fbpx

“È una parola proibita. Sono infetti”

Chi lo pensa ancora L’ultimo di noi È una serie di zombie, ti sbagli. Neanche i suoi stessi creatori, infatti, osano riferirsi alla finzione in questo modo, poiché, tra l’altro, era vietato farlo durante le riprese.

Lo ha recentemente confessato il direttore della fotografia Eben Bolter, che durante un’intervista con I Crediti ha spiegato che usando la parola ‘zombie’ per riferirsi ai non morti era severamente vietato sul set.

“Non ci è stato permesso di pronunciare la parola ‘z'”, ha detto Bolter. “Era come una parola proibita. Loro sono gli infetti. Non facevamo parte di una serie di zombi. Ovviamente c’è tensione e paura, ma la serie parla davvero dei nostri personaggi; i contagiati sono un ostacolo con cui devono fare i conti».

[Bella Ramsey responde a los espectadores homófobos de ‘The Last of Us’: “Tendrán que acostumbrarse”]

“Ci sono molte cose che L’ultimo di noi Non lo è”, ha continuato il direttore della fotografia. “Non è un film di zombi clichéNon è Hollywood in controluce dove il primo piano di tutto è perfetto. È un mondo di naturalismo cinematografico organico, ed è qualcosa che puoi sentire”.

nel mondo di L’ultimo di noi, la popolazione umana è stata distrutta dall’espansione di un fungo che divora il cervello e trasforma gli esseri umani in morti viventi. Questi esseri si comportano in modo simile agli zombi, ma hanno un aspetto completamente diverso, perché i funghi trasformano i loro corpi.

Ancora dal trailer di ‘The Last of Us’.

HBO Max

Questi non morti sono conosciuti come spezzarsi o gonfiarsi, a seconda dello stadio dell’infezione in cui si trovano. Infatti, uno degli esempi più recenti che la serie ha mostrato è quello di un gonfio, il cui corpo è completamente ricoperto di funghi.

Leggi  "Se una notte venissi visitato da tre fantasmi, sarebbe esattamente così"

“Avevamo una copia del suo corpo su cui abbiamo modellato le protesi in argilla”, ha spiegato il designer di protesi dello spettacolo Barrie Gower in un’altra intervista. “Lo realizziamo con gommapiuma e lattice, che sono materiali molto leggeri. È un tipo di materiale molto soffice. Tutto ciò è stato modellato in sezioni separate: metà superiore, testa, braccia e gambe. Avevamo una squadra che ha fabbricato tutti questi pezzi insieme. C’era una cerniera nella parte posteriore e un’altra intorno alla vita. Le protesi avevano molte pieghe penzolanti di funghi, che nascondevano cerniere e bottoni”.

Lascia un commento