fbpx

I primi dinosauri della Disney che mangiano il mondo giurassico

Walt Disney è stato un genio pionieristico. La prova ancora con gli ambiziosi Fantasia del 1940 e più in particolare il segmento Il rito della primavera che ripercorre la creazione del mondo e l’era dei dinosauri.

Molto prima che Don Bluth e Steven Spielberg dessero una rinascita ai dinosauri, sia per i bambini con Il piccolo dinosauro e la valle delle meraviglie o il grande pubblico con il primo Jurassic Park -, la Disney aveva già partecipato all’ascesa dei sauri sul grande schermo con Fantasia. Questo terzo film d’animazione dello studio è stato rilasciato nel 1940 e, successivamente Il mondo perduto del 1925 e il King Kong del 1933, ha continuato a plasmare l’immaginario collettivo e ad alimentare il nostro fascino per questi giganti scomparsi.

“Si muovono in branchi”

MICKEY MOSTRA DENTI E ARTIGLI

Dopo il primo cortometraggio di animazione sonora e il primo lungometraggio di animazione tradizionale, la Disney ha continuato i suoi esperimenti cinematografici per sfruttare tutte le possibilità del mezzo con Fantasia, il primo balletto di musica classica animato. Questo terzo lungometraggio e capolavoro dello studio è composto da otto sequenze che illustrano famosi brani di musica classica riprodotti dall’Orchestra di Filadelfia sotto la direzione di Leopold Stokowski. Il film lascia così in secondo piano la dimensione divertente delle solite produzioni Disney – in particolare rimuovendo tutti i dialoghi – a favore diuna pura dimostrazione artistica, commovente poesia ed estetica.

Il quarto segmento, intitolato Il rito della primavera, reinterpreta l’omonima opera del compositore russo Igor Stravinsky che evoca il primitivismo attraverso un grande rito sacro pagano e le sue danze tribali. Per spingere ulteriormente il significato, la Disney ha quindi ridisegnato il balletto per raccontare la creazione della Terra.

Fantasia: fotoPianeta preistorico

Gli ottoni percussivi, le note acute e i ritmi caotici del primo tableau, Il culto della terrasi trasformano così in un diluvio di lava, fuoco e rocce sontuosi piani impressionisti con arie apocalittiche. Il secondo tavolo, Il sacrificio, ripercorre il regno dei dinosauri fino alla loro estinzione dopo il prosciugamento del pianeta. Ma il passaggio più memorabile rimane l’apparizione di un tirannosauro iconizzato: la musica e il montaggio che si lasciano trasportare, i dinosauri che si spaventano e il fulmine che colpisce al momento del suo arrivo.

Questo è seguito dal suo impressionante confronto contro uno stegosauro animato da Wolfgang Reitherman, uno dei nove saggi Disney che ha segnato la prima età dell’oro dello studio. La violenza, il gigantismo dei combattenti e l’epilogo selvaggio si stabilirono un po’ di più lo status di predatore definitivo del T-Rex oltre ad ancorare la sua immagine nell’immaginario collettivo.

Leggi  Quindi potete vedere 'Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere': data, ora e trasmissioni della prima stagione completa su Amazon Prime Video

Fantasia: fotoL’antenato di Sharp Teeth

STORIA DI VITA

Oltre ad adattare la narrazione e l’animazione alla musica, Il rito della primavera era una doppia sfida A differenza degli animali carini e stravaganti di Commedie di Alice, Sinfonie sciocche, Bianco come la neve Dove Pinocchio (uscito lo stesso anno), Walt Disney voleva rappresentare le creature con più veridicità scientifica, in un approccio realistico, addirittura naturalistico, lontano dall’immaginario magico dello studio. Questo approccio gli ha anche permesso di distinguersi dal cortometraggio Gertie il dinosauro del 1914, considerato il primo film con un dinosauro, quest’ultimo ritratto in modo piuttosto simpatico e stravagante.

La produzione sembra anche essere stata pensata come quella di un documentario sulla fauna selvatica. Le numerose carrellate decompartimentalizzano l’ambiente e talvolta danno l’illusione di essere in un safari giurassico per osservare lo stile di vita di diverse specie : triceratopo, diplodocus, pteranodonte, anchilosauro o brontosauro. Lo spettatore è invitato a scoprire frammenti della sua vita quotidiana, ea volte della sua morte che si mostra frontalmente, senza essere suggerita, ma senza essere particolarmente sconvolgente visto il distacco emotivo del pubblico.

Fantasia: fotoIl piccolo dinosauro e la valle delle meraviglie, le scene eliminate

Sebbene sia possibile studiare il movimento con attori, animali o oggetti reali, non è stato possibile per i dinosauri, di cui la conoscenza è solo teorica e approssimativa (che vale anche per l’inizio della sequenza che si svolge nello spazio). Invece di uno studio preliminare su argomenti tangibili, Il rito della primavera richiedeva quindi molta documentazione a monte, in particolare da parte di un biologo, un paleontologo e un astronauta, nonostante i suoi anacronismi ed errori paleontologici (l’aspetto di alcune specie, in particolare il corpo del T-Rex). La flora lussureggiante e le morfologie del pianeta sono state ispirate da illustrazioni di riviste scientifiche.

Dopo aver partecipato alla sua nascita, la Disney ha cavalcato ancora una volta il fenomeno con il film Dinosauro del 2000, che mirava anche a riprodurre le creature più credibili possibili, ma con un successo molto più misto e un impatto necessariamente meno potente. Tanti motivi per recensire Fantasia e il suo Rito di Primaveradisponibile in Francia su Disney+.

Lascia un commento