fbpx

“I supereroi sono diventati i nuovi dei in molti modi”

Amo questo film! Mi sto divertendo anche nei giorni in cui devo fare la stampa”, confessa improvvisamente Taika Waititi, regista, sceneggiatore e attore che torna con Thor: Amore e tuono all’universo che lo ha reso uno degli autori più perseguitati di Hollywood. Nei cinque anni trascorsi dal suo radicale lifting al dio nordico interpretato da Chris Hemsworthil neozelandese ha vinto l’Oscar come sceneggiatore per la favola JojoConiglio ed è stato scelto da Lucasfilm per dirigere a Guerre stellari lontano dalla dinastia degli Skywalker.

Prima di iniziare a scrivere il suo film per il franchise creato 45 anni fa da George Lucas, Waititi sarà presentato in anteprima Il prossimo gol vince. Il dramma sportivo basato su eventi veri con protagonisti Michael Fassbender ed Elisabeth Moss uscirà finalmente nei cinema nel 2023 nonostante alcune fonti del settore abbiano fatto notare che sarebbe stato rilasciato prima della fine dell’anno per poter competere nella prossima edizione degli Oscar.

Per il suo secondo film di Thor, la quarta avventura da solista per il primo personaggio del Marvel Cinematic Universe ad andare oltre una trilogia, il regista ha recuperato una delle trame più acclamate dei fumetti. Dopo essere stata assente da Ragnarok, Natalie Portman torna nella pelle di Jane Foster, l’ex fidanzata del supereroe e alleata inaspettata quando il ritiro di Thor viene interrotto da un assassino galattico noto come Gorr il Macellaio degli Dei, un personaggio interpretato da Christian Bale.

il giornale specializzato in serie televisive e film ha parlato con il neozelandese della partecipazione di Bale e Portman, del discorso impegnativo dietro un cattivo ossessionato dalla distruzione di tutti gli dei, della sfida di trovare il perfetto equilibrio tra commedia e dramma in questi film e della controversia sul bacio tra due donne Anno luceun film in cui Waititi doppia uno dei personaggi principali.

‘Thor: amore e tuono’ | Rimorchio | meraviglia

Jane Foster è tornata. È stato riportare Natalie nella tua lista dei desideri se avessi fatto un secondo film di Thor?

Ho molte altre cose pazze nella mia lista di cose che mi piacerebbe fare con Thor (ridere). Era chiaro fin dall’inizio che volevo che Jane fosse in questo film. Mi è sempre piaciuta molto Natalie Portman e non vedevo l’ora di avere l’opportunità di lavorare con lei, ma quando l’abbiamo fatto ragnarok Non ci andava affatto bene che il personaggio fosse lì. Una delle cose che mi ha eccitato di più nel fare un altro film è stata riavere Natalie e portare la trama di The Mighty Thor sul grande schermo. È una delle migliori storie dei fumetti e ci ha aiutato a portare il personaggio di Thor in un altro posto.

Christian Bale non ha fatto molti film o personaggi come questo. Come sei arrivato al progetto?

Abbiamo deciso che Gorr sarebbe stato il cattivo del film ancor prima che iniziasse a preparare e scrivere il film. Christian Bale è stato fin dall’inizio il primo nella lista degli attori che potevano interpretare il personaggio. Sarah Finn, la direttrice del casting, mi ha inviato una lista di suggerimenti e Christian era già lì. Si adattava perfettamente alla visione che avevo del personaggio, e la verità è che non l’abbiamo chiesto a nessun altro. Era l’unica persona con cui abbiamo parlato. Cristiano è stato fantastico. C’è una ragione per cui è uno degli attori più brillanti in circolazione.

Jane Foster ha poteri al suo ritorno in ‘Thor. Amore e tuono’.

Leggi  Oltre a Cobra Kai, Karate Kid tornerà in un nuovo sequel

C’è un messaggio interessante e stimolante dietro Gorr: gli dei sono egoisti e in realtà non fanno nulla per noi. Era qualcosa che volevi esplorare in questi tempi bui in cui stiamo vivendo in questo momento?

Abbiamo iniziato a scrivere il film prima della pandemia, ma era un’idea che ci interessava molto all’epoca. “Quando ci accadono cose brutte, dove sono allora gli dei? Perché ci crediamo? Perché rendiamo loro omaggio? Le figure divine sono sempre meno presenti nel mondo. L’idea di mettere in discussione la figura degli dei aveva sempre attirato la mia attenzione. A cosa servono?

Se noti, i supereroi sono diventati i nuovi dei in molti modi. Ci sono persone che sono più interessate a Iron Man rispetto agli dei tradizionali. Era un’idea che era sempre lì e con cui non vedevo l’ora di giocare.

In questo film affronti il ​​trauma di Thor, il cancro, il rapimento di un gruppo di bambini e, naturalmente, tutta l’avventura e il romanticismo. È stato difficile trovare il tono giusto in Love and Thunder?

La verità è che se. È sempre stato difficile trovare l’equilibrio tra commedia e dramma in questi film. Vuoi raccontare una storia che significhi qualcosa per il pubblico, ma vuoi anche che si divertano e non puoi dimenticare che stai realizzando un film ispirato ai fumetti con personaggi davvero divertenti.

La parte più importante del processo è la post-produzione: è lì che devi trovare il cuore della storia, eliminare scene, recuperare cose che avevi scartato, girare nuovamente le scene… In questi film, le riprese tradizionali [conocido en la industria como principal photography] Non è nemmeno metà del lavoro. Tutti questi film sono effettivamente realizzati durante il processo di post-produzione.

Christian Bale dà vita al cattivo di

Christian Bale dà vita al cattivo di “Thor, Love and Thunder”.

A differenza di ragnarok, hai realizzato questo film con la tecnologia Volume. Com’è stata l’esperienza?

Amo lavorare con questa tecnologia. La prima volta che l’ho sperimentato è stato lo scatto Il Mandaloriano. La mia testa è esplosa nel vedere in prima persona le possibilità di lavorare su questi set. In questo film abbiamo girato delle scene su una nave. Immagina quanto fosse realistico tutto il fatto che ci fossero persone che avevano le vertigini. Penso che sia una tecnologia che potrà solo migliorare. Più lo usiamo, più lo raffineremo. Gli attori lo apprezzano molto, perché possono recitare in un ambiente molto più reale e meglio illuminato. Non devi più inventare le cose per ore davanti a uno schermo blu.

C’è sempre stato un elemento queer nel tuo lavoro. La nostra bandiera significa morte Y Thor: Amore e tuono, anche i tuoi ultimi due progetti. Come hai vissuto la controversia sul bacio gay Anno luce?

Se c’è un Paese che non vuole programmare uno di questi film, peggio per loro. Mi dispiace molto che non potranno vedere questi grandi film. Siamo nel 2022, dovremmo preoccuparci di altre cose in questo momento. Mi annoia così tanto che qualcuno abbia un problema con l’idea di vedere due donne baciarsi.

Lascia un commento