fbpx

“È normale che ci siano tempi per definire tutto, ma sono contento che ci sia una Trans Law”

Penélope Cruz è cauta quando gli viene chiesto della Trans Law che si sta discutendo in questi giorni al Congresso e che resta in attesa di essere approvato mentre la destra è contraria e la sinistra non è d’accordo sui suoi termini. Durante la sua carriera, l’attrice ha scelto con cura le battaglie in cui è entrata. Questa volta è più difficile evitare alcune domande: Oggi esce nelle sale il suo ultimo film, L’Immensitàla storia di un ragazzo trans in Italia negli anni ’70 e una madre che si nasconde nel mondo dei suoi figli per fuggire da un marito infedele e violento.

Ho letto molto sulla legge ultimamente. È complesso ed è normale che ci siano tempi per definire tutto correttamente, ma sono contento che sia in corso e mi auguro che possa essere approvato presto. Devi prenderti il ​​tempo per definire cose delicate come la questione dell’età, ad esempio “, difende il premio Oscar per Vicky Cristina Barcellona. “La questione è così complessa che quello che non ho intenzione di fare è non dare un’opinione su ciò che hanno detto altre persone”, risponde riferendosi alle controverse dichiarazioni dell’ex vicepresidente Carmen Calvo al quotidiano El Mundo in cui ha affermato che “la legge Trans può distruggere tutta la legislazione sull’uguaglianza”.

Penelope fa poi riferimento all’educazione che i suoi genitori le hanno dato, basata su valori e rispetto. “Non la vedo in nessun altro modo. Penso che tu debba vedere qualcuno per quello che è, riconoscerlo e rispettarlo”, abbandona prima di concentrarsi sul terzo e ultimo film che uscirà quest’anno.

[Penélope Cruz: “La fragilidad de un desahucio no es algo desconocido o extraño para mí”]

L’Immensità riporta lo spettatore alla Roma degli anni ’70, dove l’attrice sarà ritrovata a cantare e ballare Rumore, dalla tristemente scomparsa Raffaella Carrà. Clara e Felice si sono appena trasferiti in un nuovo appartamento. Il loro matrimonio è finito: i due non si amano, ma non riescono a separarsi. L’unica cosa che li tiene uniti sono i loro figli, nei quali Clara rivolge il suo desiderio di libertà. Adriana, la maggiore, rifiuta il suo nome e la sua identità all’età di 12 anni. La sua ostinazione minaccia inavvertitamente il fragile equilibrio familiare.

Cruz si rammarica da Madrid, dove incontra il giornale specializzato in serie televisive e film per parlare del suo ultimo lavoro, che ci siano così tante persone nella stessa situazione del protagonista di L’Immensità. “Non riescono nemmeno a sentirsi a proprio agio nel condividere come si sentono con la propria famiglia. Lo vedi nel film e ti spezza il cuore, ma [50 años después de la época en la que se ambienta la historia] non è cambiato molto. Ci sono ancora milioni di casi in situazioni come questa”.


Il regista Emanuele Crialese si è dichiarato transessuale durante la presentazione del suo ultimo film al Festival di Venezia. Penelope ha scoperto la sfumatura autobiografica del progetto solo dopo aver letto la sceneggiatura e aver accettato l’offerta del regista di Terraferma. “La prima conversazione al riguardo è stata molto naturale, non so se fosse al secondo o al terzo appuntamento. Emanuele ha tutta la credibilità per scrivere una storia del genere. Lo fa da un luogo di tanta verità, tanto rispetto e tanta bellezza da ispirare qualcosa di molto necessario e molto profondo”, afferma l’attrice settimane dopo una rivelazione avvenuta prima della vittoria dell’estrema destra alle elezioni italiane.

