fbpx

“I film sono come i tuoi figli, li ami allo stesso modo anche se alcuni sono più brutti”

L’inaugurazione di una mostra che onora e celebra la sua carriera sembra l’occasione perfetta per chiedere al cineasta visionario, in questi giorni in visita in Spagna di promuovere Il labirinto di Tim Burton, se hai un debole per uno qualsiasi dei suoi film. I critici hanno sempre optato per Edward mani di forbice e soprattutto, Ed Wood come le grandi opere della carriera dell’artista iconoclasta. Tim Burton non è in grado di scegliere tra tutte le sue opere. “Sono tutti come i tuoi figli, li ami allo stesso modo. Alcuni sono più brutti e altri meno, ma li ami lo stesso“, riconosce il giornale specializzato in serie televisive e film durante il suo incontro con un gruppo di giornalisti all’ingresso dell’Espacio Ibercaja Delicias.

Nel Labirinto di Tim Burton c’è un attore che appare in maniera ricorrente, come potrebbe essere altrimenti. Negli ultimi dieci anni non ha più collaborato con Johnny Depp, ma tra il 1990 (Edward mani di forbice) e 2012 (Ombre scure) il controverso attore di oggi è stato il volto del suo cinema in otto dei suoi film. Nonostante fosse vietato interrogarlo sul protagonista di Pirati dei Caraibi, il regista risponde alla domanda senza creare problemi: “Certo [que volveré a trabajar con Johnny Depp]a volte”prima di insistere sul fatto che non sai mai quale sarà il tuo prossimo progetto o quale dei tuoi collaboratori abituali ci lavorerai di nuovo.

[Tim Burton, sobre su adolescencia: “Tuve muchos problemas para conectar con la gente”]

Tra i personaggi creati da Burton che possono essere visti durante il tour ci sono Edward Mani di Forbice, La sposa cadavere, Jack Skeleton, il Cappellaio di Alice nel Paese delle Meraviglie o il Pinguino di Batman ritorna. Durante gli anni ’80, il regista è stato uno dei pionieri che si è cimentato nel cinema dei supereroi quando ha diretto Michael Keaton nelle prime due avventure di Bruce Wayne sul grande schermo.

“Ricordo quando giravano questi film i dirigenti dello studio [Warner Bros] Mi hanno detto che erano troppo scuri. Ora rido perché non esiste un film di supereroi abbastanza oscuro”, ride il regista, proprio come quando gli dicono cosa ne pensi del fatto che Keaton interpreterà nuovamente Batman in un altro film della DC Comics. Quando hanno girato il film, ricorda, l’attore ha scherzato sul fatto che 40 anni dopo sarebbe stato di convention in convention vestito da supereroe. “Quello che non ci aspettavamo è che lo avrebbe giocato di nuovo”.

Il regista accanto a una sua creazione nella mostra ‘Tim Burton’s Labyrinth’.

“Edward Mani di Forbice è un personaggio che ho creato basandomi su come mi sentivo da adolescente”, ricorda il regista. “Quando ho guardato film come Frankensteinpotrei identificarmi con quel tipo di caratteri. L’immagine del mostro ha per me un elemento romantico e ho sempre creduto che luce e oscurità non si escludano a vicenda”.

Burton lo ammette Per lui, girare un film o disegnare ha qualcosa di terapeutico. “È come affrontare i miei problemi. Mi sono sempre piaciuti i mostri. Penso che abbiano una parte emotiva molto bella. Mi sento benissimo quando qualcuno mi dice che il mio lavoro ha avuto un impatto positivo sulle persone perché questo è l’effetto che quei tipi di film hanno avuto su di me quando ero più giovane”.

Tim Burton è passato attraverso

Tim Burton è passato attraverso “El hormiguero” per promuovere la mostra sul suo lavoro.

Leggi  Don't Worry Darling: c'è una scena post-crediti?

direttore di Grandi occhi ancora sorpreso di sentire ora sono i “perdenti” di tutta la vitaappassionati di fumetti e fantascienza, coloro che dominano la conversazione culturale e il cinema che si fa a Hollywood. “Quando sono cresciuto non era così”, insiste a il giornale specializzato in serie televisive e film. “[Si eras diferente]hai sofferto Quando eri piccolo e ti sentivi in ​​un certo modo, è qualcosa che ti accompagna per sempre”, spiega uno dei registi di maggior incasso nella storia del cinema. “Anche se le cose cambiano in seguito e hai successo, avrai sempre quella sensazione che hai provato qualche volta quando eri piccolo. Quei pensieri di isolamento o solitudine rimangono con te, che ti piaccia o no”.

Quel ragazzo strano che non se ne andrà mai è contento di non essere cresciuto nell’era dei social media e del sovraccarico di informazioni. “Non mi piace niente. Non vado sui social media perché mi spaventano, e quando lo faccio, non mi sento bene”. Si lamenta anche di quante informazioni ci siano sui film prima che vengano rilasciati. Warner Bros. e Burton hanno deciso di nascondere il Costume di Batman fino alla premiere. “Sono contento di non essere nato in questo periodo e di essere riuscito ad andare a vedere un film senza sapere tuttosenza essere influenzato da tanti media e tante informazioni”.

Una mostra unica, immersiva e originale

Tim Burton, durante la sua visita a Madrid.

Tim Burton, durante la sua visita a Madrid.

A partire da domani, 29 settembre, Espacio Ibercaja Delicias ospita Tim Burton, il labirinto, un’esperienza immersiva creata da LETSGO che debutta in tutto il mondo e arriva a Madrid per mano dello stesso Tim Burton. L’esperienza, di quale parte 200 bozzetti originali che sono stati donati dall’ideatore per l’occasioneoffre ai fan del regista e ai più curiosi un percorso in un labirinto che mostrerà i diversi tempi del regista che visita stanze allestite con luci, tecnologia, musica, scenografie e costumi delle sue opere.

Questo progetto nasce dal nostro amore per il lavoro di Tim Burton e il nostro sogno di creare un’esperienza immersiva unica e portarla dalla Spagna al resto del mondo. È stato un onore e un’avventura fare questo viaggio creativo con un artista della statura di Tim Burton e speriamo che tutti i visitatori possano vivere il nostro sogno e continuare a immaginare dopo averlo visitato”, spiega Iñaki Fernández, produttore esecutivo e creativo di Letsgo .

[‘Wednesday’: Catherine Zeta-Jones y Luis Guzmán liderarán la familia Addams en la nueva serie de Netflix]

La mostra si preannuncia un’esperienza unica, in cui l’assistente si immergerà nella mente del regista visionario, scoprendo il suo mondo interiore e il suo processo creativo. Molti dei progetti che si possono ammirare durante il tour sono pezzi originali mai esposti prima, nemmeno nella celebre mostra arrivata al MOMA di New York.

Sebbene la mostra si apra a Madrid con lo svantaggio che i partecipanti non potranno vedere l’intera mostra in una sola visita, Il labirinto di Tim Burton promette al suo pubblico che vivrà “un’esperienza unica in cui solo tu e la destinazione deciderete tra i quasi 300 percorsi possibili”.

Lascia un commento