fbpx

finalmente una bella sorpresa per Star Wars su Disney+?

Dopo Obi-Wan Kenobiserie Andor arriva su Disney+ promettendo di riscoprire la magia di RogueOne. Promessa mantenuta?

Dopo Il libro di Boba Fett e Obi-Wan Kenobiè dire poco che le produzioni Guerre stellari sui fan delusi di Disney+. Andor ha una pesante responsabilità, anche se la serie ha ritardato la sua messa in onda di alcune settimane per evitare il match tra Casa del Drago e Gli anelli del potere. Un approccio un po’ rassicurante, lo è ancora di più quando Lucasfilm decide di farlo rilasciare i primi tre episodi in una volta sola per attirare lo spettatore. Ammissione del fallimento o strategia redditizia?

Bastardo ribelle

Un lancio doloroso

Chi ha chiesto una serie sul personaggio meno interessante in RogueOne ? Questa è la domanda che siamo tentati di porci quando lanciamo i primi episodi diAndorla nuova serie spin-off di Guerre stellari. Per cambiare, orientare il divario tra La vendetta dei Sith e Una nuova speranzaper scoprire come il peso massimo della ribellione Cassian Andor (interpretato da un sempre coinvolto Diego Luna) si è unito alla lotta contro l’Impero.

Se l’idea sembra piuttosto altisonante, capiamo cosa ha spinto Lucasfilm a validare questo progetto: più passa il tempo, più RogueOne si distingue come il migliore Guerre stellari dell’era Disney, molto più avanti del petardo bagnato che era la postlogia. Tuttavia, il film di Gareth Edwards potrebbe aver lasciato delle piume lì, incolpare la produzione caotica che, per una volta, è stato salvato da più riscritture e riprese.

Guardando solo agli aggregatori di recensioni su Internet e ai punteggi al botteghino, dare il via alla produzione di un prequel potrebbe essere solo una buona idea. Con il senno di poi, possiamo dire che la Disney probabilmente ha sopravvalutato l’accoglienza RogueOneoltre ad aver scelto la via più facile per uno spin-off (francamente, a questo livello, date piuttosto una serie al personaggio di Donnie Yen!).

Andor: fotoIl cambio di scenario realizzato in Star Wars: Rouen dopo l’incidente di Lubrizol

Tuttavia, Andor rassicura fin dai primi minuti, dove la telecamera a mano conferma la continuità con la messa in scena di Edwards, ancorato a corpi che rendono la scala dell’universo ancora più massiccia. Di fronte al sistema tentacolare dell’Impero, eccoci dalla parte delle piccole mani che cambieranno le cose e istigheranno un virus progressista in questa macchina totalitaria troppo ben oliata.

Da questo punto di vista, la serie ha il merito di distinguersi dai suoi congeneri per l’evidenza del suo corso, data da Tony Gilroy, affermato sceneggiatore della saga Jason Bournedirettore di Michael Clayton e presunto salvatore dal pantano RogueOne. La singolare musica di Nicholas Britell (che porta suoni di pianoforte e rock nell’ecosistema musicale di Guerre stellari) e la fotografia sbiadita dà il tono: Andor cerca un’identità lontana anni luce dalle altre produzioni Guerre stellari.

Andor: fotografia, Diego LunaIl Commodore 64 dei droidi

addormentarsi

Da un lato, questa necessità è in totale accordo con la premessa della serie, che si sofferma sul raduno di popoli sempre più pensierosi di fronte alla supremazia dell’Impero. Lontano dalla dimensione mitologica forzata Boba Fett Dove Obi-Wan Kenobi, Gilroy vuole stare al passo con i cittadinie cattura la vita quotidiana delle comunità che cercano di (ri)costruire se stesse.

È sciocco da dire, ma assistere al rituale della testa di un campanile, o vedere due personaggi condividere un letto evoca un’umanità più tangibile che mai in questo universo di fantascienza governato dal suo tenore politico. Allontanandosi dai potenti e maghi cavalieri, Guerre stellari ricorda a chi è dedicata questa lotta ancestrale contro il Male, vincendo nelle zone grigie.

