fbpx

Dopo Arcane, League of Legends può salvare le ragazze magiche di Sailor Moon?

Con I Guardiani delle Stelle, League of Legends e Riot Game hanno resuscitato le ragazze magiche, questi personaggi Marinaio Luna pensato per essere quasi estinto.

Dalla loro nascita negli anni ’60 alla loro diversificazione negli anni ’90, le ragazze magiche (ragazze con poteri magici, letteralmente) hanno invaso la cultura popolare giapponese e hanno lanciato un fenomeno culturale che ha varcato i confini dell’arcipelago asiatico. Dopo l’avvento di una prima generazione di eroine in gonne – Sally la strega, Gigi, cremoso o Emi magico -, l’emblematico Marinaio Luna ha ridefinito questo flusso altamente codificato di fantasia giapponese e ha lasciato un esercito di eredi: Magico DoReMi, Mew Mew Power, Bella cura, La melodia delle sireneper citare solo i più noti.

Sailor Moon, torna (di nuovo) in un film nel 2021 su Netflix

Oggi, tuttavia, l’età dell’oro della ragazza magica è molto indietro. Oltre a sempre meno titoli, il genere è rimasto aggrappato ai suoi vecchi idoli, in particolare Marinaio Luna, e quindi non riesce a trovare le sue nuove muse. Tra la necessità di modernizzarsi e l’obbligo di conservare parte del suo DNA kitsch, la ragazza magica come la conoscevamo si trasforma in una reliquia, almeno dal lato della serie e del manga dove è principalmente affermata.

Su scala minore, le ragazze magiche sono state omaggiate anche nei videogiochi, in particolare League of Legends. La licenza americana ha infatti dedicato loro dal 2016 un intero mondo alternativo: The Guardians of the Stars (o Star Guardian in VO). Questo ha fatto il suo ritorno lo scorso luglio per un evento stagionale e si sta affermando un po’ di più uno degli ultimi veri rappresentanti di questo universo vecchia scuola in perdita di identità.

LA VAMPITIZZAZIONE DELLA RAGAZZA MAGICA

Sebbene ispirato da MA amata strega, la ragazza magica è intrinsecamente legata all’animazione giapponese e alla sua cultura. Nell’arco di vent’anni, invece, il genere è declinato in altri paesi, dove i codici sono stati adattati alla cultura occidentale. Alcune decalcomanie come Loli Rock sono rimasti fedeli al modello base e alle sue specifiche, ma altri si sono più o meno allontanati da esso, diluendo progressivamente le caratteristiche del genere.

Tra i diversivi più famosi c’era la produzione italiana Winx Clubche ha portato una visione più alla moda e magica, così come la serie americana STREGA, che si è calmato su paillettes e abiti con volant (oh, quindi elementi importanti nelle esibizioni). Principalmente negli Stati Uniti, le supereroine hanno sostituito le tradizionali ragazze magichepur mantenendo alcuni tratti e stranezze comuni, in particolare le scene di trasformazione coreografate obbligatorie.

Winx Club: fotoGlitter negli occhi, letteralmente

Delle Super Chicche (coprodotto da Toei) a Miraculous: I racconti di Ladybug e Cat Noirla nozione di superpoteri e tutta l’immaginazione che racchiude ha sostituito quella di poteri magici, mentre il franchise Ragazze supereroi DC ha assunto una formula molto simile con le supereroine adolescenti che hanno identità segrete e formano una banda di superfidanzate che combattono il crimine tra una lezione di matematica.

Per dinamizzarlo, alcune produzioni hanno anche preso il concetto con il piede sbagliato con il ragazzo magico, sia in serie giapponesi come Carino High Earth Defense Club AMORE! o il cartone animato americano Steven Universe. Ma più che un’inversione di genere o una ripresa tematica minimamente seria, l’obiettivo è molto spesso quello di essere una parodiaallo stesso modo del cartone animato Stella Farfalla chi preferisce un trattamento più assurdo.

La specificità e l’interesse dei Guardiani delle Stelle è quindi di rendere omaggio a questo universo femminile rispolverando i codici, ma senza cercare di prenderli in giro, di sviarli o di smentirli.

DC Super Hero Girls: immagini Zatanna nella serie DC Super Hero Girls, l’incrocio tra la supereroina e la ragazza magica

UN INTERO UNIVERSO VISIVO

Innanzitutto Star Guardian/Les Gardiens des Etoiles restituisce al genere le peculiarità da cui aveva preso le distanze ricollegandosi con la cultura giapponese, sia attraverso la sua grafica simile all’animazione giapponese 2D che la sua ambientazione giapponese (anche se gli eventi si svolgono in parte in una città immaginaria). Più del suo ambiente preferito, Star Guardian per lo più rivendicava un’iconografia obsoleta ragazze magiche, abbandonando così la sobrietà appena mostrata.

