fbpx

e se fosse (quasi) di nuovo buono?

Quanto vale l’episodio 2 della stagione 4 di Westworld? La nostra recensione, con spoiler.

Mondo occidentale non si è mai davvero ripreso dal suo lancio in fanfara su HBO nel 2016. Da allora, la serie di Lisa Joy e Jonathan Nolan sembra inseguire le promesse del suo successo, e soprattutto le sue grandissime ambizioni. Dopo una stagione 3 che si era ampiamente raffreddata, Mondo occidentale porta sempre più sfide (e sfiducia).

Il primo episodio della quarta stagione di Mondo occidentale non sorprende che fosse stato dedicato alla reintegrazione di personaggi e nuovi numeri, anche se ciò significava ricordare alcune delle principali debolezze narrative della stagione precedente. Ma il secondo episodio, intitolato Abbastanza bene da solorassicura (un po’).

ATTENZIONE SPOILER

maeve sta andando in guerra

Prima impressione : Mondo occidentale è (finalmente) di nuovo in carreggiata per l’efficienza, con carburante sufficiente per riavviare il motore. Dopo un primo episodio di pura e pesante esposizione, questo secondo episodio segue una linea molto più chiara, senza aver paura di muovere qualche pedina sulla scacchiera del caos. Tutto dipende ancora molto (troppo) dalle promesse, ma per un inizio di stagione è comunque accettabile.

Da un lato, Maeve e Caleb risalgono il sentiero di The Man in Black per arrivarci un politico, sostituito da un ospite. Grazie ai suoi poteri magici (divenuti il ​​perfetto burlone degli sceneggiatori), l’eroina interpretata da Thandiwe Newton scopre le dimensioni di questo circo: Charlotte si nasconde dietro l’Uomo in Nero, e ha già piazzato 249 ospiti per creare il suo piccolo esercito .

D’altra parte, il piano di Charlotte di dominare il mondo, soprattutto nella sfera politica, viene gradualmente svelato un ottimo sostituto in lavorazione (a volte grazie a quelle maledette mosche), e una sorpresa: William non è morto. Nonostante gli sia stato tagliato la gola nella scena post-crediti della terza stagione, l’originale Man in Black è semplicemente prigioniero in un frigorifero sotterraneo ad alta tecnologia.

Il grande sonno

Rispecchiando la stagione 3 in cui Maeve e Dolores stavano avanzando l’una verso l’altra fino a un inevitabile scontro, Maeve e Charlotte sembrano essere le due facce di questa nuova guerra. Le motivazioni di Charlotte sono chiare e classiche, dal momento che è una bulldozer che vuole punire l’umanità e garantire un futuro dignitoso ai suoi compagni sintetici. Se non originali, impongono un movimento apocalittico e una chiara direzione per la stagione.

D’altronde le motivazioni di Maeve restano ferme e sempre più sfumate. Tra sopravvivenza individuale, memoria della figlia e semplice ricerca di una ragione per vivere, c’è soprattutto la sensazione di non essere più padrona del suo destino, e di essere trasportata dagli eventi, con il suo falso catarro a colpi di “Fanculo “. È tanto più sfortunato che Maeve sia stata con Dolores un personaggio affascinante Mondo occidentale, con un’ottima traiettoria di emancipazione. Trasformata in una supereroina, guidata per diverse stagioni dalla carota di sua figlia e svuotata di ogni significato nella terza stagione (strumentalizzata da Serac al punto da sembrare grottesca), Maeve dovrà trovare un vero scopo nella stagione 4.

Westworld: foto, Aaron Paul, Thandiwe NewtonQuasi come la scena introduttiva di Tenet

CRISTINA e la ricerca

Tra le grandi domande di questa stagione 4: mosche e Cristina. Da entrambe le parti, la spiegazione dovrà essere all’altezza delle promesse, dal momento che questi insetti sintetici vengono presentati ancora una volta come una bolla terrificante e il mistero cresce attorno agli ex Dolores.

Leggi  Johnny Depp ha ispirato Joseph Quinn a dare vita a Eddie in "Stranger Things"

Quasi indietro al punto di partenza di Dolores nella prima stagione, che stava cercando di svegliarsi dall’inquietante sogno di una vita finta, Christina si imbarca in un’indagine assolutamente non entusiasmante. Dopo il suicidio dello sconosciuto che l’accusa di aver distrutto (e scritto) la sua vita, lascia il circuito programmato della sua routine quotidiana per trovare risposte. Questa parte dell’episodio è la più debole, colpa di una direzione artistica ancora così povera (macchina automatica, vestiti monocromatici, schermi trasparenti), e già una sensazione di stare fermi; come un rallentamento forzato per mantenere la curiosità e far lievitare la salsa, che Mondo occidentale troppo spesso abusato.

Christina vive in una gigantesca bugia? La sua coinquilina Maya nasconde qualcosa o Ariana DeBose sarà vergognosamente sottoutilizzata? La stagione 4 sarà all’altezza o inciamperà sul tappeto questo personaggio enigma con un forte potenziale di puzzle?

Westworld : Foto Evan Rachel WoodEvan Rachel WhoAmI

L’effetto specchio con le prime Dolores, su cui insiste la messa in scena (il piano della sveglia, ancora), è una bella idea sulla carta. Evocativo, poetico, apre molte porte di interpretazione. Ma Mondo occidentale non ho mai avuto problemi a creare domande eccitanti ed eccitanti con misteri. Il vero problema il più delle volte rimane la spiegazione, la risposta e il punto finale. La cautela quindi c’è.

Gli sceneggiatori non hanno mai nascosto che il loro attaccamento all’attrice Evan Rachel Wood, così come il suo posto nella serie fino ad allora, aveva giocato molto in questa scelta di riportarla indietro. La sopravvivenza un po’ assurda di William sembra confermare una cosa molto triste: la squadra è troppo attaccata ai personaggi (e agli attori) per sbarazzarsene, se necessario.

Westworld: foto, Angela SarafyanAngela Sarafyan, sempre così ben servita dalla scrittura (no)

ritorno al mondo occidentale

Il clou di questo secondo episodio è ovviamente il ritorno a Westworld e la scoperta di a nuovo parco a tema anni ruggenti. Maeve viene riportata all’ovile e Caleb scoprirà questo universo che l’ospite William presenta con grande clamore (“Benvenuti nell’età dell’oro“). Quindi bentornati, con il tema della serie riorchestrato, e una nuova grande illusione.

Ci sono due modi per viverlo. Da un lato c’è il ovvio piacere di tornare a Westworld, per scoprire un nuovo parco (era la promessa iniziale: poter creare altre avventure molto referenziate, che la stagione 2 aveva capito), e per trovare il punto di partenza della serie. Dall’altro, può essere un’ammissione di fallimento dopo una stagione 3 che aveva lasciato il parcoper abbracciare un’altra dimensione dell’universo.

Mondo occidentale: immaginiStiamo ancora aspettando

Questo ritorno a Westworld era pianificato (gli sceneggiatori parlano da anni di un piano in 5 stagioni) o è questa la prova che Mondo occidentale non potrebbe andare avanti senza Westworld? Il piano di Charlotte è dettato da qualcosa di diverso dalle piccole manovre degli sceneggiatori, per lo spettacolo e per il mantenimento dei personaggi al loro posto?

PS: sperando che torni Saffron Burrows, un’ottima attrice fin troppo discreta.

Un nuovo episodio della stagione 4 di Westworld, ogni settimana, dal 27 giugno, negli Stati Uniti+24 su OCS

Westworld: poster francese

Lascia un commento