fbpx

“Fino a quando ho avuto figli, avevo una visione piuttosto cinica del Natale”

Tra tutte le proposte natalizie che arrivano questo mese sulle piattaforme durante il mese di dicembre, una delle più interessanti è I Magi: La veritàun falso documentario in tono comico Diretto da Victor García Leon (selfie) che è già stato presentato in anteprima su Amazon Prime Video.

Dentro Melchor, Gaspar e Baltasar aprono per la prima volta le porte del loro palazzo per le riprese di un documentario sulla loro quotidianità mentre si preparano per la parata. Inizia così una folle avventura in cui questi tre personaggi mitici si mettono nelle mani del loro nuovo manager, Lola, per modernizzare la loro leggenda con collaboratori diversi come Lorenzo Caprile, Almudena Cid, Jordi Hurtado, Esty Quesada o Rozalén.

SERIE E ALTRO | giornale specializzato in serie televisive e film. ha parlato con il regista Víctor García León della produzione, di come ha immaginato i Re Magi e della sua visione del Natale e del continuare a mantenere alcune tradizioni.

[Javier Gutiérrez y Carmen Machi regresan al futuro en ‘Mañana es hoy’, la nueva comedia de Nacho G. Velilla]

Una visione diversa del Natale

‘I Magi: la verità’.

Video Amazon Prime

Sebbene sia difficile per gli spagnoli mettersi d’accordo su certe cose, c’è un periodo dell’anno in cui le opinioni più disparate sono unanimi. Si tratta del Natale, un periodo di tempo che dura solo pochi giorni ma che riesce a mettere d’accordo tutti i bambini e a provare la stessa illusione, soprattutto prima dell’arrivo dei Re Magi.

A poco a poco e nel corso degli anni, quell’innocenza finisce per offuscarsi e una volta raggiunta l’età adulta, si acquisisce una visione diversa del mondo. La stessa cosa è successa a Víctor García León, che ricorda la sua infanzia durante il Natale in modo molto particolare.

“Avevo una sorella maggiore molto sadica, che si è presa la responsabilità di distruggere ogni tipo di buona immagine che avevo del mondo. Ha subito iniziato a torturarmi, raccontandomi bugie sui miei genitori e che credeva fossero loro i responsabili di tutto”, bill.

“La verità è che Ho anche avuto una visione molto cinica del Natale fino a quando non ho avuto figli. Non l’ho trovato divertente accattivanteMi ha reso pigro. Ci sono ingorghi, fa freddo, mi costringono a stare con parenti che normalmente non mi vogliono o non mi vogliono vedere, ma come ogni cosa nella vita bisogna vedersi”.

“Gli alberi perdono le foglie, fa freddo, piove, sta arrivando tua suocera… Che ci siano i bambini è meraviglioso. Tutto ciò che riguarda questo mi sembra negativo, ma una volta che hai figli – e ora ne ho due -, è fantasticoperché è una scusa meravigliosa per fare una festa e mi piacciono le feste”, ammette con una risata.

[Mike Flanagan, el rey del terror, ficha por Amazon Prime Video y Netflix cancela ‘El club de medianoche’]

La prospettiva di un bambino

Frame da

Frame da “I tre saggi: la verità”.

Video Amazon Prime

Víctor García León crede che i bambini siano in larga misura il motivo per cui si sostiene un periodo come il Natale ed è anche chiaro che, sebbene i bambini influenzino la prospettiva degli adulti, il suo film non sarebbe stato diverso se l’avesse girato prima di avere figli.

“Non sarebbe stato diverso e, infatti, penso che mi sarei dedicato a distruggere il Natale con tutta la forza della mia volontà. Non mi sarei dedicato a essere cattivo per il male, ma se mi avessero costretto sotto la minaccia delle armi avrei fatto una cosa completamente distruttiva. E sì, in peggio, sicuramente, come queste persone che improvvisamente odiano Halloween, guardano film dell’orrore e mangiano dolci. Cosa potrebbe esserci di sbagliato in questo?” dice García León.

