fbpx

I creatori del documentario ‘The Staircase’, infastiditi dalla cattiva immagine che la serie HBO dà di loro

La serie di fantasia sul caso Michael Peterson ha come protagonista Colin Firth e riflette le riprese dei docuserie durante il processo, ma Jean-Xavier De Lestrade e il suo team sono rimasti davvero delusi: “Questo ci fa molto male”.

La scalala nuova serie di fiction della HBO che settimana dopo settimana ricostruisce il caso di Michael Peterson, scrittore accusato di aver ucciso la moglie nel 2001è uno dei migliori “crimini veri” dell’anno. La storia, travolgente e polarizzante come poche altre, è stata oggetto di grande copertura mediatica ai suoi tempi, ormai 20 anni fa, e, Anche dopo due processi e due decenni di viaggi, nel 2022 è più che legittimo continuare a chiedersi se Peterson abbia ucciso sua moglie, Kathleen, o se, come ha sempre sostenuto l’imputato, la sua morte sia avvenuta dopo essere caduta accidentalmente dalle scale.

Il caso è stato oggetto di un’omonima serie di documentari che è stata girata contemporaneamente al processo. e come tale è mostrato nella narrativa, ma i preposti alla sua realizzazione, la cui opera è sempre stata oggetto di grande riconoscimento, non sono contenti dell’immagine del loro lavoro.

Nella serie HBO, sviluppata da Antonio Campos (Il peccatore, il diavolo a tutte le ore), il premio Oscar Colin Firth è incaricato di dare la vita a Michael Peterson, mentre Toni Collette è sua moglie. Il cast è completato da nomi importanti, come Sophie Turner nella pelle di una delle sue figlie o Parker Posey, che è eccezionale nel suo ruolo di procuratore Freda Black, tra gli altri. I personaggi, tutti reali, costituiscono l’enorme nucleo familiare della famiglia Peterson -composto da figli di diversi matrimoni-, così come il resto delle persone che li circondano e le rispettive squadre di accusa e difesa legale. Infine, Nella serie compaiono anche i registi di documentari che hanno rilevato la famosa e acclamata serie di documentari La scalauno dei più rispettati nel suo genere e potremmo dire che è quasi un pioniere.

Come riflesso La scala da HBO, il team della serie di documentari -lo potete vedere per intero disponibile su Netflix- ha seguito Michael Peterson e il suo team legale guidato da David Rudolf quasi dall’inizio del caso di omicidio, assistendo alle sue riunioni preparatorie, assistendo alle sue indagini per provare l’innocenza dello scrittore e seguendo dall’interno lo sviluppo del processo e gli effetti che ciascuno dei suoi giorni ha avuto su Michael e il suo ambiente. R) Sì, La scala è stato in grado di costruire una storia complessa e completa sul lavoro su un procedimento penale, così come la sua copertura mediatica e l’effetto sulla giuria e sulla società di alcuni fattori utilizzati dall’accusa.

Leggi  3 serie in anteprima consigliate da guardare questo fine settimana su Netflix, HBO Max e Amazon

I responsabili dell’interpretazione dei documentaristi responsabili di The Staircase sono Vincent Vermignon, che interpreta il regista e sceneggiatore Jean-Xavier de Lestrade, Juliette Binoche nei panni della montatrice Sophie Brunet -che ha avuto una relazione romantica per quasi due decenni con Peterson- e Frank Feys nel ruolo del produttore Denis Poncet.

Dalla collaborazione alla delusione: “Per noi è davvero dannoso”

Così importante è la serie di documentari che Affrontare il caso di Michael Peterson sarebbe impossibile senza tener conto del materiale girato da De Lestrade e dalla sua squadra.

Antonio Campos ne era consapevole, quindi il regista non ha esitato a contattarli per mostrare il suo interesse a lavorare a un adattamento drammatico della storia che finirebbe per diventare la serie attualmente in onda su HBO. Da quel contatto, De Lestrade ha lavorato a stretto contatto con Campos per condividere risorse e consigli dalla propria esperienza cinematografica, invitando Campos anche sul set durante le riprese di ulteriori episodi di La scala che Netflix ha prodotto e che ha dato alla serie di documentari una ritrovata popolarità.

Tutto sembra perfetto quando si disegna questo scenario, ma la realtà è quella ora il team originario delle docuserie afferma di non essere soddisfatto della sua rappresentazione nell’adattamentoche è fuorviante e distorce la realtà, come pubblicato Fiera della vanità. Le sue lamentele arrivano specificamente per l’episodio 5 della serie, ‘Il cuore pulsante’ (1×05)emesso venerdì scorso e in cui, secondo De Lestrade, “[Campos] ha superato il limite”.

hbo max

Michael Peterson e Jean-Xavier De Lestrade nella serie HBO Max.

L’episodio sembra implicare che De Lestrade e Brunet sostenessero che Peterson fosse interpretato con simpatia nella serie., che ha aiutato l’immagine di innocenza di Peterson presso gli spettatori. In effetti, arriva persino a suggerire che Brunet abbia curato gli otto episodi originali di La scala mentre nella sua relazione con Peterson a tale scopo. Tuttavia, Brunet insiste sul fatto che ha svolto il suo lavoro con assoluta professionalità e che quando lei e Peterson hanno iniziato la loro storia d’amore, aveva già finito di montare la serie originale.

Mi sento davvero a disagio. Ma devo proteggere il mio lavoro. Una serie HBO come questa attirerà molta attenzione. E se le persone pensano che ciò che stanno vedendo sia vero, per noi è davvero negativo. Mi dispiace molto, perché non voglio danneggiare la carriera di un regista di talento come Antonio. Perché è un regista molto talentuoso. Ma in questo caso, ha fatto qualcosa di sbagliato [Jean-Xavier De Lestrade]

“I documentari sono molto simili ai giornalisti in quanto cerchiamo di preservare un certo grado di integrità e comportamento etico”, continua il produttore Scott Stevenson. “Anche se ovviamente dobbiamo modificare il materiale, navigare attraverso centinaia di ore di filmati e prendere decisioni per raccontare una storia avvincente… c’è un processo per farlo in modo da preservare l’integrità. Jean è un uomo di principi ed etica. Girarlo in un’altra direzione porta via qualcosa a tutti noi e anche a questa serie in particolare”.

La spiegazione del produttore è particolarmente importante quando si tratta di differenziare tra le decisioni di montaggio prese per costruire una storia dopo la selezione di ore e ore di metraggio e tra quelle prese con l’obiettivo di dare una certa immagine. In questo secondo caso entra in gioco il concetto di manipolazione che, oltre ad essere serio, scredita un lavoro per il quale fino ad oggi erano stati sempre applauditi.

Se vuoi essere aggiornato e ricevere le anteprime nella tua email, iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento