fbpx

dovremmo rivedere il film al cinema nel suo restauro in 4K?

Avatar arriva nei cinema in un remaster 4K più coinvolgente che mai. Torna ai dettagli tecnici di questa nuova versione.

Ancora sulla strada giusta, Disney e 20th Century Fox (beh, 20th Century Studios, non ci abitueremo mai…) si sono detti che l’uscita dell’evento diAvatar: Il corso d’acqua meritava di ricordare a tutti perché la rivoluzione tecnica inaugurale di James Cameron ha avuto un tale impatto a suo tempo.

Oltre ad essere ancora il maggior incasso nella storia del botteghino mondiale, Avatar ha spinto il cinema digitale come nessun altro film, sia in termini di riprese (lavoro su ambienti e personaggi virtuali) che di proiezione (la maggior parte delle sale era dotata per l’occasione di proiettori digitali). Se il suo seguito ha l’ambizione simile di mettere le cose in chiaro di fronte alla concorrenza letargica, l’uscita diAvatar al cinema (dal 21 settembre) permette tanto di acclamare il ritorno del re quanto di garantire un passaggio di consegne con i suoi discendenti, previsto per il 14 dicembre 2022.

Fortunatamente, James Cameron non si è accontentato di far uscire il film nella sua versione iniziale. Anche se preferiremmo che si concentrasse un po’ di più sul restauroAbisso e di Bugie vere (divenne in questa fase dell’Arlésiennes che vedremo nelle nostre vite future), il bastardo ha permesso Avatar avere diritto un remaster 4K disponibile in una moltitudine di formati (3D, 4DX, IMAX 3D, Dolby 3D e ICE). La redazione di Ecran Large è stata invitata a una sessione in Dolby 3D, e possiamo dirvi che la riscoperta del film è semplicemente fondamentale.

Quando non ti hanno dato gli occhiali 3D

Un 4K che sublima il 3D

Innanzitutto va ricordato che nel 2009, Avatar inevitabilmente subì i cerotti in vista delle sue nuove ambizioni, a cominciare dalla parte del 3D. Certo, James Cameron ha trasceso il formato come pochi registi (citiamo ancora Ang Lee, Alfonso Cuarón o anche Guillermo del Toro), ma la popolarità del 3D sui lungometraggi ne ha evidenziato i limiti. Al di là del famoso mal di testa subito da alcuni spettatori, gli occhiali hanno sempre causato un oscuramento dell’immagine.

Da lì in poi, il remaster 4K del film si sta già imponendo come una rivoluzione, perché lo consente una revisione della colorimetria grazie all’HDR (High Dynamic Range), ovvero una gamma dinamica aumentata che offre maggiori contrasti e sfumature nei colori. In breve, Avatar è più bella e sgargiante che mai, ed esplode in tutti i suoi colori per rendere perfettamente ogni dettaglio della fauna e della flora di Pandora (in particolare, la pelle blu dei Na’vis o il rosso intenso e giallo dei Toruk).

avatar: immagineSpider-Man: bello essere a casa

Non solo quest’opera amplifica il potere simbolico di alcune sequenze (la visione quasi monocromatica di Jake tra le ceneri dell’Albero della Vita), ma compensa anche la perdita di luminosità dovuta al 3D. Non si perde più nulla dell’immagine, soprattutto nella sequenza dell’incontro notturno tra Jake e Neytiri, che abbiamo l’impressione di scoprire per la prima volta come dovrebbe. Nota che anche il suono è stato riprogettato per essere più ricco e dettagliato di prima.

Inoltre, questo guadagno in contrasto aiuta ad apprezzare meglio ancora esemplare 3D. Se il formato è rapidamente sprofondato nel limbo a causa della sua scarsa sistematizzazione nei blockbuster più mediocri, Avatar ne ha fatto uno strumento essenziale per l’immersione nel suo universo, meno per l’ingannevole esplosione di forme quanto per la sconcertante gestione della profondità.

avatar: immagineAttira le zanzare in estate

Il virtuosismo di Cameron non è più da dimostrare, ma siamo comunque impressionati la sua propensione a pensare alla tridimensionalità della sua messa in scenatanto nelle scene di battaglia ultraspettacolari (il finale rimane un monumento di leggibilità e comprensione delle questioni spaziali) quanto in alcuni passaggi più intimi, dove i corpi si stagliano meravigliosamente dall’ambiente o dalle particelle.

L’unico problema con questo ripristino 4K è quelloAvatar è stato un pioniere nell’uso delle fotocamere digitali, poi limitato all’acquisizione 2K. In questo tipo di situazione, un alto livello può aumentare artificialmente la qualità dell’immagine. Mentre l’effetto è semplicemente meraviglioso sulle riprese CGI complete, l’azione dal vivo a volte fatica a tenere il passo, specialmente su alcune inquadrature ampie, dove i corpi dei personaggi sembrano privi di dettagli rispetto al resto del filmato. Ma qui cavilliamo.

avatar: immagineL’enorme pene di James Cameron, allegoria

E l’HFR?

