fbpx

“È importante per lo studio”

Emirati Arabi Uniti, Malesia e Arabia Saudita non saranno presentati in anteprima Anno luce per l’inclusione di un bacio tra due donne. Nel passato Disney aveva accettato di rimuovere i momenti di affetto tra persone gay da film come Guerre stellari. L’ascesa di Skywalker, ma il spin off di storia di giocattoli seguirà le orme di Il dottor Stranger nell’universo della folliabandito anche in diversi territori per aver incluso riferimenti a personaggi della comunità LGTB.

Alisha, Space Ranger, collega avventuriera e amica di Buzz Lightyear, ha una relazione e ha una figlia con un’altra donna. Ad un certo punto del film, i personaggi si baciano. “Non è stato difficile venderli sull’idea. [a Disney]”, promette SERIE E ALTRO galyn sumanproduttore di Anno luce. Tuttavia, il 18 marzo, Variety ha annunciato che il bacio era tornato nel film dopo che i dirigenti dello studio ne avevano inizialmente chiesto la rimozione.

Tutto è cambiato quando la società è stata coinvolta in uno scandalo di pubbliche relazioni quando è stato rivelato che la società era riluttante a denunciare un tentativo di legge (conosciuto colloquialmente come “Non dire gay”) il quale sosteneva che l’omosessualità non poteva essere discussa nelle scuole dello stato della Florida. Le ripercussioni della polemica sembrano aver portato a un maggiore impegno della Casa di Topo con la causa LGTB.

Secondo Susman, “È anche una cosa importante per lo studio. Rappresentazione, diversità e inclusione sono concetti a cui prestiamo molta attenzione E sono molto importanti per tutti noi. Ci hanno supportato molto in questo senso”, abbandona dopo averlo spiegato con Anno luce aspirano a “rappresentare tutti i tipi di persone in questo mondo. Più grande è la rappresentazione, più finestre ci sono per consentire alle persone di connettersi con la storia e identificarsi con ciò che vedono sullo schermo. È molto eccitante. Volevamo avere un cast diversificato per fare appello a quante più persone possibile.

Leggi  recensione di una bella rapa d'acqua

Il precedente di Luca

‘Luca’ | Rimorchio | Disney+

Il protagonista dell’omonimo film Pixar è diventato oggetto di dibattito sui social network e sui media un anno fa. molti hanno trovato in questa storia sulla relazione di due bambini che si godono un’estate che cambia le loro vite per sempre una serie di allegorie dell’omosessualità. Anche il regista Enrico Casarosa è stato costretto a partecipare alla conversazione, chiarendo che ogni tipo di lettura era gradita, ma facendo capire che per lui il il rapporto tra Luca e Alberto era “platonico”.

Mesi dopo la smentita ufficiale, la posizione della Disney con il gruppo è stata messa in discussione dopo la controversia sul Don’t Say Gay. Lo studio ha cercato di spegnere l’incendio. “Siamo e continueremo a essere leader nel supportare le organizzazioni che difendono la diversità. Nel 2021, forniamo quasi 3 milioni di dollari per sostenere il lavoro delle organizzazioni LGBT+”. Non ha aiutato. Star della casa come Oscar Isaac hanno apertamente criticato lo studio, i social ardevano di indignazione e i lavoratori LGTB+ della stessa Pixar hanno deciso che era ora di aprire il vaso di Pandora pubblicando una dichiarazione esplosiva.

“Alla Pixar abbiamo assistito personalmente a storie bellissime, piene di personaggi diversi, che tornano dalla Disney ridotti a briciole di quello che erano una volta. Quasi ogni momento di affetto apertamente gay viene tagliato per volere della Disney. Anche se la creazione di contenuti LGBT+ fosse la risposta alla correzione della legislazione discriminatoria in tutto il mondo, ci è proibito crearli”. Anno luce Segna, si spera, l’inizio di una nuova era.

Lascia un commento