconta una storia di tre minuti che trasmette il tema del film e dovrebbe quindi essere considerato un discorso “non commerciale”. Il giudice adito ha respinto tale argomento, considera che un trailer è un discorso commerciale ed è quindi soggetto alla legge sulla pubblicità falsa della California e alla legge sulla concorrenza sleale dello Stato.

Da Ana de Armas a Diego Calva, gli attori latini che abbattono la barriera di Hollywood

“Universal ha ragione nel dire che i trailer implicano una certa creatività e discrezione editoriale, ma questa creatività non annulla la natura commerciale di un trailer“, ha scritto il giudice nella sua memoria. “In sostanza, un trailer è una pubblicità progettata per vendere un film fornendo ai consumatori un’anteprima del film”.


Gli avvocati della Universal hanno sostenuto che i trailer dei film iniziare a prepararsi prima che i film siano finiti, quindi potrebbero contenere immagini che non sono incluse nel montaggio finale. Hanno citato come esempio Jurassic Park(un altro film della Universal), il cui trailer era composto interamente da sequenze che non compaiono nel film.

Un precedente pericoloso

Da Universal richiamano l’attenzione sul rischio di classificare i trailer come “discorso commerciale”, perché questo potrebbe aprire la porta a una sfilata di richieste da parte di spettatori insoddisfatti, che, ad esempio, potrebbero soggettivamente sostenere che un film non è stato all’altezza delle loro aspettative le aspettative create dal trailer.

“Secondo il ragionamento dei querelanti, un rimorchio sarebbe privato di tutta la protezione del Primo Emendamento e sarebbe soggetto a costoso contenzioso ogni volta che uno spettatore affermava di essere deluso con la presenza o l’assenza nel film di qualsiasi persona o scena che aveva visto nel trailer; con il fatto che il film rientra nel genere che speravo; o con una qualsiasi delle delusioni illimitate che uno spettatore potrebbe rivendicare”, hanno sostenuto gli avvocati dello studio.

Leggi  Riepilogo e spiegazione alla fine!

La sentenza della Corte si limita alle affermazioni sulla presenza di un’attrice o di una scena nel film, il giudice ritiene che, sulla base del trailer di ieriera plausibile che gli spettatori si aspettassero che De Armas avesse un ruolo importante nel film.

Ana de Armas: “A Hollywood fai qualcosa di successo e ti offrono la stessa cosa, speriamo che ‘Blonde’ cambi le cose”

La scena tagliata di Ana de Armas in ‘Ieri’


ieri è una commedia romantica musicale del 2019 diretta da Danny Boyleda una sceneggiatura di Riccardo Curtis (Love Actually), con Himesh Patel, Lily James, Kate McKinnon e Ed Sheeran. Patel interpreta Jack, un cantautore che, dopo essere stato investito da un autobus durante un blackout globale, scopre di essere in una realtà in cui nessuno ha sentito parlare dei Beatles. Dopo aver verificato che la band non è mai esistita, Jack inizia a eseguire le loro canzoni, spacciandole per sue.

Inizialmente, De Armas sarebbe apparso come l’interesse amoroso del protagonista. Il personaggio di Patel l’avrebbe incontrata sul set del talk show di James Corden, dove Patel gli ha cantato dal vivo la canzone dei Beatles qualcosacome se lo stesse componendo cantando.

A proposito di questa polemica Riccardo Curtis ha spiegato che il personaggio di De Armas è stato tagliato dal montaggio finale perché al pubblico che ha visto il film prima della sua uscita non piaceva l’idea che il personaggio di Patel si allontanasse dal suo primo interesse romantico, interpretato da Lily James.

I fan di Ana de Armas hanno dimostrato di poter accettare un mondo in cui i Beatles e le loro canzoni non esistono, ma mai uno in cui promettono di vedere la loro attrice preferita e poi scoprono che non è nel film.

Lascia un commento