fbpx

Eduardo García, tra affetto e critiche a ‘Qui non c’è nessuno vivo’: “Ho visto cose che non avrei dovuto vedere” – TV6 News

L’attore che ha dato vita è stato Josemi in ‘Non c’è nessuno vivo qui’ e Fran nella serie Telecinco.

Eduardo García non lavora più come attore, ma sarà sempre ricordato per aver dato vita a Josemi in Non c’è nessuno che vive qui e, più tardi, a Fran in quello che sta arrivando. Ha iniziato a lavorare in televisione quando aveva appena 10 anni e, come ha confessato nel podcast Club 113, ha visto cose che qualcuno della sua età non avrebbe dovuto vedere. Eppure, ricorda tutto con affetto.

Nil Ojeda, presentatore del programma disponibile su YouTube, ha chiesto a García la sua esperienza nel filmare la famosa commedia e, sebbene gli abbia assicurato che non avrebbe potuto rispondere se avesse voluto, l’interprete è stato abbastanza sincero. “La verità è che la ricordo con affetto, fratello. Per alcune cose non la ricordo con tanta simpatia perché erano un po’ premature“, dice l’esattore, “Avevo 12 anni e ritengo che un bambino di 12 anni non debba essere bendato, ma è un’età per fare cose per un bambino di 12 anni. Forse ci sono cose che non avrei dovuto vedere”.

Club 113 – YouTube

Eduardo García in un momento del podcast “Club 113”.

Eduardo García aggiunge che ha sempre avuto il sostegno di suo padre e ogni volta che attraversava una situazione del genere, glielo raccontava chiedendo consiglio. “Tornavo a casa e dicevo a mio padre: ‘Ehi, papà, ho visto questo, ho visto quello’. Mio padre non mi ha mentito, mi ha detto: ‘Figlio, proprio qui, sbagliato qui’. Mio padre mi ha sempre consigliato molto benema penso che siano cose che mi sono venute in mente prima del loro tempo”.

Nonostante non lo ricordi come un incubo, non è la prima volta che l’attore critica qualche aspetto del suo tempo nella serie dei fratelli Caballero. Nella canzone “Parador de Valdesquí” ha lanciato una freccia diretta alle ore di registrazione che ha dovuto sopportare essendo ancora minorenne. “Turni di 24 ore anche da minorenne, e tu non mi hai ringraziato e fare gli straordinari è meglio non parlare, qualcun altro ti avrebbe denunciato, tutti i soldi ti avrebbero preso”, ha detto nel rap.

La stagione 13 de “La que se avecina” avrà più vittime che mai: tutti gli attori che non torneranno

Non voleva fare l’attore e non si aspettava il successo di ‘Qui non c’è nessuno che vive’

Nel podcast ha anche rivelato che non sognava di fare l’attore né cercava la fama. È stato semplicemente “presentato”. Non ho detto “Voglio fare l’attore”confessa.

García ha frequentato corsi di teatro, ma perché ha dovuto iscriversi a un’attività extrascolastica. I suoi genitori lavoravano entrambi nel negozio e non potevano passare con lui tutto il tempo che volevano, quindi doveva fare qualcosa dopo la scuola. Avrebbe scelto il basket ma, non avendone l’opportunità, ha optato per il teatro. Lì Magdalena lo firmò -che, dalle sue parole, si intuisce che fosse la sua maestra- e lo presentò alla televisione.

Magdalena disse ai genitori di Dudu che questo bambino aveva qualcosa di speciale e li presentò a una sua amica che gestiva un’agenzia di recitazione. Glielo chiesero i suoi genitori, lo avvertirono che i soldi guadagnati sarebbero andati a lui e lui accettò la proposta. “Ho pensato ‘È una serie televisiva, non credo che molte persone la guardino”, sottolinea. Quello che non sapeva è che stava entrando a far parte della produzione di maggior successo della narrativa spagnola e che avrebbe cambiato la sua vita.

Leggi  Il cast de 'Gli anelli del potere' e gli hobbit si uniscono contro il razzismo: "Siete tutti i benvenuti"

Lascia un commento