fbpx

Finisce così ‘Doreamon’: un finale di cui si parla da decenni

Si è sempre pensato che la fortunata serie si concludesse con Nobita in coma ed essere un sogno. Ma realtà o leggenda metropolitana?

Chi non è cresciuto vedendo Doraemon quasi quotidianamente? Chi non conosce Nobita, Giant, Shizuka o Suneo? La fortunata serie giapponese ha segnato l’infanzia di molte generazioni durante i suoi oltre 40 anni in onda. Tuttavia, pochi ricordano come andò a finire. Ci sono molte teorie su questo finale, alcune più controverse di altre. Ma qual è la verità in tutti loro? Il gatto più amato della televisione ha una fine? Un argomento che ha portato molte teste e in queste righe mettiamo un po’ di luce.

Prima di addentrarci nelle teorie che circolano in rete, andiamo a passare in rassegna il personaggio. Doraemon è nata dalla mano di fujiko fujio, pseudonimo dei creatori giapponesi Hiroshi Fujimoto e Motoo Abiko, in un manga pubblicato nel 1969. Cinque anni dopo fu creato il primo anime, ma fu solo nel 1979, anno in cui uscì la seconda serie, quando il gatto cosmico catturò popolarità in tutto il mondo. Una fiction andata in onda fino al 2005, anno in cui è stato realizzato il terzo e ultimo anime. Inoltre, ci sono molti film, videogiochi e persino un musical che sono stati creati attorno a questo personaggio animato.

Ricorderai che il protagonista è a gatto robotico che viaggia dal 22° secolo ai giorni nostri. Lì incontra Nobita, un ragazzo molto capriccioso che usa le invenzioni del suo inseparabile amico felino per fare le cose sbagliate. Tuttavia, Doraemon è sempre lì per mostrargli cosa ha fatto di sbagliato e per far sì che il giovane migliori.

DUE TEORIE

Una delle teorie televisive più diffuse di tutti i tempi è quella Nobita era in coma ed era tutto un sogno -qualcosa di simile a I Serrano-. E per di più, il gatto più famoso della televisione è stata l’immaginazione del protagonista. Non sorprende che questo presunto finale abbia avuto così tante polemiche e che i fan degli anime giapponesi lo abbiano criticato. Tuttavia, va detto che questa teoria è una leggenda metropolitana. Non ci sono prove né esiste questo capitolo, quindi gli spettatori possono respirare facilmente.

Leggi  'Stranger Things 4': è Vecna ​​contro Undici nel primo trailer agghiacciante del volume 2 della stagione 4 - TV6 News

Fu censurato in Giappone e le sue copie furono distrutte. Scopri l’anime più bannato della storia

Il secondo afferma che un giorno Nobita scopre che Doraemon ha smesso di funzionare. Viaggia nel futuro (da dove viene il gatto cosmico) per trovare una soluzione e gli viene offerta una nuova batteria per Doraemon, che sarebbe efficace ma usarla gli farebbe perdere la memoria. Nobita non accetta che il suo amico dimentichi tutti i momenti trascorsi insieme, quindi decide di non accettare detta soluzione e torna al suo tempo. Qui diventa un prestigioso lavoratore nel campo della robotica dove riesce a realizzare un chip per ripristinare la memoria di Doraemon e poter così utilizzare la nuova batteria. Dopo molti anni, entrambi gli amici si riuniscono. Che bel finale!

LA VERA FINE

Le due teorie precedenti, una più tragica dell’altra, potrebbero essere perfettamente vere. Tuttavia, la realtà è molto diversa. Doraemon non ha il capitolo finale. Sì, come hai letto. Tutte le ipotesi finali che ti dicono non sono vere. In effetti, l’anime giapponese del 2005 è ancora in onda in diversi paesi e Disney Channel ha ottenuto i diritti per la sua distribuzione negli Stati Uniti nel 2014.

Ma perché non ha fine Doraemon? La risposta è semplice: nel 1996, dopo la morte di uno dei suoi creatori (l’altro aveva abbandonato il progetto diversi anni prima), il manga fu sospeso e senza dare una conclusione concreta alla storia. Inoltre, in seguito hanno continuato a pubblicare ristampe, trasmettendo anime, film in anteprima e altri titoli dell’universo dei gatti cosmici. Per questo è logico pensare che non abbia esito. La storia di Nobita e compagnia può essere perfettamente infinita.

Lascia un commento