Il regista ha anche sollevato una delle cose che Tim Burton ha detto durante la sua visita in Spagna, ad esempio che “ha più paura del Natale che di Halloween”. “Una volta Babbo Natale è venuto a casa per vedere i miei figli per Natale e i miei figli si sono chiusi in bagno terrorizzati, perché era un vecchio dall’aspetto da barbone che è entrato improvvisamente in casa sua, ed erano terrorizzati. O per esempio il fatto di normalizzare certi atteggiamenti, cos’è quello di sedersi sulle ginocchia di tre signori che non conosci? Posso capire perfettamente Tim Burton”, ha detto.

Leggi  Netflix rilancerà la sua trilogia horror

[‘Los anillos de poder’: Amazon Prime Video muestra imágenes de cómo fue el épico rodaje]

la magia giustifica tutto

Gaspare in ''I Magi: la verità''.

Gaspare in ”I Magi: la verità”.

Video Amazon Prime

“Uno degli argomenti che abbiamo affrontato durante la stesura della sceneggiatura è stato il fatto che un bambino chiede ehi, esiste? La risposta ragionevole, quella che tu ritieni più ragionevole, è pensare che tre signori dall’Est vengano a distribuire doni, non che ci sia una cospirazione internazionale di tutti i genitori coordinati per dire la stessa bugia. La magia giustifica molte cose”, ricorda García León a proposito delle origini del progetto.

Poi è arrivata la ricerca della storia da raccontare, perché come dice lui stesso “quando fai un film cerchi un conflitto”. Secondo Víctor García León, “il primo è stato chiedersi come sarebbero stati i Re Magi, perché se fossero persone moderne, stupende, colte ed europee, allora sicuramente il film sarebbe più noioso”.

“Ho pensato che fosse più divertente mostrarli come una sorta di gruppo rock and roll obsoleto che ha avuto i suoi successi 30 anni fa. Amo i personaggi per ciò che è difettoso e non per ciò che è buono e non ho potuto scegliere tre personaggi che fossero indiscutibilmente meravigliosi, belli e magri perché li avrei amati di meno così”, spiega il regista.

“Ho sempre avuto problemi con Superman perché mi sembra molto difficile attaccarlo. Mi piacciono di più altri tipi di supereroi, quelli che inciampano, sbagliano, sono invidiosi, quelli che sono più come me”, dice .

contenuti per tutti

Baltasar in

Baltasar in “I tre saggi: la verità”.

Video Amazon Prime

“I film per bambini che mi facevano vedere da bambino mi sembravano sempre un po’ paternalistici con Me. Abbiamo sempre trattato i bambini con paternalismo, quando in realtà sono molto intelligenti”, osserva García León, raccontando che tipo di pubblico vuole che veda I Magi: La verità.

“L’intenzione è quella di creare qualcosa che i genitori possano guardare con i propri figli e che nascano scherzi l’uno per l’altro, che possano guardare come una famiglia cercando di riprodurre quella meraviglia che è la Pixar, capace di realizzare film trasversali che possono essere goduti da vari vari punti di vista», dice.

“Volevamo dargli l’aspetto di un la realtàraccontando cosa succederebbe se qualche addetto stampa volesse promuovere un gruppo rock and roll superato, circondandosi di persone che non sono superate e ne approfitta per derubarle e per ottenere un materiale promozionale dei Re Magi”.

[Michael Grandage: “Los fans de Harry Styles son la generación con menos prejuicios que ha nacido”]

ritorno alla tradizione

“La tradizione ha un peso indiscutibile nella nostra vita”, afferma García León a proposito dell’influenza di figure come i Re Magi. “Se credessi in Dio, scommetterei di andare in una chiesa dove mi danno una messa in latino. Perché se credi in qualcosa, e dato che abbiamo pochi valori nella vita, almeno ti aggrappi a quello. Io preferisco quello all’essere un terrapiattista, che è la mia altra opzione”, ha affermato con una risata.

Il regista riflette anche sul passare del tempo e sul modo in cui sono cambiati i consumi in generale, compreso quello del cinema. “Inevitabilmente mi viene la parte emotiva di lamentarmi dei nuovi tempi e dire ‘i giovani hanno già fretta, non si concentrano e fanno cazzate’. Ma devo anche ammettere che c’è anche da pensare che il consumo culturale tornerà in un altro modoche ci sono tante novità che arrivano e che bisogna avere la testa preparata e non nell’eterno lamento dei tempi nuovi, visto che non c’è modo di evitarlo”, assicura.

‘I tre saggi: la verità’ è disponibile su Amazon Prime Video.

Lascia un commento