fbpx

È così che Iñárritu ha realizzato il nuovo spettacolo, più breve di 22 minuti, che è stato presentato in anteprima a San Sebastián

Non è la prima volta, tutt’altro, che torna in sala di montaggio uno dei film più attesi di un grande festival dopo il suo enorme coming out. Passo con c’era una volta a hollywoodche Quentin Tarantino ha ritoccato tra il suo debutto a Cannes e la sua fortunata corsa nei cinema e agli Oscar, ed è appena successo di nuovo con il nuovo Alejandro González Inarrito. A sole tre settimane dalla sua prima mondiale a Venezia, San Sebastián è stata teatro della prima rappresentazione della versione -in teoria- definitiva del tanto atteso Bardo.

Il regista messicano ha spiegato alla stampa spagnola, tra cui il giornale specializzato in serie televisive e film, come il suo film è passato da una durata di 174 minuti a 152. “Ho finito Bardo due giorni prima di andare a Venezia e, essendo il montatore del film, ci sono stato molto vicino. Non ho mai avuto l’opportunità di vederlo con le persone, con gli amici, con i collaboratori, come faccio di solito quando finisco un film”, riconosce l’autore premio Oscar di il rinato Y Birdman.

In circostanze normali, Iñárritu si riserva un paio di mesi per fare proiezioni private e avere reazioni da un pubblico esterno alla produzione, non importa quanto piccolo. “Qui l’ho vista sola con tre o quattro collaboratori. Quando sono arrivato a Venezia certi effetti visivi mi hanno messo contro il muro dell’agenda. La realtà è che luiun Ho visto per la prima volta con persone in un pass di 2000 persone a Venezia. Poi l’ho vista di nuovo a Telluride”. A quel punto il regista aveva già ricevuto le peggiori recensioni della sua carriera e, sebbene fosse scontento di alcune reazioni della stampa al suo film più personale, decise di iniziare a lavorare su un nuovo montaggio.

[Rumbo a los Oscar: todo lo que sabemos de ‘Bardo’, de Alejandro González Iñárritu]

“Ho subito capito che un film esiste quando il pubblico lo vede. Non importa cosa volevo esprimere, come l’ho fatto o le mie ragioni. L’importante è cosa provano le persone quando lo vedono”, riconosce Iñárritu. Immediatamente, il regista ha iniziato a lavorare sul ritmo interno di alcune scene, anche se insiste dalla città di San Sebastian che “il film è intatto e l’essenza è la stessa”. Bardo È lo stesso, non importa se l’hai visto a Venezia oa San Sebastian, insiste un autore che non dirigeva un film dai tempi di The Revenant.

Leggi  Riepilogo e spiegazione alla fine!

“Quello che ho fatto è stato assumere la capacità di sintesi e approfondire gli stessi argomenti più rapidamente. Infatti, c’è un’altra scena in questo film che non era nel primo montaggio”, chiarisce. “Ho anche tirato fuori le cose musicalmente e ho fatto alcuni set di remix che ho trovato molto rumorosi. Quei cambiamenti hanno costruito i muscoli in ogni scena e lei è diventata più snella, ma è la stessa”.


Iñárritu si sente soddisfatto dopo aver terminato un processo con cui, chiarisce, aveva già presentato domanda 21 grammi Y Babele dopo la sua prima mondiale rispettivamente a Venezia e Cannes. “Per me un film è un processo indefinito. Sono molto rigoroso e finché il film non mi viene portato via per un festival o una prima, continuo a lavorarci. È un’opportunità perché rimarrà così per tutta la vitaquindi è meglio che si prendano decisioni a prescindere da quello che pensano le persone”, si adagi su uno degli argomenti più commentati dalla stampa specializzata quando è stato pubblicato, a poco più di un’ora dalla prima proiezione del film, che a San Sebastian avrebbe essere una versione diversa e 22 minuti in meno.

Bardo Uscirà nelle sale spagnole il 4 novembre. In arrivo su Netflix il 16 dicembre dopo la più lunga finestra di esclusività nella storia della piattaforma di streaming. Nel primo film di Iñárritu in Messico da allora Ama i cani, Daniel Giménez Gacho interpreta un famoso giornalista e documentarista messicano che torna nel suo paese d’origine per confrontarsi con la sua identità, gli affetti familiari, l’assurdità dei suoi ricordi, così come il passato e la nuova realtà del suo paese. Il personaggio cerca risposte nel suo passato per riconciliare chi è nel presente.

Lascia un commento