fbpx

Dura meno di 6 ore ed è sicuramente una delle storie più incredibili che vedrai su Netflix – Notizie sulla serie

Una miniserie di documentari che vale la pena rivendicare: un guru controverso, una gigantesca comunità hippy nel mezzo del deserto e una storia piena di intrighi, manipolazioni e così tanti colpi di scena che difficilmente puoi credere che sia reale.

Era l’anno 1981 quando luiI residenti di Antelope, una cittadina dell’Oregon di appena 50 abitanti, cominciarono a sentire la prima notizia che presto avrebbero avuto un nuovo vicino. Quindi non avevano idea di chi fosse e tutto ciò che sapevano era che “un gruppo guidato da un guru potente e ricco” aveva acquistato un appezzamento di terra di 32.000 ettari. Il ranch, noto ai locali come il Big Muddy, aveva solo un paio di edifici fatiscenti e il resto del terreno era assolutamente inospitale, roccioso, ripido e pieno di colline.

La confusione iniziale iniziò a trasformarsi in attesa unita a preoccupazione quando i primi arrivati ​​iniziarono a prepararsi per l’arrivo del loro leader e del resto dei membri del gruppo. Ce n’erano sempre di più e cominciarono ad arrivare Antelope, un luogo praticamente isolato e disabitato in cui c’era solo una chiesa, una scuola e un magazzino, materiali da costruzione e case prefabbricate. Hanno anche sbarrato l’ingresso alla terra di nessuno dall’esterno. Cosa stava succedendo lì?

“La novità è diventata un problema in sole due settimane“dice uno dei tanti testimoni che aiutano a costruire la storia di paese selvaggio selvaggio, probabilmente la serie di documentari più sorprendente che puoi trovare su Netflix.

Rilasciato nel 2018 e poi convertito in un vero fenomeno, non smetterà mai di valere la pena rivendicare quella che è senza dubbio una delle storie più incredibili che si possano vedere nel catalogo della piattaforma. Una serie in cui dovrai investire poco più di sei ore della tua vita e che, dopo averti fatto tenere gli occhi sbarrati nei primi capitoli, ti ossessionerà completamente fino alla fine senza che tu possa smettere di chiederti: Com’è possibile che questa follia faccia parte della storia recente degli Stati Uniti e sia praticamente caduta nell’oblio?

Ricapitoliamo. La comunità che si stabilì nel 1981 nel mezzo di un’area desertica dell’Oregon faceva parte dell’el movimento rajnishe -noto anche come movimento Osho-, un culto spirituale che è stato spesso definito una setta che ha avuto origine negli anni ’60 in India e che È stata fondata dal leader religioso Oshonoto anche come “il guru dei ricchi” o “il guru del sesso”.

Leggi  'The Crown' gira a Barcellona la scena della tragica morte di Lady Di

Quando il movimento Rajnishe decise di sviluppare il città di Rajneeshpuram sul suolo statunitense era già stato oggetto di alcune polemiche in India, dove il il punto di vista del loro leader su alcune questioni relative alla sessualità, al capitalismo e alle pratiche spirituali “strane”. svolto tra i suoi membri si scontrava direttamente con alcuni dei valori tradizionali della cultura del Paese. Così, le tensioni nel loro paese li hanno portati negli Stati Uniti, dove hanno potuto svolgere il loro modo di vivere con maggiore libertà.

In questo contesto si trova e inizia il brillante serie di documentari Netflixprodotto dai fratelli Duplass e diretto da Maclain e Chapman Way, e che ha un punteggio quasi perfetto del 98% su Pomodori marci. Racconta come il conflitto con i residenti della zona non abbia tardato a svilupparsi e, man mano che la città cresceva fino a una popolazione di 5.000 persone che in estate è triplicata, incontriamo le due figure inquietanti che guidavano il movimento: Osho e la sua assistente personale Sheela, un nome che dopo Wild Wild Country difficilmente dimenticherete.

In cosa è riportato paese selvaggio selvaggio da scoprire nei suoi sei episodima prevediamo che la storia combini pratiche estreme, auto di lusso e ostentazione, xenofobia, intrighi pericolosi e il primo attacco bioterroristico negli Stati Uniti.

paese selvaggio selvaggio È sicuramente un must di Netflix e puoi vederlo nella sua interezza in meno di sette ore sulla piattaforma di streaming, che nel 2021 ha presentato in anteprima un mediometraggio incentrato su una delle sue figure più importanti: Cerco Sheela.

Lascia un commento