fbpx

Gli alberi della pace: dove è stato girato? Luoghi delle riprese ecc.

Scopri dove è stato girato Trees of Peace su Netflix! Luoghi delle riprese ecc.

Alberi della pace è disponibile su Netflix! Se lo vuoi sapere dove è stato girato Gli alberi della pacecontinuare a leggere! Gli alberi della pace è un film drammatico indipendente commovente appena arrivato su Netflix. Basato sulla storia del genocidio contro i tutsi in Ruanda, il film si concentra su quattro donne di origini e credenze diverse, bloccate mentre si svolge il genocidio. Per scoprire quanto il film sia basato su eventi reali, leggi questo.

Nell’aprile del 1994, queste quattro donne, Jeannette, Annick, Peyton e Mutesi, si ritrovano intrappolate insieme in una cantina dove devono lottare per la loro sopravvivenza contro i venti e le maree. Eppure, per tutto il film, si trovano per sempre legati da una confraternita eterna nata dalle loro circostanze strazianti. Se sei curioso di sapere dove è stato girato Gli alberi della paceti diciamo tutto noi!

Dove è stato girato Gli alberi della pace?

The Trees of Peace è stato girato interamente in California, soprattutto a North Hollywood. Le riprese principali di questo dramma sono iniziate a metà ottobre 2019 e sono state completate in meno di un mese a novembre dello stesso anno. Anche se la trama si svolge in Ruanda nel 1994, il team di produzione è stato in grado di incarnare le situazioni realistiche e il nascondiglio, grazie a tutte le strutture fornite dallo Stato della California.

Il cast e la troupe del film Gli alberi della pace si stabilì a North Hollywood, un quartiere di Los Angeles, California. Il team di produzione ha utilizzato l’enorme spazio di un set di registrazione per costruire un’intera casa dove si svolge la maggior parte della trama e film il film, utilizzando le varie strutture e risorse a sua disposizione. Per scoprire se un sequel vedrà la luce, leggi questo.

Leggi  Thor 4 sarà uno dei film MCU più brevi

Il film, basato su un genocidio, sarebbe stato girato cronologicamente in modo che i graffiti sui muri del nascondiglio possano svilupparsi in modo realistico. Inoltre, questo metodo ha permesso agli attori di dimagrire gradualmente per incarnare realisticamente i rispettivi personaggi, che durante la reclusione non hanno praticamente nulla da mangiare.

Lascia un commento