fbpx

‘Ho ucciso mio marito’, il thriller frenetico con Hiba Abouk dove è meglio non fidarsi di nessuno: “Tutto può cambiare dall’oggi al domani” – TV6 News

La serie con protagonista l’acclamata attrice belga Erika Sainte debutterà in Calle 13 con un doppio episodio il 29 maggio.

Ho ucciso mio marito È una di quelle serie thriller che promette di catturarti dal primo minuto grazie alla sua storia frenetica che coinvolge un omicidio, mentre il titolo avanza, che attira già abbastanza attenzione.

La fiction è di origine francese con il titolo originale J’ai tué mon mari e segue la storia di Anna (Erika Sainte), una donna che da anni subisce abusi per mano del marito. Finché un giorno commette un atto atroce in uno dei suoi numerosi combattimenti.

Tuttavia, il giorno del processo per omicidio, tutto prende una piega del tutto inaspettata quando scopre che suo marito è davvero vivo e suo figlio è in pericolo. Ora deve fuggire per salvare se stessa e suo figlio.

Calle 13 ha il compito di presentare in anteprima questo tanto atteso thriller il 29 maggio alle 22:00 con un doppio episodio. La prima stagione è composta da sei episodi di 45 minuti che saranno disponibili lo stesso giorno per intero. Per questo SensaCine ha potuto essere a Parigi per poter assistere ad uno screener esclusivo della serie, oltre a poter intervistare Hiba Abouk, nota soprattutto per il suo ruolo in Principe.

L’attrice spagnola fa il salto internazionale per partecipare Ho ucciso mio marito Interpretare Laura, la migliore amica di Anna e sorellastra di Manuel, il marito di Anna. Si rivolge a lei quando ha bisogno di aiuto, lasciando Laure tra una roccia e un incubo.

Il problema è tra loro, tra il mio fratellastro e mia cognata che è la mia migliore amica. Ma io sono nel mezzo perché ho questo legame di sangue con uno di loro e quel legame emotivo con l’altra persona. Ho anche un nipote nel mezzo. Credo che il mio posto sia dove sarà anche lo spettatore

Quando non puoi fidarti di nessuno

Leggi  critica con un gioco di parole al telefono

Come in ogni thriller, non puoi fidarti di nessuno al 100%. Per questo motivo, Hiba Abouk ha spiegato che non si tratta piuttosto di fidarsi o meno di qualcuno, ma che è molto difficile fidarsi di qualcuno: “Tutto può succedere in qualsiasi momento. Tutto può cambiare da un giorno all’altro”.

Ho ucciso mio marito È anche il primo progetto internazionale di Hiba Abouk dopo progetti spagnoli come Il cuore dell’Oceano, Principe o la recente terza stagione di madri. Amore e Vita:

È stato un sogno diventato realtà. La verità è che sono molto felice di averlo girato in Francia e in francese. Inizia qui un percorso che spero sia lungo e prospero

Il successo de ‘Il principe’, oggi

Grazie alla rinascita delle piattaforme streaming, Principe ha raggiunto molti altri angoli del mondo dopo il successo in Spagna. Quindi non è sorprendente che Hiba Abouk è ancora fermo per strada per il suo lavoro nella serie Telecinco:

Ho un grande affetto per quel personaggio. E le persone non solo mi impediscono di dire che amavo il tuo personaggio, ma a volte le persone mi impediscono di chiamarmi Fatima. È una serie che ha colpito molto la persona che l’ha vista ed è stata un successo. Per me è stato un dono che il pubblico accolga una tua opera che tanto lo raggiunge, e che lo segua e lo ammiri. È un sogno per chiunque faccia questa professione

Se vuoi essere aggiornato e ricevere le anteprime nella tua email, iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia un commento