fbpx

Eroi: la battaglia al lago Changjin

romanticismo nazionale

Ci eravamo preparati. Avevamo rivisto la cronologia della guerra di Corea. Eravamo pronti a segnalare i probabili assetti storici per accontentare i puristi ignorando alcuni pregiudizi ideologici, perdonare le concessioni troppo ovvie… Tutto questo per difendere ciò che resta del sostanziale midollo del cinema HK, le sbandate furiose di Dante Lam e in particolare i voli magistrali dell’immenso Tsui Hark. Invano.

Letteralmente commissionato dalla commissione militare centrale e dal dipartimento della propaganda cinese come parte della celebrazione del 100° anniversario del partito, La battaglia al lago Changjin è quasi impossibile da garantire. Non c’è bisogno in realtà di stipare le nostre lezioni di storia: le sue tendenze propagandistiche sono chiare. Inoltre, se è stato affidato a questo fantastico trio di registi, è perché l’altra ex musa del cinema di Hong Kong, Andrew Lau, era impegnato a levigare le proprie lodi delle autorità locali, Medici cinesi. Un’osservazione che siamo molto felici di redigere in Francia, visto che l’ex giornalista cinese che ha osato criticare il ruolo arrotolato dal suo Paese sui social è finito nel post…

Mao Zedong, un bravo ragazzo, in fondo

Le nostre speranze non erano così ingenue : qualche mese fa è sbarcato in Francia, nelle stesse condizioni, un altro mega blockbuster cinese che riscrive la storia a suo piacimento, La Brigata dell’800. Il suo regista Guan Hu e il suo co-sceneggiatore Ge Rui, ben consapevoli del tipo di spettacolo che offrivano, non hanno esitato a soffermarsi sulle ambiguità del suo patriottismo. Possiamo anche supporre che abbiano fatto del sacrificio eroico dei loro personaggi la conseguenza di un conflitto assurdo per natura, un po’ come, in definitiva, i migliori film di guerra americani degli anni ’80 e ’90.

Una forma di rinculo ripudiata dagli interminabili primi 40 minuti di La battaglia al lago Changjincomposto in gran parte da grandi e vibranti discorsi, commoventi saluti militari pronunciati davanti alla madrepatria immersa nella luce eterna, preparativi telefonici per il pagamento, collegati da una sovrapposizione appiccicosa di musica di fuoco. Tutto suona falso ed è quindi sufficiente per sradicare la minima emozione a favore dell’orgoglio nazionale con, come linea d’orizzonte, un epilogo che si potrebbe credere scritto da un comitato (e forse è così). Inevitabilmente, nel mezzo, difficili da riconoscere negli scontri, ma non avari di esplosioni di ogni tipo.

Eroi: la battaglia sul lago Changjin: fototreno ad alta velocità

Ascolta il trionfo

Disinteressato a questi caratteri-funzione, martiri al servizio di una causa in cui è impossibile concedere la minima fiducia, raggiungiamo lunghe sequenze d’azione. Dopotutto, dentro La battaglia di Tiger MountainTsui Hark ha schiacciato l’evidente significato politico della sua storia sotto il peso dei suoi esperimenti estetici, che non si sono fermati al regno degli effetti speciali digitali, tutt’altro.

Leggi  Qual è l'incidente di Jennifer? Ben morto?

Solo qui è accompagnato da due illustri colleghi, che ci siamo chiesti se avrebbero frenato i suoi impulsi creativi. E infatti, le scene di battaglia, distribuite su due grandi aree narrative, lasciano evidente questo approccio tripartito. Le visioni di caos filmate sulla spalla lasciano il posto di tanto in tanto a poche carrellate asciutte e altre rapide riprese aeree, lanciando per stuzzicare gli spettatori una parte di “chi ha girato cosa?” che va dal livello esperto al livello principiante. Ma alla lunga gli stili si divorano a vicenda, costantemente sull’approdo dello spettacolo totale. La definizione di frustrazione.

Eroi: la battaglia sul lago Changjin: fotoStati Uniti Air Low

Solo pochi istanti di coraggio, attribuiti dal fanboyismo meccanico a Tsui Hark, ci fanno dimenticare brevemente la serietà ideologica della cosa, il tempo di un movimento assurdo di macchina da presa o un’idea surreale. Ciò che emerge è una sequenza pazzesca che sorvola una compagnia di soldati terrorizzati contemporaneamente agli aerei e si conclude con un improbabile schermo diviso, oltre a un duello di carri armati uscito dai sogni bagnati dei registi di Hong Kong che rappresenta . Una miseria miseriadato che il tutto dura ancora quasi 3 ore.

Forse l’istruzione era di mantenere un po’ di potenza di fuoco per il sequel, che ha una migliore reputazione in termini di azione, ma che si suppone sia disincarnato. Anche se è difficile vedere gli sceneggiatori superare quest’ultimo atto, dove lo scopo del progetto si rivela in tutta la sua crudeltà: l’immagine degli americani prostrati di fronte alla presunta combattività di poveri soldati ridotti allo stato di statue senza vita – e senza un parere. Una delle ultime caselle è responsabile della guida del punto a casa: “Il grande spirito di guerra è senza tempo”. Agghiacciante.

Heroes: The Battle at Lake Changjin: poster ufficiale

Lascia un commento