fbpx

gli showrunner rispondono alle critiche su Galadriel

Di fronte a varie critiche rivolte al personaggio di Galadriel, gli showrunner di Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere ha risposto.

Tra le tante critiche mosse alla serie Amazon Prime Video, Anelli di potere, molti hanno preso di mira il personaggio centrale dell’elfo Galadriel. Incarnato da Morfydd Clark, questa figura mitica delle opere di Tolkien adattate per il piccolo schermo non è certo unanime. Purtroppo, tra rimproveri costruttivi e attacchi – diciamo così – un po’ più inopportuni, diventa sgradevole sistemare. Dalla nostra parte, ci siamo interrogati sul problema del personaggio di Galadriel pur non mancando di controbattere contro alcuni commenti di spettatori fuori dal piatto.

Un esercizio al quale gli showrunner della serie, Anche JD Payne e Patrick McKay, hanno provato la loro mano, rispondere alle domande da Il giornalista di Hollywood.

L’amichevole elfo del vicinato

I due uomini hanno così risposto a varie critiche (tra quelle più frequenti) in merito al Anelli di potere. Tra queste ci sono alcune lamentele sul fatto che Galadriel sia troppo mascolina (rispetto ai libri) e altre sull’impossibilità che sia andata a Númenor. Ecco la risposta di Payne:

Mi sarebbe piaciuto vedere dove una volta Tolkien affermò che Galadriel non andò mai a Númenor – da nessuna parte. Successivamente, uno dei suoi soprannomi è Nerwen che significa “Ragazza-uomo”. E infine, non si comporta in modo maschile!

McKay poi è andato meglio:

A proposito, il nome Galadriel può essere tradotto in elfico come la fanciulla con una corona di capelli dorati. Un soprannome che avrebbe per origine la corona che sembra avere quando si intreccia i capelli sopra la testa per poter combattere o allenarsi (per non averli in faccia). Quindi anche nell’etimologia Galadriel è un guerriero.

Leggi  un trailer che riempie i Mandaloriani su Disney+

Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere: foto, Morfydd ClarkNerwen Leroy

Argomenti documentati la cui rilevanza possiamo davvero riconoscere e che gettano persino una luce interessante sulla loro interpretazione di Galadriel. Peccato, dirà qualcuno, che non troviamo la stessa rilevanza nella serie. Ovviamente, la risposta dei due showrunner non giustifica in nessun momento le vere debolezze di scrittura del personaggio., a parte ogni presunta incoerenza con i libri o esegesi scorretta delle opere di Tolkien. Tuttavia, il tentativo sarà apprezzato.

Anelli di potere ha ancora un episodio finale per cercare di convincere gli spettatori e andrà in onda il 14 ottobre. Potremo tutti fare una prima valutazione di quanto sarà valsa questa prima stagione della serie più costosa della storia. Ma per ora non sta vincendo.

Lascia un commento