fbpx

i primi pareri sulla serie Amazon ci sono (e fa venire voglia)

In pochi giorni, la serie è derivata da Signore degli Anelli, Anelli di potere, investirà nella piattaforma Amazon Prime Video. Cosa hanno pensato i critici?

Dopo un primo giro di recensioni molto positive e persino entusiastiche, la serie guidata da James D. Payne e Patrick McKay si preannuncia già come uno dei maggiori eventi audiovisivi di quest’anno. approfittando diun budget assolutamente sbalorditivo di circa 465 milioni di dollari (ma ci aspettavamo davvero di meno da Mr. Bezos?), l’attesissimo ritorno nella Terra di Mezzo ha, sin dal suo annuncio, lavorato sulle aspettative degli appassionati del lavoro di Tolkien e delle due trilogie firmate da Peter Jackson.

Concorrente diretto dell’altra grande serie per il ritorno a scuola, Casa del Drago (che sta già battendo record), Anelli di potere quindi aveva tutto l’interesse a colpire duro fin dall’inizio. E sembrerebbe che, per il momento, la scommessa ha successo a livello globale. Infatti, a seguito della revoca dell’embargo critico, la stampa americana, avendo avuto modo di vedere in anteprima i primi due episodi della serie, non ha esitato a condividere il suo entusiasmo… come i suoi dubbi. Giornale.

Le prime recensioni si raccolgono

“La serie unisce tutto ciò che abbiamo imparato ad amare del fantasy contemporaneo (come Il Trono di Spade e la sua miriade di personaggi principali) con la profondità e la precisione dell’universo di Tolkien. Ancora un’intera stagione da guardare, The Rings of Powers ha avuto un lancio di successo e soddisfa le sue specifiche in termini di qualità e dinamismo.” Therese Lascon – Collider

“Il ritmo dei primi due episodi di The Rings of Power è volutamente lento e lo spettacolo trarrebbe davvero vantaggio dal bilanciamento del tempo sullo schermo assegnato alle sue varie trame. Tuttavia, è evidente che lo spettacolo ha sufficiente fiducia nella sua narrativa per consentire agli spettatori tempo per familiarizzare con i personaggi, i loro vari obiettivi e le rispettive passioni, prima di impegnarsi in poste potenzialmente apocalittiche”. Lacy Baugher – Incolla

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere : foto Lenny HenryVisivamente sorprendente

“The Rings of Power prende vita a raffiche e fornisce ragioni sufficienti per sperare che con abbastanza tempo per sviluppare la propria narrativa e giocare con le proprie forze, la creazione di Amazon Prime lascerà il segno nel crescente universo di JRR. Tolkien. A la vera chimica tra i personaggi suscita anche la sua parte di umorismo ed emozione”. Ben Travers – IndieWire

“Questo è uno dei progetti più completi, ricchi e ben filmati che tu abbia mai visto: una narrativa incredibile, epica, tentacolare e magica che, sebbene sovraccaricata in alcuni punti, sviluppa una pletora di personaggi in un mondo che assomiglia di più un sogno ad occhi aperti più che altro. Attori tanto talentuosi quanto divertenti da guardare offrono interpretazioni forti e sincere, nonostante dialoghi che, ammettiamolo, a volte sembrano un po’ banali, come se fossero usciti da un libro per bambini”. Richard Roeper – Chicago Sun Times

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoDialoghi banali come questa immagine promozionale

“È un manifesto fantasy assolutamente esilarante, anche se all’inizio ciò che colpisce di più è l’abilità con cui i produttori esecutivi JD Payne e Patrick McKay riescono a bilanciare il fallo, il romantico e il brutale, l’euforico e la disperazione, l’ambizioso e l’intimo. È fresco, vivo e, successivamente, sulla buona strada per essere lo spettacolo che li dominerà tutti”. Nick Schager – Bestia quotidiana

