fbpx

I 12 migliori titoli di testa della serie del 2022

Proprio come hanno perso rilevanza nel cinema, il sequenze di titoli di coda Hanno trovato il loro spazio creativo nelle serie televisive dove hanno vissuto una rinascita in questo secolo. Per alcune finzioni possono essere una mera formalità, ma altri le hanno realizzate opere d’arte per proprio meritomentre assolvono alla funzione di definire il tono di ciò che vedremo dopo, creando aspettative o sovvertendole.

Non importa se guardiamo un episodio alla settimana o una maratona, ci sono testate di serie che dalla prima volta che appaiono sullo schermo diventano parte indivisibile dell’esperienzae per questo, sebbene le piattaforme di streaming ci offrano l’opzione “salta intro”, non smetteremo mai di guardarle, perché sappiamo che sarebbe quasi un’eresia.

Questi sono i titoli delle 12 serie che non abbiamo saltato nemmeno una volta nel 2022.

12. “L’età dell’oro”


Studio: elastico.

La Gilded Age è stata caratterizzata dalla crescita economica e dallo sviluppo di quella che un tempo era considerata la “realità” americana. Nei suoi titoli di testa, la serie HBO espone i benefici ottenuti dal progresso dopo la rivoluzione industriale e il crescente successo della ferrovia.

[‘La Edad Dorada’, una lujosa ‘Downton Abbey’ de la élite de Nueva York a finales del siglo XIX]

11. “Ci siamo schiantati”


STUDIO: Sarofsky.

Sebbene a prima vista la pensiamo diversamente, i responsabili di questo design affermano che questa intestazione è stata realizzata senza utilizzare effetti CGI. Invece, il team ha utilizzato una combinazione di live action e animazione 3D per rendere l’immagine di un unicorno, che rappresenta il concetto di start-up come WeWork, su cui si concentra la serie Apple TV+, mentre vaga per lo spazio ufficio.

[‘WeCrashed’, Jared Leto y Anne Hathaway son la mejor razón para ver la nueva serie de Apple TV+]

10. “Candy: omicidio in Texas”


Studio: Forze immaginarie.

Questa intestazione ha preso come spunto i manuali di istruzioni per la perfetta casalinga che andavano di moda negli anni ’80 negli Stati Uniti, epoca in cui è ambientata questa storia. Lo studio responsabile ha utilizzato l’animazione 2D accompagnata da un’estetica retrò con cui ha creato tensione e intrigo combinando il domestico con la sensazione che tutto stia per rompersi.

[‘Candy: Asesinato en Texas’, la terrorífica e inquietante miniserie de Disney+ sobre “la asesina del hacha”]

9. “She-Hulk: l’avvocato She-Hulk”


STUDIO: Aspetto.

La serie Disney+ ha lasciato la sequenza dei titoli di coda per la fine dei suoi episodi con un design ispirato ai bozzetti che vengono redatti nelle prove. Alle illustrazioni di Kagen McLeod che si ripetevano in ogni episodio, c’erano anche alcune scene cancellate di situazioni che non avevamo visto nella mezz’ora precedente, che rendevano la loro visione sacra ai fan.

[‘She-Hulk’, ¿Quién es el villano? ¿Y tú me lo preguntas? El villano eres tú]

8. “Sorelle a morte”


Studio: Peter Anderson

La commedia nera di Sharon Horgan per Apple TV+ fonde due stati d’animo creando una sequenza di titoli di coda che è sia inquietante che catartica, mortale e una celebrazione dell’amicizia, come premessa della serie. La sequenza inizia con un tasso impagliato che perde un occhio e termina con una scatola di fiammiferi che brucia una foto, mentre ascoltiamo una versione di Chi per fuoco di Leonard Cohen nella voce di PJ Harvey.

[Sharon Horgan: “Por fin las series sobre mujeres han dejado de ser vistas como historias solo para mujeres”]

7. “La scala”


STUDIO: Sarofsky.

