fbpx

‘Gaslit’, una storia cinica e revisionista del Watergate con Julia Roberts e Shea Whigham in mostra

Fino a 41 volte viene nominato John Mitchell Tutti gli uomini del presidente, Il classico di Alan J. Pakula che ha aiutato a spiegare al mondo cosa era successo nel caso Watergate solo due anni dopo le storiche dimissioni di Richard Nixon. Martha Mitchell, invece, non è apparsa nel film. (Il libro di Bob Woodward l’ha definita “il coro greco del dramma del Watergate” e qualcuno che ha avvertito chiunque fosse disposto ad ascoltare quello che era successo) e la storia ha dimenticato la prima persona che ha indicato pubblicamente la responsabilità del presidente. Fino ad ora.

Gaslit salva alcune delle storie dimenticate di uno degli episodi più controversi (e ridicoli) della storia degli Stati Uniti con un chiaro obiettivo: ridere del pathos dietro lo scandalo e rivisitare l’eredità di una donna che l’America dell’epoca scelse di feticizzare, giudicare o ignorare. “Marta aveva ragione”conclude nei suoi ultimi momenti una proposta che fino ad allora era sfuggita al sentimentale a favore di un dinamico (ea tratti squilibrato) mix di commedia assurda e dramma in costume con ramificazioni nell’America di oggi.

Dopo averla vista nei panni di Martha Mitchell, diventa di nuovo chiaro che Julia Roberts fa già parte del club selezionato delle grandi star di Hollywoodcome Brad Pitt che vedono come la loro versatilità e talento crescono negli anni. La sua interpretazione di Martha Mitchell le permette di trasformare la sua immagine, giocando con un accento del sud, strisciando sul pavimento e sfoggiando il sorriso indimenticabile che ha reso la sua dolce metà americana. Tuttavia, a differenza del suo immaginario marito (un Sean Penn tanto efficace quanto artificiale che non va molto oltre il suo radicale rifacimento), il suo approccio al personaggio non rimane mai in superficie.


Il creatore Robbie Pickering (sceneggiatore di signor robot e uomo di fiducia Sam Esmail) e il preside rosso opaco (Capitan Fantastico) sfruttare consapevolmente e abilmente la prima interpretazione dell’attrice dal 2018, quando ha presentato in anteprima il devastante dramma familiare sulla crisi degli oppioidi Il ritorno di Ben e la sua prima serie, l’altamente vendicabile tornando a casa. Nella seconda scena del primo episodio vediamo un’amante di John Dean che reagisce a un’intervista con Martha Mitchell in televisione: “Cazzo, è banale, anche se il sorriso va bene. Mi piace il suo sorriso”. Ha solo bisogno di rompere il quarto muro e fare l’occhiolino allo spettatore.

Roberts brilla sia nelle scene più grandiose che nei piccoli dettagliquei momenti che sanno sfruttare il carisma unico dell’attrice di Erin Brockovich. “Sai su cosa potresti concentrarti? Nella tua frangia”, abbandona implacabilmente davanti a un presunto amico quando si stanca di essere l’ultimo scherzo in America. L’esercizio del revisionismo è qui molto più organico che, ad esempio, Pam e Tommyun’altra miniserie quest’anno su una donna maltrattata dall’opinione pubblica dell’epoca.

Nel cast stellare c’è un altro attore che ruba lo schermo ogni volta che compare sulla scena. Shea Whigham è terrificante nei panni di Gordon Liddy, il capo operativo dell’operazione di spionaggio che pose fine alla presidenza Nixon. In Gaslit Giddy è una specie di animale imprevedibile e selvaggio che appena rivendica (involontariamente o meno) la figura di Hitler davanti alla sua famiglia mentre si brucia il palmo della mano senza fermarsi davanti al dolore o all’odore della carne (un momento che contava fuori Tutti gli uomini del presidente e che qui funziona come la perfetta sintesi di un personaggio inquietante che nella vita reale finirebbe per diventare un’icona pop). Il suo lavoro, come quello di Roberts, dovrebbe essere riconosciuto dagli Emmy.

Leggi  Alberi della pace: quale data e ora di uscita di Netflix?

Shea Whigham ruba tutte le sue scene in “Gaslit” nei panni dell’imprevedibile Gordon Libby.

Non è un caso Gaslit essere più stimolante più lontano o più completa la storia nota a tuttiCome quel sesto episodio che esplora la caduta in disgrazia di Frank Willis, la guardia di sicurezza del Watergate che chiamò le autorità il 17 giugno 1972 dopo aver scoperto che qualcuno aveva coperto le serrature di alcune porte dell’edificio.

Meno stimolante è l’altra linea narrativa principale scelta da Pickering per strutturare il racconto dell’adattamento della stagione più seguita del podcast Combustione lenta (su HBO Max c’è una serie di documentari con quel nome che racconta la stessa storia): il ruolo di John Dean come copertura per l’operazione, prima, e testimone davanti al Congresso dello scandalo, poi, e la sua relazione romantica con Mo , un’assistente di volo che sarebbe diventata sua moglie.

Il buon lavoro di Dan Stevens (con un impeccabile accento americano che riesce a far dimenticare le sue origini abbazia di downton) e Betty Gilpin non salvano una trama che a volte sembra una scusa per salire fino a otto episodi.

Dan Stevens e Betty Gilpin in

Dan Stevens e Betty Gilpin in “Gaslit”.

Il ritratto di negligenza che rasenta l’estrema stupidità e i giochi di potere che mettono John Dean al centro di un complotto criminale sono altri dettagli che elevano una miniserie notevole che, tuttavia, fa parte del gruppo sempre più ampio di produzioni televisive che avrebbe si adatta come un guanto in un formato film.

Gaslit Sarebbe stato un grande film se si fosse concentrato sull’affascinante e praticamente sconosciuta storia di Martha Mitchell. Come miniserie, nonostante tutto, questo è uno di quei prodotti che, come gente normale, Il grande o Ramymeriterebbero di portare Starzplay fuori dalla seconda linea delle guerre in streaming.

Gli otto episodi di “Gaslit” sono ora disponibili esclusivamente su Starzplay.

Lascia un commento