fbpx

I migliori film usciti a maggio 2022: da ‘Top Gun: Maverick’ a ‘Five Little Wolves’

Dopo aver recensito le migliori serie che il mese ci ha lasciato, è tempo di fare lo stesso con i film. Maggio è stato sinonimo di buon cinema, sia nelle sale che sulle piattaforme di streaming.

Nella nostra recensione di le migliori anteprime del quinto mese del 2022 abbiamo spazio per il sorprendentemente luminoso Top Gun: Maverick, sequel di uno dei film più pacchiani degli anni ’80; il documentario val, che ci costringe a dare uno sguardo diverso a una star di Hollywood con la reputazione di essere un attore difficile; l’opera spagnola prima cinque lupi che si è innamorato dello stesso Pedro Almodóvar; la brillante commedia drammatica Razzo Rosso sulla vita ai margini negli Stati Uniti e sul ritorno al cinema di supereroi di uno dei padri del genere, Sam Raimi, in Il dottor Strange nel multiverso della follia.

‘Cinque piccoli lupi’ (cinema)


A prima vista, il primo lungometraggio di Alauda Ruiz de Azúa sembrava essere una continuazione più naturalistica di la figlia oscura, lo sconvolgente esordio alla regia di Maggie Gyllenhaal che svela il volto nascosto e amaro della maternità. Amaia non è una “cattiva madre”, come il complesso personaggio che Olivia Colman ha umanizzato nell’adattamento del romanzo di Elena Ferrante, ma una vittima in più di una società in cui la distribuzione delle cure e dell’educazione continua ad essere ancorata a un sistema patriarcale.

cinque lupi sceglie di andare oltre e trasformare il viaggio nella natura selvaggia della nuova madre, che è il suo primo atto, in un racconto più ambizioso e ugualmente riconoscibile che parla dei ruoli familiari e dell’eredità generazionale. Grazie alle straordinarie interpretazioni del suo cast (con alcune fantastiche Laia Costa e Susi Sánchez in testa) e alla loro abilità nel trovare il difficile equilibrio tra emozione e moderazione, il preciso e l’universale, questa è una chicca che non deve passare inosservata.

Critica: ‘Cinque piccoli lupi’, emozione e onestà in un primo film disarmante sulla famiglia

‘Top Gun: Maverick’ (Teatri)


Come succede al protagonista di Top Gun: Maverick con l’aviazione, un’industria in cui i piloti stanno per essere sostituiti dalla tecnologia, Tom Cruise si aggrappa a una Hollywood morente dove i film si vedono nei cinema, quello che c’è sullo schermo sembra che accada davvero e le star del cinema contano. 36 anni dopo l’uscita di un film d’azione classico tanto iconico quanto antiquato, il regista Joseph Kosinski sorprende con un sequel straordinario ed emozionante che ha conquistato sia la critica che il pubblico.

In un momento in cui anche i blockbuster da 200 milioni di dollari sono afflitti da scene mediocri con effetti visivi e uso sfacciato del green screen, Kosinski e Cruise riescono a creare una successione di sequenze di volo impressionanti esaltate dall’irresistibile carisma del suo attore principale, dal travolgente sound design del produzione e l’emozionante colonna sonora in cui Hans Zimmer e Lady Gaga hanno collaborato per la prima volta. Insomma, uno dei migliori blockbuster degli ultimi anni.

Critica: ‘Top Gun: Maverick’, Tom Cruise apprezza lo spettacolo cinematografico vecchio stile in un grande sequel

‘Val’ (Film)


Se vi siete mai chiesti che fine ha fatto Val Kilmer, una delle grandi promesse degli anni ’80 e ’90 con film come Batman per sempre, le porte Y top Gun, val ha tutte le risposte di cui avevi bisogno. I registi Ting Poo e Leo Scott passano attraverso centinaia di ore di registrazioni casalinghe dell’attore stesso per costringerci a guardare l’attore con occhi diversi. Mentre Kilmer sta preparando un’opera teatrale su Mark Twain, una figura che lo ossessiona da anni, gli viene diagnosticato un cancro alla gola che può distruggere la sua capacità di parlare.

Leggi  Quanti anni ha Obi-Wan durante la serie Disney Plus?

Nelle mani di Poo e Scott, la malattia è un’occasione perfetta per ricostruire l’immagine pubblica e privata di un attore che Hollywood si era lasciato alle spalle e che è appena apparso fugacemente in Top Gun: Maverick. Accesso a un’enorme quantità di materiale grezzo (dalle bozze fallite che ha inviato a registi come Stanley Kubrick alla sconcertante scena tratta dalle leggendarie e travagliate riprese di L’isola del dottor Moreau) è una delle sue grandi pretese, ma il cuore di uno dei documentari dell’anno è nel viaggio alla scoperta di sé di una star del cinema che negli anni ha capito di voler davvero solo essere un artista libero.

Più: Il volto nascosto di Val Kilmer, l’attore con l’anima di un artista a cui Hollywood ha voltato le spalle per la sua reputazione

‘Red Rocket’ (cinema)


Pochi registi contemporanei hanno interpretato la vita ai margini degli Stati Uniti così come Sean Baker, il regista di mandarino, Il progetto Florida Y stelline. Uno straordinario Simon Rex avrebbe meritato una nomination all’Oscar per la sua interpretazione di Mickey Saber, una pornostar caduta in disgrazia che torna nella sua città per continuare a sfruttare tutti coloro che incrociano la sua strada.

A metà strada tra commedia e dramma, Razzo Rosso è una storia affascinante sul picaresco di un personaggio spregevole che usa il carisma per lasciare una serie di cadaveri (metaforici) sulla sua scia. In un certo senso, il nuovo film di Baker ricorda il buon capo, una storia molto diversa su un altro truffatore (questo ancorato al privilegio) che ha fatto appello al suo particolare magnetismo per ottenere ciò che voleva. Un must per chi è in grado di digerire un avvincente racconto di un lupo travestito da agnello nell’America di Trump.

‘Doctor Strange nel multiverso della follia’ (cinema)


Il Marvel Cinematic Universe continua ad esplorare il multiverso con un film che rivisita i traumi che il meraviglioso film ha già esplorato. Scarlatta e Visione, il meglio della serie Marvel che Disney+ ha rilasciato finora. Il carisma di Elizabeth Olsen e la sua rivalità con Benedict Cumberbatch / Doctor Strange sono altre virtù di un film irregolare ma con personalità.

Sam Raimi, padre dell’attuale febbre da film di supereroi grazie al primo adattamento cinematografico delle avventure di uomo Ragno, torna al genere più popolare del 21° secolo per ricordarci che anche i film Marvel possono avere una grande personalità dietro le quinte. Lo stile contorto e giocoso del regista di Evil Dead Y Trascinami all’inferno È particolarmente riconoscibile nel serie di pezzi – insieme di pezzi degli Illuminati, una delle grandi sorprese del secondo film solista di Doctor Strange.

Critica: ‘Doctor Strange nel multiverso della follia’, uno spettacolo di illusioni emozionante e terrificante

Potrebbe interessarti anche…

Lascia un commento