Nelle parole dei responsabili, questa intestazione cerca di stabilire un tono generale di “precarietà e incertezza attraverso immagini di vetro, sagome inquietanti e, naturalmente, una scala”. Il design ricrea la pianta del set principale della serie HBO Max, la casa Peterson, e le complicate dinamiche tra i suoi personaggi.

Leggi  Lo straordinario viaggio del fachiro: recensione Ikea

[El final de ‘The Staircase’ explicado por su creador: “Estaba tratando de capturar la Mona Lisa”]

6. “L’ora della vittoria: la dinastia dei Lakers”


STUDIO: Stalkr.

La serie sportiva di HBO Max ha scelto come intestazione un collage di video d’archivio che, oltre ad essere visivamente attraente, colloca anche la storia in un periodo specifico della storia. Per fare questo, lo studio ha scelto di unire il calore e l’aura della “nostalgia home video con l’estetica delle trasmissioni sportive vintage”, al ritmo di Il mio ammutinamento preferito da La Coppa.

[‘Tiempo de victoria’, nuevo triple de HBO y Adam McKay (te guste o no el baloncesto)]

5. “Irma Vep”


Studio: Stephane Manel.

La designer di questa testiera ha optato per uno stile animato di colori accesi e schizzi ondulati con cui ha voluto strizzare l’occhio all’estetica del celebre pittore Henri Matisse, per evocare il mistero della storia e della Parigi di inizio Novecento, epoca in cui il film muto è stato girato I Vampiridi cui il team della serie immaginaria sta realizzando un remake.

[La serie ‘Irma Vep’ es un fascinante y romántico homenaje a la magia y el poder del cine]

4. “Pacifista”


STUDIO: Sarofsky.

Questa serie HBO Max e quella su Apple TV+ che occupa il secondo posto in questa lista sono la prova che abbiamo bisogno di più intestazioni in cui l’intero cast della serie balli, perché danno un’atmosfera molto buona. quello di pacificatore è divertente, sfacciato e con una “ironica sfrontatezza” che si sposa perfettamente con il tema glam rock degli anni ottanta di Wig Wam.

3. ‘Separazione’


STUDIO: Oliver Latta.

L’animazione dell’artista berlinese Oliver Latta cattura perfettamente il viaggio surreale dell’incombente distopia della serie Apple TV+, sollevando temi di duplicità e realtà alternative. Una testata banale, intrigante e terrificante perfettamente impostata su una composizione originale di Theodore Shapiro. È stato il titolo vincente agli Emmy del 2022.

[Ben Stiller (‘Separación’): “Al trabajar en casa sientes que vives en dos realidades distintas, la línea es difusa”]

2. “Pachinko”


Studio: elastico.

Il dramma familiare proposto da questa serie che si muove tra Giappone, Corea e Stati Uniti non concede ai suoi protagonisti molte occasioni di estroversione, così i suoi creatori hanno deciso di mostrarglielo allegri e giocosi in questa indimenticabile testata. Veri filmati d’archivio di immigrati coreani e foto d’infanzia degli attori si mescolano a scene di personaggi di diverse generazioni che ballano in un salotto di pachinko che è una festa per gli occhi, al ritmo della versione di Viviamo per oggi da Grass Roots.

[‘Pachinko’, una hermosa epopeya y una obra maestra audiovisual]

1. “Il loto bianco: la Sicilia”


STUDIO: pianure di là.

Come nella prima stagione, un tema originale di Cristóbal Tapia de Veer dà il tono all’accattivante title track della serie, una sequenza illustrata di immagini in stile rinascimentale che diventano più inquietanti e perverse con il crescendo della canzone, e con gli zoom che richiamano la nostra attenzione ai dettagli che acquistano tutto il loro significato entro la fine della stagione. Ci sono molti colpi di testa straordinari in questa stagione, ma questo è senza dubbio il vincitore.

[‘The White Lotus’ se supera a sí misma y le dice adiós a Sicilia como una de las series del año]

Lascia un commento