fbpx

i 5 momenti chiave della migliore attrice nella storia del nostro cinema

Penélope Cruz è la storia della Spagna. L’attrice madrilena, premiata durante i suoi trent’anni di carriera agli Oscar, ai Goya, ai festival di Cannes, San Sebastián e Venezia e alle Accademie di cinema d’Italia, Regno Unito o Francia, è stata nominata l’ultima vincitrice del Premio Nazionale Premio cinematografico.

La giuria dell’edizione gli ha conferito il premio all’unanimità e in riconoscimento di un anno straordinario che gli è valso la quarta candidatura ai premi più importanti del pianeta e una Coppa Volpi alla Mostra del Cinema di Venezia per madri paralleleil suo settimo film diretto da Pedro Almodóvar.

Per capire la vera dimensione di un’attrice che rappresenta la Marca España come poche altre, è necessario fare un ripasso cinque episodi della sua carriera per rendere giustizia a una stella irripetibile.

1. La sua scoperta

Penelope Cruz in “Jamón Jamón”.

Dopo aver trascorso anni a studiare danza classica al Conservatorio Nazionale di Madrid, la futura attrice è stata scoperta da Nacho Cano nel 1988quando aveva solo 18 anni. Penélope ha debuttato come attrice in La forza del destino dopo aver superato un casting a cui hanno partecipato più di 200 attrici. La madrilena è saltata da lì alla televisione, dove è apparsa I mondi di Yupi e presentato il programma per e per gli adolescenti la quinta marcia con Gesù Vazquez.

Anche se il suo primo personaggio cinematografico è stato il labirinto grecodi Rafael Alcazar la sua vita e la sua carriera sono cambiate per sempre quando Bigas Luna l’ha scelta per recitare Prosciutto Prosciutto insieme ad altri diamanti grezzi come Jordi Mollá e il suo futuro marito, Javier Bardem. “La jamona” gli ha conferito la prima delle sue tredici nomination ai Goya, un premio che si è portato a casa tre volte: La ragazza dei tuoi occhi, Ritorno Y Vicky Cristina Barcellona. Poco dopo la rivelazione di una supernova, è arrivato un altro film che ha unito per la prima volta le loro strade a quelle di Fernando Trueba e con cui avrebbe calcato per la prima volta gli Oscar: belle époque.

2. La sua storia d’amore con Pedro Almodóvar

Pedro Almodóvar e Penélope Cruz sul red carpet dei Goya Awards.

Pedro Almodóvar e Penélope Cruz sul red carpet dei Goya Awards.

La leggenda narra che Pedro Almodóvar si sia innamorato di Penélope Cruz dal suo primo incontro con un’attrice che ha raccontato mille volte la storia di come ha capito che voleva essere un’attrice vedendo legami. Il Manchego è rimasto con il desiderio di dargli il ruolo di protagonista in natura Kika, finché non si è resa conto che Alcobendas era troppo giovane per interpretare un personaggio che avrebbe segnato per sempre la carriera di un’altra icona come Verónica Forqué. Nonostante la frustrazione Pedro gli promise che presto avrebbero lavorato insieme.

In Nemmeno il fiore del mio segreto C’era spazio per la giovane attrice, ma Penelope è riuscita a realizzare il suo sogno di lavorare con il suo regista preferito quando le ha offerto un personaggio tanto breve quanto indimenticabile in carne tremolante, la giovane madre che muore in un primo e prematuro parto insieme alla futura nonna dei suoi nipoti: Pilar Bardem. Divennero inseparabili e nel corso degli anni suora di Tutto su mia madrela madre coraggio di Ritornol’attrice condannata per Abbracci spezzatila madre di una versione romanzata di Almodóvar in dolore e gloria e Janis da madri parallele.