Non tutto ciò che lo spettatore troverà nel film italiano è realmente accaduto, “ma molte cose sono successe”. Fino alla premiere del film, secondo Penelope, “Emanuele si chiedeva quale sarebbe stata la reazione di sua madre quando avrebbe visto il film. Sia lui che tutta la famiglia sono stati molto generosi. Penso che sia un’artista straordinaria e per me è stato molto importante far parte di un film come questo”, spiega prima di insistere sul fatto che “non ha vissuto sotto pressione” dovendo rendere giustizia alla madre del cineasta transalpino. Nel 2018 ha già interpretato l’alter ego nella fiction della madre di un altro dei suoi registi in dolore e gloria.

Emanuele si chiedeva quale sarebbe stata la reazione di sua madre quando avrebbe visto il film. Sia lui che tutta la famiglia sono stati molto generosi

Penélope Cruz, attrice de “L’Immensità”

Poche attrici hanno interpretato la maternità nei film così tante volte e in modi così diversi. “Quello che queste donne possono avere in comune è che molte di loro si trovano in situazioni molto estreme e sofferenti che le portano a cercare di fuggire da quella situazione in cui non possono essere se stesse”, teorizza Penelope riferendosi al rapporto tra Clara e le altre matriarche ha dato vita sin dalla sua prima collaborazione con il manchego in carne tremolante, 25 anni fa. “Sono puri sopravvissuti e anche questo è così”.

Il marito immaginario di Clara dice che sua moglie è pazza. La persona incaricata di interpretarla non condivide quella visione. “È una persona che è sotto stress quotidiano che la sta facendo impazzire e la sta facendo andare in una profonda depressione. Non sopporta di vedere come quel padre non possa vedere sua figlia per quello che è o per il trattamento che riceve da lui. Tutto questo è stato ciò che mi ha colpito di più della sceneggiatura. Non è pazza, è una che sta cercando di trarre forza da dove non ha, come molte donne in quella situazione”, afferma.

[Penélope Cruz, la reina de España: los 5 momentos clave de la mejor actriz de la historia de nuestro cine]

L’attrice deplora la situazione nella società odierna delle vittime della violenza di genere, un altro dei problemi affrontati dal suo ultimo film. “Possiamo immaginare quanto debba essere difficile parlare o cercare aiuto in una situazione come questa. Quando lo fanno, molti di loro non trovano la protezione necessaria. E due giorni dopo se ne sono andati. Qualcuno mi ha detto che questo è cambiato, ma non so se è cambiato anche in peggio”, condanna, pessimisticamente, l’interprete 48enne.

Leggi  RPG Real Estate Stagione 2: qual è la data di uscita di Crunchyroll?

Insieme a L’Immensità torna in un paese, l’Italia, che ha segnato quasi quanto Hollywood la sua carriera. “Mi accolgono sempre a braccia aperte e mi hanno sempre fatto sentire come una seconda casa”, ammette. Lì sono nate Anna Magnani e Sophia Loren, i miti del cinema con cui l’hanno paragonata più e più volte, dal suo inseparabile Almodovar allo stesso Crialese. A Venezia riceve la Coppa Volpi per madri parallele. Ti è rotolato tre volte sulla lingua. Il primo di loro, Non muoverti, ha contribuito a cambiare la sua percezione al di fuori della Spagna prima della prima di Ritornola sua prima nomination all’Oscar.

“Quando hanno scoperto che una donna spagnola avrebbe interpretato il personaggio di ‘Non muoverti’, Mi hanno fermato per strada e mi hanno detto: ‘Ci fidiamo, ma in questo non puoi fallire’

Penélope Cruz, attrice de “L’Immensità”

“Quando hanno scoperto che una donna spagnola avrebbe interpretato il personaggio di Non muoverti, Mi hanno fermato per strada e mi hanno detto: ‘Ci fidiamo, ma in questo non puoi fallireperché l’Italia [el nombre de la protagonista de la novela de Margaret Mazzantini y la posterior adaptación de Sergio Castellitto] per noi è qualcosa di molto importante’. Quel libro aveva rivoluzionato la vita di molte persone, anche la mia”, confessa, ancora grata per il film che ha vinto il David Di Donatello [el Goya italiano] che solo un’altra connazionale, Ángela Molina, aveva ricevuto prima. “Ho vissuto l’intero processo con molta pressione, ma ho lavorato sodo. Ho dovuto perdere il mio accento spagnolo per interpretare un italiano di nome Italia”. Penelope non poteva fallire, e non lo fece.