Leggi  un'attrice rivela una mini-scena d'azione in video

Insieme a Marinaio Luna Dove carta rapitore Sakura come riferimenti principali, l’universo è simile ai mondi realistici tradizionalmente rappresentati, senza cadere nell’obsoleto o nel ridicolo (un atto di equilibrio insomma). Quanto alle skin, queste – particolarmente dettagliate – trovano una parte di stravaganza e di esagerazione. Mescolano infatti le influenze più consuete, dalle divise scolastiche agli outfit idol e Lolita con sottogonne gonfie, bustini, numerosi ornamenti e pietre preziose, oltre a stivali alti fino alle cosce e capelli colorati.

League of Legends: immaginiKitsch e cool allo stesso tempo

Al di là delle dominanti tonalità rosa e viola, i personaggi rispettano il tradizionale codice colore – uno per personaggio – oltre ad essere provvisti di vari oggetti; dallo scettro perpetuo ad anelli e bastoni magici ad armi e pezzi di armatura decorati più vicini allo spirito dei campioni di League of Legends. Come i consiglieri felini in Marinaio Luna e altre mascotte, i guardiani stellari sono anche accompagnati da spiriti guardiani, che sostituiscono i famigli che si possono trovare in diversi giochi di ruolo e completano la gamma nello spirito dei “kawai” giapponesi (quelle piccole cose carine).

Infine, per rompere il binario di genere e completano l’immaginario, alle diverse squadre sono stati aggiunti alcuni personaggi maschili, sia come interessi romantici che come membri a pieno titolo. Perché anche gli eroi hanno il diritto di combattere con abiti eleganti e raffinati.

League of Legends: Guardiano StellareCon il potere del prisma lunare, o quasi

LO STESSO BRANO, NON LO STESSO CORO

Come la sua estetica appariscente, la struttura narrativa della ragazza magica è stata spesso criticata per il suo sentimentalismo e le sue banalità sul potere dell’amore e dell’amicizia (quella che trionfa sempre sul male). Per contrastare questa sciocca reputazione, manga e anime più recenti piacciono Puella Magi Madoka Magica Dove La magica ragazza della fine hanno abbandonato la solita bonomia e hanno scelto di riversarsi nella tragedia, nella commedia nera, nel soprannaturale e persino nell’orrore, razionalizzando la magia e le sue origini.

Oltre a differenziarsi dai suoi predecessori, questo dovrebbe soprattutto portare il genere a un pubblico nuovo, diverso dalle giovani e giovanissime ragazze a cui è destinata la maggior parte delle opere. Per dare al suo universo un tono più maturo, ma senza sovvertire la materia di base, Star Guardian è piuttosto collocato nella continuità di Marinaio Luna e magico sentai (che trae oggetti dalle serie sentai à la Bioman e Ultraman per formare squadre di vigilantes).

League of Legends: Guardiano StellareEroine dal cuore valoroso, altre più corrotte

Così, come presentato sul sito di Riot Game: “De i giovani guerrieri sono scelti per proteggere la luce delle stelle. Il loro destino è quello di brillare di mille luci, ma anche di finire bruscamente“. La storia ha sfumature tragiche, cattivi carismatici, eroine toste che si allontanano da stereotipi di genere discutibili e i personaggi eleganti e docili a cui sono stati spesso attribuiti. Tuttavia, Star Guardian ha anche scelto di mantenere un approccio più convenzionale, con una mitologia stellare e cosmica vicina ai diagrammi precedenti (ragazze liceali ordinarie ma coraggiose che proteggono il cosmo dalle tenebre e allo stesso tempo conducono una vita adolescenziale scandita da scuola, compiti, discussioni o pigiama party).

Anche la presentazione dell’ultimo evento lascia pochi dubbi su questo ritorno alle origini: I giocatori avanzeranno in un’entusiasmante storia di amore e perdita, perdono e amicizia attraverso gli occhi di un nuovissimo equipaggio guidato da Akali e Kai’Sa“.

League of Legends: Guardiano StellareTutto il necessario per un nuovo adattamento

Inevitabilmente, dopo il successo della serie animata Arcano su Netflix, che ha elevato un’intera sezione della tradizione di League of Legendsl’idea di una serie Star Guardian non sarebbe aberrante visto lo sfondo sempre più vasto e le ambizioni multimediali dell’azienda.

Nulla è stato ancora annunciato in questa direzione, ma al momento l’universo è la cosa più vicina alla ragazza magica vecchio stilecon un tono più moderno, rappresentazioni meno datate, e soprattutto un amore sincero per il genere, che potrebbe finalmente ritrovare la sua magia e i suoi colori.

Lascia un commento