Andor: foto, Fiona Shawnonna ribelle

D’altra parte, questa ricerca di significato è pesantemente appesantita dal suo protagonista, che da allora RogueOne è definito dal suo modo di essere un’arma obbediente della Ribellione, un essere cancellato dietro la sua funzione. Sebbene la serie si sforzi attraverso un pigro flashback (e inutilmente spruzzato nei primi due episodi) per forgiare il passato di Cassian, resta il fatto il personaggio meno interessante all’interno di una nuova compagnia avvincente.

Leggi  'Stranger Things' nel 2050: utilizziamo un'app di intelligenza artificiale per invecchiare gli attori e siamo sbalorditi dal risultato

Possiamo vedere lì un’ammissione di fallimento, amplificata da il contenuto dei primi capitoli con il ritmo laborioso. A forza di imporre formati da 40 minuti, Disney+ si sta riprendendo qui ai piedi. Andor ha troppi elementi da introdurre per ottenere supporto durante un pilota che invia i codici essenziali per un efficace ingresso nell’argomento.

Andor: foto, Diego Luna, Stellan SkarsgårdQuando Stellan è lì, va tutto bene

È molto semplice, bisogna aspettare la fine dell’episodio 2 per avere una parvenza di slancio, osiamo parlare di un timido cliffhanger, per intravedere la promessa di una storia in piena espansione. Era già il problema diObi Wanma l’universo di Guerre stellari incoraggia i creatori a prolungare il richiamo all’avventura dei suoi protagonisti oltre la ragione, e quindi una stagnazione prima che l’elemento dirompente della narrazione abbia un impatto reale.

In breve, i primi due episodi potrebbero essere condensati in unoe Lucasfilm non sembra mettere in discussione l’importanza di adattare le sue strutture seriali alle esigenze della sua narrazione, piuttosto che ai rigidi desideri della sua piattaforma.

Andor: Immagini“Sembro un cattivo ragazzo, o vero?”

Salvataggio rapido

Per fortuna, Andor raggiunge l’arrivo di Stellan Skarsgård, che non solo ruba la scena come un misterioso e carismatico ribelle, ma lascia che l’intera faccenda passi per secondo. A dire il vero, la serie impressiona con il suo terzo episodio, tanto teso quanto pienamente realizzato nella sua premessa iniziale di messa in scena. Come un germoglio che ha impiegato un po’ troppo a schiudersi, la creazione di Tony Gilroy si rivela allo spettatore durante un confronto in cui il montaggio nervoso è sempre al servizio della strategia dei combattenti.

Tra la malizia di una sequenza intorno a pesi sganciati dalle catene e l’assedio di una piazza di paese, Andor convocazione una vera atmosfera di guerriglia urbana, sublimata dalla sua propensione a catturare un fermento insurrezionale. Da lì, la serie sceglie persino di fare un eccitante passo laterale, concentrandosi meno sui suoi eroi che sui suoi antagonisti, soldati dai denti lunghi di un servizio di sicurezza privato al soldo dell’Impero.

Andor: fotografia, Diego LunaUna bella scena d’azione

Casualmente, Gilroy si impegna a fare ciò che non è una produzione Guerre stellari non è stato in grado di fare prima a questo livello: capire come le persone accettino volentieri di entrare a far parte di un ordine oppressivo. Piuttosto che soffermarci su questa forza disumanizzata rappresentata dagli Stormtrooper, stiamo parlando di umani con personalità distinte, il che è inevitabilmente più spaventoso, soprattutto quando si tratta di errori della polizia.

Andor sviluppa così gli ingranaggi di una macchinazione che sembra più colossale che mai nell’universo di Guerre stellari, soprattutto grazie alle grandi distese che la telecamera si concede di filmare (e mettendo un po’ nell’armadio lo StageCraft). Insomma, una vera proposta per uno spy story politico dalle insospettabili ramificazioni. Peccato che l’inizio sia così difficile, ma non vediamo l’ora di scoprire cosa ci aspetta.

I primi tre episodi di Andor sono disponibili su Disney+ dal 21 settembre 2022.

Andor: Immagini

Lascia un commento