I tuoi impegni promozionali con L’immensità dovrebbero essere il punto di arrivo di un 2022 molto intenso per Alcobendas. L’anno è iniziato con la prima del film d’azione Agenti 355 (il film d’azione che ha girato con Jessica Chastain, Diane Kruger e Lupita Nyong’o prima della pandemia), la storica nomination all’Oscar per madri parallele e la prima in Spagna della commedia Concorso ufficiale.

Clip esclusiva di ‘L’immensità’, il film con Penélope Cruz nei panni della ‘mamma’ italiana

Dopo l’estate, Penélope Cruz ha incatenato i suoi impegni per il National Film Award (che ha donato interamente ai servizi sociali) con l’arrivo nelle sale -compresa una visita ai festival di Venezia e San Sebastián- delle sue collaborazioni con Juan Diego Botto ed Emanuele Crialese.

Il suo prossimo progetto l’ha riportata in Italia: ferrari, il film sul fondatore del leggendario marchio automobilistico in cui ha recitato al fianco di Adam Driver. Lei interpreta Laura Ferrari. “Abbiamo girato durante l’estate e Sono rimasto affascinato dall’energia e dalla vitalità di Michael Mann. Viene da un altro pianeta”, dice del direttore di Calore Y Il dilemma, che tornerà nelle sale nel 2023 nove anni dopo la premiere del suo ultimo film. “Nessuno può raggiungerlo sul set. Nessuno, non un cameraman di 30 anni o un attore di 15 anni. È impressionante”.

Penélope Cruz alla premiere di “Between the Margins”.

EFE

All’attrice piace combinare film grandi e piccoli, anche se ammette che “ho fatto molti drammi negli ultimi anni” perché “si stanno scrivendo meno commedie e cerco sempre”. Non fa nemmeno molti grandi film in studio, insiste, nonostante abbia avuto esperienze “così positive” come la sua partecipazione alla quarta avventura di pirati dei Caraibi.

“Far parte di quella saga ti fa raggiungere anche altre età. È anche importante poter realizzare film che possano piacere anche a bambini e adolescenti”, afferma. Penelope fa un esempio della figura di Victoria Alonso, una delle teste dei Marvel Studios. “Guarda la passione per cui ha avuto Argentina, 1985 e cosa si muove con quel film. È una donna incredibile ed è molto interessante che possa fare entrambe le cose”.

[Hacer películas sociales] Non è una strategia, è un modo naturale di scegliere progetti che muovono qualcosa dentro di me

Penélope Cruz, attrice de “L’Immensità”

Gli ultimi due film del madrileno coincideranno nelle sale da oggi. Le due storie condividono anche le loro preoccupazioni sociali. Cruz non sente di avere la responsabilità di usare il suo nome per supportare questo tipo di storie.. “Non è una strategia”, chiarisce. “È un modo naturale di scegliere progetti che muovono qualcosa dentro di me. Penso, e potrei sbagliarmi, che possano anche muovere qualcosa nel pubblico”.

L’attrice e produttrice (il suo debutto alla regia è ancora all’orizzonte) ricorda che non puoi mai sapere come reagiranno il pubblico o la critica a quello che fai, “ma almeno puoi essere onesto e affrontare questioni che ti muovono qualcosa dentro o che ritieni importante per questo mondo che non so dove stia andando”, conclude con una preoccupazione per un futuro più immediato di quanto non abbia già mostrato in passato.

Lascia un commento