fbpx

Glielo ricordano Taron Egerton e Dennis Lehane

Il 26 maggio il mondo del cinema è rimasto sconvolto quando è stata resa pubblica la morte improvvisa all’età di 67 anni. Ray Liotta, l’indimenticabile protagonista di One of Ours. L’8 luglio si apre AppleTV+ il suo ultimo lavoro in televisione, la miniserie basata su eventi reali Bloccato con il diavolo Liotta interpreta il padre di Taron Egerton nel progetto di uno scrittore Dennis Lehaneautrice dei romanzi che hanno ispirato Mystic River e Goodbye, Little Girl, Goodbye, tra gli altri.

Egerton e Lehane hanno parlato con giornale specializzato in serie televisive e film. | il giornale specializzato in serie televisive e film della sua relazione con un’icona che è entrata a far parte della storia del cinema da quando ha pronunciato la frase “da quando ho memoria, ho sempre voluto essere un gangster” all’inizio del classico di Martin Scorsese.

Penso che Ray sia stato sottoutilizzato per la maggior parte della sua carriera.”, si rammarica del showrunner del dramma carcerario ispirato alle memorie di Jimmy Keene. “Ho seguito le sue orme dal suo primo ruolo. È uno dei miei attori preferiti e ho scritto il ruolo pensando a lui. Voleva rivendicare il suo enorme talento. Gli davano sempre questi piccoli ruoli: il poliziotto duro, il poliziotto sporco o il mafioso. Volevo che interpretasse un ragazzo normale che ama suo figlio, ma inavvertitamente trova un modo per rendere le cose più complicate. Gli abbiamo inviato gli script e ha risposto entro 24 ore. Non lo metto in dubbio”.


Quando Jimmy Keene, una star del football del liceo e figlio di un poliziotto decorato, viene condannato a 10 anni in un carcere di minima sicurezza, gli viene offerta un’opportunità irripetibile: irrompere in un carcere di massima sicurezza e fai amicizia con Larry Hall. , un sospetto serial killer, o resta dove sei e sconta l’intera pena senza condizionale. I problemi di salute del padre costringono il giovane detenuto ad accettare l’offerta: deve ottenere una confessione e scoprire dove sono sepolti i corpi di diverse ragazze prima che l’appello di Hall possa essere accolto.

Quando Ray è arrivato sul set, lui e Taron hanno stretto rapidamente un legame padre-figlio.. È stato qualcosa di veramente immediato e da lì hanno costruito la loro relazione”, ricorda Lehane. “Abbiamo avuto un rapporto creativo molto gratificante”, continua il protagonista di Uomo razzo. “Ho sentito che quando abbiamo finito di lavorare insieme, mi ero fatto un amico. Ray non era proprio il tipo di persona da dirti una cosa del genere, ma quando è morto, qualcuno molto vicino a lui mi ha detto che provava per me lo stesso che provavo io per lui”.

Leggi  Netflix e HBO avevano piani totalmente folli prima della serie Amazon

“Dopo aver lavorato insieme, rimaniamo in contatto. L’ultima volta che abbiamo parlato è stato due mesi prima della sua morte. Ci sono cose che mi piacerebbe condividere quei momenti con Ray, ma in realtà non sono solo mie da condividere. Tutto quello che posso dire è che sono stato molto, molto fortunato nella mia vita professionale e ho lavorato con alcuni attori straordinari. Condividere una scena con Ray Liotta è una delle migliori esperienze che abbia mai avuto. Sono molto orgoglioso di ciò che abbiamo fatto insieme nella serie”, afferma l’inglese.

Lehane ricorda anche l’altra relazione che Big Jim Keene ha nella serie. “Adoro la sua dinamica con sua moglie, una donna che non è la madre di Jimmy. Ray non ha mai letto i dialoghi allo stesso modo. Era sempre alla ricerca di una nuova interpretazione ripresa dopo ripresa. Amava provare cose diverse. Vederlo recitare con altri attori è stata una gioia assoluta. L’ultima conversazione che ho avuto con lui è stata tre settimane prima che morisse. Stavamo parlando di lavorare di nuovo insieme. L’unica cosa che Ray ha detto è stata una classica mossa da attore: “Va bene, ma questa volta il personaggio è più grande””.

I primi due episodi di “Locked Up with the Devil” verranno presentati in anteprima l’8 luglio su Apple TV+. I restanti quattro andranno in onda settimanalmente il venerdì.

Lascia un commento