fbpx

“Dobbiamo parlare di Cosby”, lo stupratore che ha distrutto la sua eredità di padre dell’America

Nell’ottobre 2014, il comico afroamericano Hannibal Burgess ha chiuso uno dei suoi monologhi facendo riferimento alle voci secondo cui Bill Cosby, il primo grande riferimento all’umorismo nero per tutto il pubblico in America, era uno stupratore seriale. Uno degli spettatori dello spettacolo ha registrato la routine della commedia e un media locale ha caricato la notizia sul proprio server. Il resto è storia. Erano passati ancora tre anni prima che la prima accusa di molestie sessuali fosse mossa contro Harvey Weinstein quando Hollywood e la società americana hanno dovuto rimuovere la benda.

Il 30 giugno dello scorso anno, l’idolo caduto in disgrazia uscito di prigione dopo che la Corte Suprema della Pennsylvania ha presentato ricorso per un cavillo legale per scoprire che Cosby era stato ingiustamente condannato per aver aggredito sessualmente e drogato l’ex giocatore di basket Andrea Constand nel 2004. Aveva trascorso tre anni in prigione.

Un altro comico afroamericano, W. Kamau Bellè responsabile del fatto che il nome del protagonista di L’ora di Bill Cosby torna nelle notizie non appena inizia il 2022 a causa di Dobbiamo parlare di Cosby, uno dei momenti salienti dell’ultima edizione del Sundance Festival. La celebre serie di documentari ha appena preso Movistar Plus +.

La produzione originale di Orario dello spettacolo affronta il suo argomento con intenzioni, tono e stile radicalmente diversi rispetto ai recenti documentari hollywoodiani incentrati su altre figure dell’industria dello spettacolo colpite da casi simili. Lasciando l’isola che non c’è si è limitato a condividere la testimonianza lurida e dettagliata di due uomini (Wade Robson e James Safechuck) che hanno affermato di essere stati abusati sessualmente da Michael Jackson. Allen v. farrow ha attaccato la figura del direttore di Woody Allen con testimonianze dall’ambiente della sua ex compagna e della figlia di cui avrebbe abusato: Dylan Farrow.

Bill Cosby prima di entrare in tribunale per testimoniare.

Dobbiamo parlare di Cosby Cosby è Il tentativo di Kamau di cercare di spiegare e contestualizzare il terremoto sociale e culturale che le accuse contro Cosby avevano provocato nell’industria dell’umorismo e, soprattutto, nella comunità afroamericana per la quale l’attore è stato un pioniere e un eroe. Solo spiegando quanto fosse stato rivoluzionario l’interprete si poteva comprendere la portata del suo tradimento e il rifiuto di molti di credere alle decine di vittime che avevano osato denunciare pubblicamente un’icona, comparendo anche sulla storica copertina della rivista di New York. luglio 2015.

C’erano negazionisti che lo hanno persino riconosciuto in pubblico. La scorsa estate Phylicia Rashād, la sua moglie immaginaria in tre serie televisive trasmesse tra il 1984 e il 2002, ha celebrato l’uscita della sua vecchia amica e co-protagonista sui social media. “Infine! Si corregge un terribile errore, si corregge un errore giudiziario”. Nonostante le pressioni sociali lo abbiano costretto a rettificare, spiegando in un nuovo tweet di essere dalla parte delle vittime e di conoscere in prima persona le conseguenze delle molestie sessuali subite, un vecchio messaggio era stato nuovamente chiarito. Nessuno voleva credere che Bill Cosby potesse essere colpevole.

Proprio come gli afroamericani stavano combattendo per i loro diritti civili nell’America ostile degli anni ’60, il comico e attore aveva iniziato una rivoluzione nell’industria dello spettacolo. La chiave del successo era stata lasciare da parte l’umorismo più politico e razziale a favore di una commedia più familiare che non infastidisse la popolazione bianca. Cosby è stato assunto per recitare spio tra il 1965 e il 1968, un dramma d’azione con il quale ha fatto la storia essendo il primo uomo di colore a vincere l’Emmy come miglior attore. Lo ricevette in tre edizioni consecutive.

La nuova star ha approfittato della sua nuova influenza nel settore per chiedere che le sue scene d’azione smettessero di essere eseguite da uomini bianchi dipinti di nero. Grazie alle loro pressioni, gli afroamericani iniziarono a lavorare come stuntman a Hollywood..

“Abbiamo bisogno di parlare di Cosby” andrà in onda negli Stati Uniti su Showtime.

