fbpx

Esther 2: Il film è ispirato a una storia vera?

Scopri se i film di Esther sono ispirati a una storia vera!

Esther 2 esce il 17 agosto 2022 al cinema! Se vuoi sapere se Esther 2 è ispirato a una storia vera, continuare a leggere! Nel 2009, il film horror psicologico Ester ha lasciato perplessi i fan dell’horror ovunque al momento della sua uscita. Il film è incentrato su una coppia sposata che adotta una bambina di nove anni di nome Esther da un orfanotrofio, dopo aver subito un recente aborto spontaneo. Per scoprire quando uscirà il film su Netflix, leggi questo.

A loro insaputa, Ester non è affatto quello che sembra. Dietro il suo fascino apparente, Ester nasconde intenzioni sinistre che minacciano l’intera famiglia. Il successo del primo film ha generato un sequel, intitolato Ester 2 previsto per il rilascio questo mese. Per scoprire da che età vedere il film al cinema, leggi questo.

La trama agghiacciante del film ha facilmente risuonato con i fan dell’horror ed è diventata un appuntamento fisso nel mondo dell’horror nel corso degli anni. E se gli eventi che accadono nel film sono abbastanza terrificanti, la vera ispirazione dietro l’idea ti farà venire la pelle d’oca. Allora Esther 2 è ispirato a una storia vera? Ti diciamo tutto noi!

Esther 2 è ispirato a una storia vera?

No, Esther 2 non è ispirato a una storia vera, tuttavia diverse storie simili possono farti pensare! Il caso Barbora Skrlová ha fatto notizia a livello nazionale quando “Adam”, un ragazzo di 13 anni adottato dalla Norvegia, è scomparso ed è stato scoperto essere una donna ceca di 33 anni.

Skrlová ha commesso i suoi primi crimini nella Repubblica Ceca, dove è venuta a vivere con due sorelle, Klara e Katerina Mauerova, e i due figli di Klara. Klara soffriva di una grave malattia mentale, tanto da essere all’origine della sua separazione dal padre dei suoi figli. Per questo motivo, Skrlová è stata in grado di manipolarla più facilmente.

Alla fine, Skrlová convinse le sorelle a rinchiudere i ragazzi in cantina e farli morire di fame. Quando un vicino ha allertato la polizia della possibilità di abusi all’interno della casa, le due sorelle sono state arrestate, ma Skrlová è scappata fingendosi una bambina.

Leggi  "The Mystery of the Glass Onion", Rian Johnson supera se stesso con un altro giallo esilarante e divertente

Dopo l’uscita del film horror Orphan nel 2009, quasi 10 anni dopo, è venuto alla luce un caso unico. Kristine e Michael Barnett, una coppia dell’Indiana, allevavano bambini con bisogni speciali. Nel 2010 hanno adottato Natalia Grace, ucraina di sei anni, che soffriva di una forma di nanismo che le rendeva difficile camminare.

Dopo un po’, Natalia ha iniziato a comportarsi in modo strano. Kristine ha riferito che la ragazza ha minacciato la famiglia, stando in piedi sopra di loro di notte, e una volta l’ha persino vista mentre cercava di versare della candeggina nel caffè mattutino di Kristine. Convinti da Kristine che Natalia fosse pericolosa e che gestiva una truffa, i Barnett hanno legalmente cambiato l’età di Natalia sul suo certificato di nascita a ventidue nel 2012, poi nel 2013 le hanno affittato un appartamento e si sono trasferiti in Canada.

Successivamente è stata intrapresa un’azione legale contro i Barnett nel 2014, quando Natalia ha riferito alla polizia di essere stata abbandonata dalla sua famiglia. I Barnett sono stati accusati di due capi di imputazione per negligenza criminale di un minore. Kristine sostiene ancora che Natalia sia un’adulta pericolosa che gestisce una truffa e che l’incidente non costituisce un abuso sui minori.

Michael, ora divorziato da Kristine, afferma che la coppia sapeva da sempre che Natalia era una bambina, ma Kristine ha convinto tutti a mentire sulla sua età.

Lascia un commento