Ogni volta che c’è stata una madre nel cinema di Pedro Almodóvar negli ultimi 25 anni, Penelope è stata lì, l’attrice che ha saputo adattarsi meglio alla direzione di controllo degli attori di quella. Il risultato è la storia del cinema. Dopo sette collaborazioni (tra cui un fugace cameo con Antonio Banderas in gli amanti di passaggio), si possono pensare a poche collaborazioni tra un regista e un interprete più fruttuose della sua. Anche se Cate Blanchett sarà la protagonista del primo film in inglese del manchego (Manuale per le donne delle pulizie), non abbiamo dubbi che prima o poi li vedremo collaborare di nuovo insieme.

3. Un’icona europea

Penélope Cruz con la Coppa Volpi per 'Madri Parallele'.

Penélope Cruz con la Coppa Volpi per ‘Madri Parallele’.

gtres

Penélope Cruz ha deciso di tornare in Europa all’inizio degli anni 2000 per dimostrare il suo valore come attrice dopo che le sue prime avventure a Hollywood hanno avuto risultati contrastanti. attore e regista Sergio Castellito l’ha chiamata per dare vita a quello che è sicuramente il personaggio più difficile della sua carriera: Italia, una donna di origine albanese che incrocia la strada di un uomo in crisi. La sua devastante esibizione in Non muoverti Si è concluso con un David Di Donatello, l’italiano Goya, riconoscimento che solo un’altra attrice spagnola ha vinto: Ángela Molina.

L’Italia longanime fu l’inizio della storia d’amore di Cruz con il vecchio continente. Due anni dopo, nel 2006, il Festival di Cannes ha deciso di rendere omaggio al mito della donna Almodóvar assegnando il premio per la migliore interpretazione femminile a tutte le attrici di Ritorno, il film che avrebbe finito per regalare alla madrilena la sua prima nomination all’Oscar mesi dopo. Nel 2009 sono state le sue colleghe della British Academy a fare di Penelope l’unica donna spagnola a vincere un BAFTA grazie al suo aspetto travolgente nei panni di María Elena, l’artista vulcanica creata da Woody Allen in Vicky Cristina Barcellona.

Penélope Cruz raccoglie emotivamente il César onorario.

Penélope Cruz raccoglie emotivamente il César onorario.

Nel 2018 è arrivato il primo della lunga lista di riconoscimenti onorari che l’attrice è destinata a raccogliere per il resto della sua vita. La French Film Academy gli ha conferito un César onorario per onorare una carriera che aveva fatto tappa anche nel paese vicino. Poco prima di giocare in Italia, Cruz ha imparato il francese foneticamente poter recitare in un film d’avventura, Fanfan la Tulipeche ha aperto il Festival di Cannes nel 2003.

Leggi  La serie più attesa debutterà nel giugno 2022: da 'Ms. Marvel" a "Peaky Blinders"

L’Italia chiude il cerchio con un nuovo traguardo per l’interprete quando la giuria presieduta da Bong Joon-ho ha deciso che meritava la Coppa Volpi madri parallele. Nella conferenza stampa successiva alla premiazione, i giudici hanno confessato di aver tentato di vincere il premio anche per la sua folle ed esilarante esibizione in concorso ufficiale, commedia ispano-argentina presentata in concorso anche alla Mostra del Cinema di Venezia. Le regole non lo permettevano, ma il suo lavoro esilarante ci ha ricordato ancora una volta la sensazionale vis comedy che in realtà aveva fatto ridere il pubblico dai tempi di Tutto è una bugia.

4. Primo Oscar per un’attrice spagnola

Penelope Cruz, re di Hollywood.

Penelope Cruz, re di Hollywood.

L’Accademia di Hollywood si era innamorata di lei molto prima che la figlia di Eduardo Cruz ed Encarna Sánchez entrasse nella storia nel 2009 con il primo Oscar per una donna spagnola per Vicky Cristina Barcellona. Dalla prima e indimenticabile volta in cui è salita sul palco per regalare al suo adorato Pedro la statuetta d’oro Tutto su mia madrePenelope era tornata al gala per dare i premi per il miglior costume Gladiatore (2001), Suona a Ray e montaggio sonoro su Gli incredibili (2005), Colonna sonora originale a Babele (2007) e Film internazionale austriaco falsari (2008).