Lo ha annunciato James Cameron: Avatar 2 cercherà di imporre al pubblico la necessità di HFR (High Frame Rate), ovvero un aumento del numero di fotogrammi al secondo di un film, limitato a 24 da una regolamentazione imposta dall’arrivo dei talkie. Ora che l’uso della pellicola è sempre più raro, è assurdo vincolare la grammatica della settima arte a uno scorrimento dell’immagine arcaica. Tuttavia, l’aspetto televisivo dell’HFR ha fortemente dispiaciuto o disinteressato il pubblico durante gli esperimenti di Peter Jackson (Lo Hobbit) o Ang Lee (Un giorno nella vita di Billy Lynn, Gemini Man).

Leggi  Vader al timone di Disney+?

A questo, James Cameron offre una soluzione molto interessante, grazie al software TrueCut Motion di Pixelworks. In parole povere, diventa possibile rimasterizzare film girati a 24 fotogrammi al secondo duplicandoli fino a 48. È il caso di questa riedizione diAvatare Cameron dovrebbe offrirlo anche sul Blu-ray 4K di titanico. Ma soprattutto, l’HFR non è sistematico e TrueCut Motion lo consenteaumentare il framerate su alcune scene o scatti specifici, specialmente quelli in cui il movimento veloce della fotocamera causerebbe scatti. Il resto è ancora 24 fps.

La tecnica è affascinante perché si adatta alla produzione e all’emozione di una sequenza, oltre ad abituare lo sguardo dello spettatore all’intero film. Quindi, il remaster diAvatar non perverte l’esperienza iniziale, ed evita il “look da videogioco” che si sarebbe potuto temere. Anzi, l’HFR trascende e rende più fluidi alcuni passaggi dal film, come il primo volo di Jake sulla sua Banshee, o quella scena sontuosa quando Neytiri cavalca il Thanator. In ogni caso, l’esperienza dovrebbe permettere a Cameron di testare le acque prima dell’uscita La via dell’acqua.

avatar: immagineAria Pandora

Modifiche e ritocchi

Quando è stato rilasciato nel 2009, Avatar è stato rilasciato in due formati immagine distinti (siamo già tornati sull’argomento citando i formati diAvatar 2). In origine, il film è stato progettato in 2.35 (o CinemaScope per semplificare), in modo da dare una scala epica tipica dei formati panoramici. Tuttavia, il film è stato presentato in questo modo solo in 2D. In effetti, Cameron presumeva che il 3D sarebbe stato percepito meglio dallo spettatore in un formato più verticale, offrendo una migliore relazione con la profondità dello spazio. È per questo Avatar è stato visto a livello globale in 1.85al punto che Fox ne fece il formato “ufficiale” del lungometraggio durante il suo sfruttamento video (e su Disney+ fino al suo ritiro).

Con il remaster 4K, ci saranno dei cambiamenti. Se supponiamo che l’1.85 debba essere riservato alle sale IMAX, il 2.35 è ancora una volta il formato principale del film, come abbiamo sperimentato durante la nostra sessione. Questo va senza dubbio spiegato per la coerenza ricercata da James Cameron tra la prima e la seconda Avatarprogettato anche in 2.35 (e in 1.90 per i cinema IMAX).

avatar: immagineFreccia nei cuori dei nostri spettatori

In termini di modifiche, il regista aveva accennato all’idea di aggiungere un piccolo easter egg in questa nuova versione del film, in modo da garantire continuità con il sequel. In questo caso, si tratta di piùun leggero aumento di una scena nell’era ridotta. Durante la conclusione, si possono vedere i Na’vi scortare gli umani fuori dalla loro base verso le astronavi.

Nella versione del 2009, il personaggio di Parker Selfridge (Giovanni Ribisi) si accontenta di oltrepassare Jake e Neytiri. Se potessimo sentire la sequenza stranamente tagliata, è ovviamente perché Cameron aveva rimosso dal montaggio finale una battuta del cattivo aziendale, che questa volta si ferma davanti agli eroi per dire loro che “È tutt’altro che finita”.

Comunque addio Avatar sul grande schermo è un dovere civico, perché il capolavoro di James Cameron non è invecchiato un po’, e si staglia come uno degli ultimi grandi film capace di catturare con la forza delle sue inquadrature e la sua narrazione purificata un mondo intero, offerto al sensi dello spettatore. Per la Disney il contratto è chiaramente rispettato: siamo ancora più impazienti di scoprire il seguito.

La versione restaurata di Avatar è stata nelle sale per un periodo limitato dal 21 settembre 2022.

Lascia un commento