“The Rings of Power, sviluppato dai produttori esecutivi Patrick McKay e JD Payne […] prevede una densa esposizione, pur riuscendo a trasmettere la poesia mistica di questo universo ben preciso che è quello di Tolkien. È ancora difficile dire se la serie riuscirà a mantenere nel tempo questa piccola scintilla, o se al contrario si impantanerà nella sua stessa ampiezza. Ma per ora, sembra che gli Anelli del Potere siano riusciti a raggiungere l’impossibile”. Esther Zuckerman – Vanity Fair

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: fotoUn vasto universo

“Questa è la serie più costosa nella storia della televisione, e si vede. Lo spettacolo servirà una narrazione che riesca ad affascinare spettatori come Frodo, Gandalf e Aragorn sono stati in grado di farlo per diverse generazioni? La preoccupazione è, per il momento, è ancora troppo presto per dire qualcosa. Questi primi due episodi sono principalmente incentrati sull’esposizione e la costruzione dell’universo della serie Tuttavia, il talento del cast fa sperare in un grande successo nel reparto del carisma”. Brian Tallerico – La playlist

“Il primo episodio è dedicato all’esposizione, alla costruzione dell’universo della serie e anche a dimostrare che una storia di questa portata può essere trasposta in televisione con successo, anche se a volte l’esposizione rallenta il tutto. Poi nel secondo episodio la storia inizia ad andare avanti, e diverse scene e personaggi mi hanno colpito come assolutamente affascinante, cosa necessaria per la longevità di una serie del genere, anche se gli effetti digitali e il lato epico sono destinati a diminuire nel lungo periodo .” Dan Fienberg – Il giornalista di Hollywood

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere: foto, Sophia NomveteUn cast che trasuda simpatia

“I dialoghi sono spesso imbarazzanti e appesantiti da un oscuro misticismo. I puristi di Tolkien saranno anche disgustati dall’introduzione di nuovi personaggi e altre trame inventate da zero per la serie. Tuttavia, i produttori esecutivi JD Payne e Patrick McKay si sono appropriati di una discreta quantità di materiale, inizialmente presentato come una cronaca che lasciava poco spazio al dialogo o allo sviluppo del personaggio, ed è comunque riuscito a creare una narrazione coinvolgente e soddisfacente”. Jeff Robson – Il giornale I

“Gli spettatori desiderosi di tornare nella Terra di Mezzo potrebbero trovare qualche soddisfazione lì, e credo sia giusto dire che The Rings of Power non è peggio di altre serie di avventure vuote (Altered Carbon, significa qualcosa per te?) che sono state proliferando sulle piattaforme di streaming per alcuni anni. Tuttavia, il vero disastro di questa serie è aver rovinato il proprio potenziale sacrificando un universo glorioso e illimitato sull’altare della sacrosanta ricetta del blockbuster senza speranza”. Darren Franich – Settimanale di intrattenimento

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: foto(Quasi) tutti sono felici

Sembrerebbe quindi che, per la maggior parte, le specifiche del Anelli di potere è stato riempito. La maggior parte dei giornalisti sottolinea l’opulenza degli effetti digitali e lo splendore della resa visiva della serie (allo stesso tempo, dato il costo di produzione della serie, era meglio), così come la natura accattivante dei molteplici personaggi introdotti in questi primi due episodi.

Leggi  Johnny Depp e Russell Crowe hanno mandato in frantumi la carriera di un superregista, secondo Ethan Hawke

Tuttavia, anche questi primi ritorni indicano l’evidente lentezza con cui la narrazione avanza. Se queste lunghezze sono necessarie per alcuni per dare alla serie il tempo di esporre l’estensione della sua trama e del suo universo, sfortunatamente sono piuttosto scoraggianti per altri. Non resta che attendere e vedere se, come alcuni suggeriscono, se lo spettacolo sprecherà o meno il suo potenziale trascurando di bilanciare correttamente la sua narrazione.

Ma dal momento che niente è meglio di prendere una decisione, vai al 2 settembre su Amazon Prime Video per scoprire i primi due episodi di Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere.

Lascia un commento