L’attrice ha debuttato come candidata nel 2007 per Raimunda de Ritornoun’interpretazione iconica che è caduta in uno dei migliori quintetti nella storia della categoria: Meryl Streep (Il diavolo veste Prada), Kate Winslet (giochi segreti), Judi Dench (diario di uno scandalo) e la vincitrice Helen Mirren (Regina). La seconda candidatura è stata quella definitiva.

Approfittando del fatto che gli elettori si erano rifiutati di accettare il tentativo di Harvey Weinstein di scegliere la sua amica Kate Winslet come attrice non protagonista per Il lettore (la performance che finirà per vincere l’Oscar nella categoria principale), Penélope è arrivata alla serata più importante della sua carriera come la grande favorita per il suo lavoro in Vicky Cristina Barcellona. Gli spagnoli non hanno dovuto aspettare troppo a lungo per vederla fare la storia. La categoria Miglior attrice non protagonista è stata la prima della serata, un momento indimenticabile che è stato presentato da cinque leggende che già sapevano com’era vincere il premio: Anjelica Houston, Whoopi Goldberg, Eva Marie Saint, Goldie Hawn e Tilda Swinton.


In un discorso indimenticabile, Penelope ha festeggiato come è nata in un luogo chiamato Alcobendas“dove questo non era un sogno molto realistico”, ha ricordato chi c’era e chi non c’era, ha ringraziato i registi che gli hanno dato le prime opportunità e ha avuto parole sia per il suo inseparabile Pedro Almodóvar che per le migliaia di spagnoli che hanno seguito dal vivo e all’alba un momento storico per la cultura spagnola.

Penelope è stata nominata per la statuetta d’oro in altre due occasioni: il musical Nove e il dramma madri parallele. Con la sua seconda candidatura per un’interpretazione in spagnolo, si unisce alle orme di altre icone che hanno saputo abbattere due volte la barriera dei sottotitoli: l’italiana Sophia Loren, la svedese Liv Ullman e le francesi Isabelle Adjani e Marion Cotillard. Quasi niente. Alcune pubblicazioni come Variety hanno scommesso all’ultimo minuto che Janis le avrebbe dato il suo secondo Oscar, ma alla fine gli elettori hanno optato per Jessica Chastain. Forse la prossima volta.

5. Ritorno a casa attraverso la porta d’ingresso

Bono ha consegnato il premio Donostia a Penélope Cruz.

Bono ha consegnato il premio Donostia a Penélope Cruz.

La nascita dei due figli di Penélope Cruz e Javier Bardem, Leo e Luna, ha reso nuovamente la Spagna una priorità per la coppia. L’approccio del madrileno al nostro paese non è stato solo personale. Mentre suo marito si prodigava raramente nel cinema spagnolo, l’attrice ha iniziato a lavorare più spesso nel nostro settore. Penelope si alternava a vecchie conoscenze come Fernando Trueba (la regina di spagna) e Pedro Almodovar (dolore e gloria) e altri amministratori che erano ancora nel suo elenco di conti pendenti, come Fernando León de Aranoa (amorevole paolo) e Julio Médem (Madre), oltre a rarità come la storica incursione dell’iraniano Asghar Farhadi nel nostro cinema (Tutti sanno).

Gli ultimi anni hanno portato un riconoscimento dopo l’altro a una figura storica della nostra cultura.. Nel 2018 la donna madrilena è stata una delle 21 personalità ed entità del mondo della cultura che hanno ricevuto il Medaglia d’oro Merito in Belle Arti. Insieme a lei è apparso il cantante Rubén Blades, il chitarrista Pepe Habichuela o il regista teatrale Lluís Pascual. Nel 2019 il Festival di San Sebastian gli ha assegnato, nelle mani di Bono, il Premio Donostia in riconoscimento della sua carriera. Nel 2022 è arrivato il National Film Award, premio assegnato all’unanimità dalla giuria “per i successi conseguiti nel 2021, che si aggiungono a tutti quelli raccolti in una carriera eccezionale”. Ci sembra poco.

Lascia un commento