fbpx

i 5 motivi che lo rendono un totale fallimento

Diablo Immortale è disponibile su cellulare e PC. Ti spieghiamo perché è un completo fiasco in 5 motivi.

Dal suo primo annuncio nel novembre 2018 durante la BlizzCon 2018, Diablo Immortale aveva sollevato un’ondata di rabbia tra i giocatori. Blizzard aveva rivelato che il titolo sarebbe stato co-sviluppato da NetEase, il colosso cinese dei videogiochi, specializzato nel supporto mobile. Un gioco Diablo nuovo sul cellulare? Non è stato sufficiente per la comunità dei fan di Diablo farsi avanti per gridare allo scandalo, per chiedere ad Activision-Blizard di cambiare tono e invece andare a progettare un vero sequel di Diablo III.

I giocatori temevano che Blizzard avrebbe trasformato il franchise Diablo in un MMORPG di fascia bassa, se la qualità grafica del titolo non soddisfa i soliti requisiti della saga o, peggio ancora, se diventa un free-to-play pieno di microtransazioni. Quattro anni dopo il primo annuncio, arriva il verdetto. Invece il gioco è disponibile dal 2 giugno 2022 su iOS, Android e PCla conclusione è semplice: tutte le paure dei giocatori si sono avverate. Dopo la truffa Diablo II risortoBlizzard riesce a fare anche peggio.

Ecco cinque motivi per cui Diablo Immortale avrebbe dovuto chiamarsi Diablo Immoral.

5 – Dal riciclaggio alla nausea

Nonostante le promesse di Activision-Blizzard in merito Diablo Immortaleche aveva promesso che il titolo avrebbe beneficiato della stessa cura di un episodio della serie principale, con nuove quest, nuove creature e dungeon degni di questo nome, la realtà è ben diversa. Diablo Immortal è in realtà solo un enorme riciclaggio concetti, design, risorse e mostri dei giochi precedenti. Il pretesto con cui Blizzard giustifica questo riutilizzo? Lo scenario del software, che spinge il giocatore al 1270, 20 anni dopo Diablo II e prima Diablo III.

Blizzard non si è nemmeno preoccupata di creare nuove classi di eroi. Lo studio ha recuperato le classi di Diablo 3 così com’è: Barbaro, Crociato, Cacciatore di Demoni, Monaco, Negromante e Stregone tornano in servizio. Lo stesso vale per i boss principali, semplicemente presi dagli altri episodi: Leoric the Skeleton King, The Countess of Diablo 2... Per quanto riguarda il boss finale, è sempre e sempre Baal, ovviamente. Perché preoccuparsi di creare cose nuove quando basta accontentarsi del servizio minimo invocando il sacrosanto fan-service?

on prendi gli stessi e ricominciamo

4 – Gioco di fragole

Che idea voler pubblicare un gioco Diablo sul cellulare? Con il suo gameplay semplice, la licenza è impegnativa e non lascia passare alcun errore. Se il franchise è riuscito a essere relativamente giocabile su console con Diablo 3, i fan diranno a chiunque voglia ascoltarlo: niente batterà la combinazione tastiera-mouse per essere efficace Diablo. Nel caso Diablo Immortale, il gameplay touch-screen è sacerdotale. Devi essere paziente come un monaco per non farlo infuriarsi per un gameplay così debole e impreciso.

È anche una doppia penalità per i giocatori mobili, perché se Diablo Immortale è orgoglioso di mostrare il fatto di essere cross-play e multipiattaforma con utenti di PC, durante le partite multiplayer, in particolare durante gli scontri giocatore contro giocatore, utenti iOS e Android semplicemente essere massacrato sulla catena. Impossibile per loro essere all’altezza dei loro avversari.

