fbpx

Era importante che Polly apparisse nella sesta stagione di ‘Peaky Blinders’: “Avrei voluto che continuassimo” – TV6 News

La serie con protagonista Cillian Murphy è rimasta senza un pezzo importante in attesa di registrare. La zia Polly avrebbe potuto partecipare, ma il COVID lo ha impedito.

stagione 6 di Peaky Blinders ha una famigerata assenza: quella di zia Polly. L’attrice che la interpreta, Helen McCrory, è morta di cancro nell’aprile 2021, lasciando gli Shelby orfani nella loro fase più importante, quella finale. Per cinque stagioni ha interpretato la forte matriarca del clan, uno dei migliori personaggi della fiction della BBC, e, proprio per questo, si è meritata di apparire nell’ultima puntata. Polly deve avere un tributo, ma come?

Il suo ruolo in Peaky Blinders era fondamentale e, poiché la trama era ancora aperta nella quinta puntata, il team ha dovuto pensare a cosa ne hanno fatto. Fai come se non fosse successo niente? Impossibile. Mandarla in esilio? Poco credibile. L’idea di mantenerla parte della trama era importante e, inoltre, il creatore Steven Knight pensa che sia proprio quello che avrebbe voluto. “Penso che Helen avrebbe voluto che continuassimo l’influenza di Polly.. Continua ad avere una forte influenza su Tommy (Cillian Murphy) e quindi su tutti”, dice Knight in un’intervista a ehm.

Innanzitutto, le trame, la storia e la serie sono insignificanti rispetto alla tragedia che è stata la morte di qualcuno così brillante e fantastico, ma ci ha presentato un problema. L’idea che Polly fosse viva e fosse andata in America o qualcosa del genere non era giusta. Volevamo rendere omaggio al personaggio e, si spera, all’attrice allo stesso tempo, quindi volevamo che lei facesse parte della serie.

Helen McCrory non poteva essere presente nella sesta stagione della serie, ma gli sceneggiatori hanno saputo farla partecipare nel migliore dei modi. “La sua morte guida molte delle cose che accadono fino alla fine dell’episodio 6”, sottolinea Knight. E ha assolutamente ragione. L’importanza di Polly nella trama è diventata chiara vedendo gli eventi che hanno generato la sua morte. Se qualcuno voleva rischiare Tommy con la morte di sua zia, era chiaro che avrebbe pagato.

Leggi  'Obi-Wan Kenobi': Ewan McGregor e Hayden Christensen parlano di una possibile stagione 2

Un’assenza causata dal COVID

La sua assenza fa più male se pensiamo che, se non fosse stato per il COVID, Helen McCrory sarebbe stata in grado di finire le riprese della sesta stagione di Peaky Blinders. Come ha affermato Cillian Murphy, in Custodese l’avessero registrato un anno prima, come previsto, avrebbe potuto registrare le sue scene.

“Sarebbe stata nella serie 6 se l’epidemia non avesse messo le cose in sospeso”.racconta la protagonista, “Quando nel marzo 2020 è stata dichiarata la reclusione mancavano solo cinque giorni alle riprese. Helen era il cuore della serie ed era difficile farcela senza di lei. Davvero difficile. C’era un grande vuoto sulla set. Ne eravamo tutti consapevoli. È morta mentre stavamo girando. Era troppo giovane”.

Lascia un commento