Allo stesso tempo, iniziò a realizzare contenuti educativi per i più piccoli di casa e le registrazioni dei suoi speciali comici erano le più ricercate. Dal 1965 al 1970, Cosby ha ricevuto il prestigioso Grammy per il miglior album comico sei volte di seguito.. Il settimo sarebbe arrivato nel 1987 (un record mai superato), proprio all’apice della popolarità grazie a L’ora di Bill Cosby. Con la sua interpretazione del medico in piedi Cliff Huxtable Divenne pubblicamente noto come “il padre dell’America”.

Leggi  Hayden Christensen sui possibili cameo di "Star Wars" in "Obi-Wan Kenobi": "Abbiamo delle sorprese divertenti"

Gli anni ’70 sarebbero stati segnati dai suoi tre film con Sidney Poitier, un’icona che aveva fatto la storia nel 1963 per essere il primo uomo di colore a vincere un Oscar per la recitazione. Hollywood non ha resistito alla tentazione di riunire gli unici due afroamericani a cui era stata data la possibilità di avere successo. Nonostante abbiano lavorato di nuovo insieme nel 1990 in un film diretto da Poitier e interpretato da Cosby, il protagonista di Indovina chi viene a cena stasera Non è mai stato uno di quelli che hanno difeso pubblicamente il comico.

W. Kamau Bell non ignora nessuno di quei risultati così rilevanti per la storia che un umorista e ora regista di documentari che si definisce “un figlio di Cosby” e la sua eredità vuole costruire. direttore di Dobbiamo parlare di Cosby si integra nella storia stessa. Sentiamo le sue riflessioni in voice over durante le puntate, gli intervistati fanno riferimento direttamente al suo nome nelle testimonianze e negli ultimi minuti della serie riusciamo persino a vedere come scopre dal vivo che Cosby è appena uscito poco dopo aver terminato. le sue ultime interviste per la produzione. Per Kamau, anche la caduta dall’inferno di Cosby è suaquella della sua comunità e quella di tutti gli artisti afroamericani che vennero dopo di lui.

Durante quei quattro episodi, la serie di documentari alterna i suoi successi con le testimonianze di alcune delle donne che erano state vittime di abusi sessuali, stupro o fornitura di droga da parte di Cosby tra il 1965 e il 2008. Sono affermazioni devastanti che non superano mai i limiti della morbilità o dei limiti stabiliti da ciascuna delle donne nelle loro apparenze. Una delle vittime si rifiuta di parlare dell’aggressione in sé, mentre un’altra appare con il suo attuale partner e il principale supporto quando ha deciso di parlare pubblicamente di quello che le era successo.

In una delle sue più grandi scoperte, la produzione Showtime presenta allo spettatore una grafica eloquente in cui mette in evidenza tutto ciò che stava accadendo nella vita dell’attore e comico davanti e dietro le telecamere. È anche scioccante quando Kamau rivela alcuni degli indizi sul suo modus operandi che consapevolmente o inconsapevolmente Cosby se ne stava andando nei suoi spettacoli comici. In una traccia di un album comico chiamato “Spanish Fly”, Cosby ha parlato del suo desiderio di ottenere una famosa droga chiamata Spanish Fly da inserire nelle bevande delle donne a loro insaputa. In L’ora di Bill Cosbylui stesso aveva scelto di interpretare un ginecologo che passava il consulto nel garage di casa sua.

La serie di documentari di Showtime sul comico Bill Cosby è stata una delle grandi sensazioni dell'ultimo Sundance Festival.

La serie di documentari di Showtime sul comico Bill Cosby è stata una delle grandi sensazioni dell’ultimo Sundance Festival.

A 84 anni, Bill Cosby ha attaccato frontalmente la serie di documentari e il suo regista dopo la sua prima al Sundance. Attraverso una dichiarazione, i suoi avvocati si sono lamentati del fatto che “il signor Cosby continua a essere il bersaglio di numerosi media che, per troppi anni, hanno distorto e omesso verità… intenzionalmente. Nonostante i ripetuti resoconti dei media sulle accuse contro il signor Cosby, nessuna è stata provata in alcun tribunale”.

Le vittime continuano a lottare per l’annullamento dell’ultima sentenza della Corte Suprema della Pennsylvania e il suo carnefice torna in prigione. Fino all’arrivo (o meno) di quel momento, il documentario Showtime è un’opera essenziale per comprendere la dimensione dei crimini di Bil Cosby e l’impatto che ha avuto sugli afroamericani. Negli ultimi dieci anni, il comico ha ripetutamente accusato pubblicamente le sezioni meno fortunate della comunità afroamericana di essere responsabili del proprio fallimento. Parola del padre d’America.

Lascia un commento