Diablo Immortal: immaginiet su un piccolo schermo non puoi vedere nulla

3 – È brutto piangere

Un’altra ripercussione di aver sviluppato il gioco principalmente per dispositivi mobili, Diablo Immortale è brutto. Sebbene la saga non sia mai stata un grande successo in termini tecnici, ha sempre abituato i giocatori a una grafica solida e a una direzione artistica oscura ma colorata. Questo non è assolutamente il caso di quest’ultima aggiunta a Blizzard. Questo opus mobile è più che tecnicamente imperfetto, pieno di bug e le animazioni sono almeno una generazione di hardware alle spalle.

Leggi  Quanto dura e quanti episodi?

Colpa di un hardware molto più debole di quello offerto da una console domestica o da un PC, la versione mobile offre un annuncio piatto e insapore, con un lavoro su contrasti quasi inesistenti. I giocatori della versione PC devono inoltre sperimentare il livellamento verso il basso, poiché si tratta di una versione mobile a malapena levigata e molto pigramente migliorata con cui hanno a che fare. È abbastanza semplice: Diablo Immortale appena più bella di a Leggenda dell’ombra dell’incursione

Diablo Immortal: immaginiRaid Leggenda di Diablo

2 – Free-to-Play pay-to-win

Dal momento in cui Diablo Immortale è stato annunciato come free-to-play, le ansie dei fan al riguardo sono cresciute costantemente. Il motivo principale di questa preoccupazione: il dosaggio con cui Blizzard avrebbe incluso elementi a pagamento in questo titolo. La risposta è semplice, disse l’editore finora nella quantità di elementi a pagamento inclusi nel gioco che l’overdose non è lontana.

Oltre alle tradizionali valute virtuali per acquisire equipaggiamento raro, Blizzard ha creato un sistema simile a un abbonamento, che per un investimento di dieci euro aumenta le quantità di bottino e bonus giornalieri. Ma se dimentichi di accedere anche per un giorno, il bonus è perso.

La ciliegina sulla torta: per accedere a oggetti leggendari, dovrai pagare per poter trasformare i dungeon in lootbox giganti. Nonostante il tentativo di nascondere le lootbox, modificando la velocità con cui si ottengono oggetti rari nei dungeon, Blizzard sta già pagando per questo. Nei paesi che vietano l’uso di lootbox, come Belgio e Paesi Bassi, Diablo Immortale è stato bandito dalla commercializzazione.

Diablo Immortal: immaginiVScoloro che vogliono giocare alla vecchia maniera saranno rapidamente puniti

1 – uno studio che non si preoccupa dei giocatori

L’aspetto pay-to-win è così presente Diablo Immortale che i giocatori professionisti di Bellular News hanno ritenuto opportuno pagare fino a 100.000 euro per poter raggiungere il livello massimo nel gioco e avere una build leggendaria completa. Una dichiarazione che Wyatt Cheng, il direttore del gioco, si è affrettato a smentire, ma solo a metà. Ha persino condiviso un tweet spiegando che i commenti di giocatori e critici erano “disinformazione” destinata ad affondare il gioco:

“Non mi piace che le informazioni siano fuorvianti. C’è una differenza tra i giocatori che apprezzano o non apprezzano un gioco in base ai suoi meriti (che posso accettare, non tutti i giochi sono adatti a tutti). mondo) e quelli a cui piace o non piace un gioco sulla base della disinformazione che lo circonda”.

Diablo Immortal: immaginiLsono giocatori pronti a demolire Diablo Immortal

Anche se il regista e le squadre Blizzard si difendono Diablo Immortale, il verdetto dei giocatori è caduto. Attualmente il titolo è uno dei più bassi nella storia dei videogiochi su Metacritico. Con una media di 0,5/10 basata su più di 2.500 voti, è il gioco Blizzard meno accolto dai giocatori.

Ma ciò non basterà a piegare Activision-Blizzard: lo studio non ha intenzione di cambiare tono, e intende mantenere questa nuova politica pay-to-win, che è molto più redditizia rispetto alla vendita di un gioco completo per console o PC.

Lascia un commento