fbpx

Da sceneggiatore a showrunner, Marc Levy propone un viaggio attraverso l’Europa in ‘The Things We Didn’t Say’

Lionsgate+ presenta in anteprima la serie e la commedia romantica il 15 dicembre Le cose che non ci siamo dettiuna produzione creata da Marc Levy, lo scrittore del romanzo su cui si basa, insieme a Miguel Curtois, incaricato di dirigere gli episodi.

In lei, Julia (Alexandra María Lara) sta per sposarsi e tre giorni prima di dire di sì, riceve una telefonata che la informa che suo padre (Jean Reno) non sarà presente alla cerimonia. E questa volta ha una buona scusa: è morto. Il giorno dopo il funerale, Julia riceve una scatola misteriosa. Non puoi ancora immaginare cosa possa portarti questa incredibile sorpresa.

SERIE E ALTRO | giornale specializzato in serie televisive e film. ha assistito alle riprese della serie, che hanno fatto tappa a Madrid nel mese di luglio 2021. Lì, l’autrice del romanzo su cui si basa la fiction, che ne è anche l’ideatrice, ha parlato del processo creativo della stessa insieme al regista Miguel Curtois e al suo protagonista Alex Brandemühl.

[Lionsgate+ confirma que no estrenará la serie ‘Nacho’ en España, aunque seguirá operativa hasta marzo]

Tutto è iniziato durante una cena tra amici.


riprese di Le cose che non ci siamo detti è iniziata il 15 maggio 2021 e da allora il team di produzione ha viaggiato in tutta Europa, passando per città come Parigi, Biaritz e Lille per sbarcare in Spagna. In questo modo, Madrid è inclusa in un itinerario di riprese che fin dall’inizio è stato segnato dai test PCR e che terminerà il suo viaggio a Berlino e Parigi.

Con la sua coinvolgente padronanza del linguaggio e il dono per la narrazione, lo sceneggiatore e produttore della serie Marc Levy descrive com’è lavorare con qualcuno come Miguel Courtois. “Qualche anno fa, io e Miguel stavamo lavorando a un altro adattamento e mentre cenavamo insieme, entrambi ci lamentavamo della distanza che ci separava sempre”.

“A quel tempo il mio luogo di residenza era New York o Parigi, e non ci siamo mai incontrati, quindi Abbiamo pensato a una scusa perfetta per passare del tempo insieme”. Lo scrittore racconta come il romanzo si adattasse perfettamente al formato della serie e sapesse contagiare l’entusiasmo che ricorda di aver provato leggendo le sceneggiature scritte da Miguel. “Ho adorato quello che ha fatto con la mia storia e abbiamo concordato che avrei scritto i dialoghi. In tre mesi sono stati scritti i dieci episodi e il resto della storia, lo conosci molto bene”.

[Así es la nueva versión de ‘Las amistades peligrosas’, una serie sobre “una mujer en un mundo masculino”]

Marc descrive il suo particolare interesse per Studio Canal, al quale ha offerto la sua storia senza pensarci due volte. “Sono stato invitato a partecipare al progetto e quando ho capito davvero il potenziale che avevo tra le mani, mi è venuto in mente di avere Jean Reno per il ruolo principale”.

Lo sceneggiatore ci ha raccontato l’emozione che ha provato all’inizio, dovendo pensare a come chiedere all’attore di collaborare con lui. “Jean è anche un caro amicoquindi ho pensato di contattare il suo agente per non finire a fargli pressioni. Quando ha confermato che avremmo lavorato insieme, non ho potuto fare a meno di essere felice”.spiega Marc, che ha trovato tutto il resto più che semplice.

leggendo tra le righe

Frame tratto dalla prima puntata di ‘Le cose che non ci siamo detti’.

porta dei leoni+

Lo scrittore siede accanto al regista durante le riprese della serie, potendo vedere come le parole che un giorno ha messo su carta sono diventate persone in carne e ossa. Tra una risata e l’altra confessa che la differenza tra scrivere un libro e scrivere una sceneggiatura sta nel budget e nel numero di persone coinvolte.

“La magia di un libro ti rende il regista, l’attore e l’ingegnere del suono della storia semplicemente usando la tua immaginazione. Le parole sulla carta sono capaci di creare voci, volti ed emozioni. Puoi essere spaventato a morte, piangere e arrabbiarti con un personaggio che non esiste. Tuttavia, dentro una serie le cose cambiano ed è il regista che decide come raccontare la storia, dando agli attori lo spazio per plasmare i propri personaggi”. Per lui, la storia vince molto, soprattutto quando tutti sono coinvolti al cento per cento.

Miguel Courtois è d’accordo nel suo modo di pensare, diffondendo uno spirito di lavoro di squadra in cui non c’è competizione, perché “il vero scopo è raccontare la storia con umiltà, come sanno fare meglio ea tutti i costi”. Spiega anche come sarà il tocco dell’autore che avrà la miniserie, incentrata sull’essere un adattamento in cui i due “capi” conoscono molto bene i personaggi e la storia che vogliono raccontare.

Perché per lui “in Le cose che non ci siamo detti La priorità è quella di raccontare bene la storia e di arrivare allo sfondo”, cercando di “non essere solo un’altra serie con un packaging sorprendente e una fotografia che, in realtà, non finisce per raccontare nulla di interessante”.

Leggi  morire duro con una religione

[Crítica: ‘Queer as Folk’, una actualización diversa y fallida de una serie pionera para el colectivo LGTBIQ+]

Non lasciare nulla senza risposta

'Le cose che non ci siamo detti'.

‘Le cose che non ci siamo detti’.

porta dei leoni+

Le cose che non ci siamo detti racconta la storia di un padre e di una figlia il cui difficile rapporto li ha portati a smettere di parlarsi per 15 anni. Lo stesso creatore di questi personaggi commenta che ci sono diversi livelli nella storia e così via “La vita di Julia è nel caos. Tra pochissimo si sarebbe dovuto sposare, ha appena perso il padre e ora, uno dei fantasmi del suo passato riappare nella sua vita, facendogli riflettere su cosa sia il vero amore.

“Julia viaggerà nel passato per incontrare di nuovo Thomas, colui che è stato il suo primo amore, che non ha smesso di amare per tutto quel tempo e che riconosce ancora nei suoi sogni”, dice. Alex Brandemühlche interpreta questo personaggio.

L’attore avvicina Thomas a un contesto vicino alla caduta del muro di Berlino, “un momento in cui ci sono stati molti cambiamenti e idee rivoluzionarie che senza dubbio lo faranno crescere, rendendolo un personaggio dai valori purissimi e con una certa eroicità spirito che vive con la spina in testa di non aver potuto essere completamente felice nella sua vita”.

La miniserie Lionsgate+ è diretta da Miguel Courtois, che intendeva raccontare una storia per tutti i tipi di pubblico in cui il vero protagonista fosse l’amore in tutte le sue forme e sensi.

“Quando ho riletto la sceneggiatura ho pensato a tutto ciò che non ho detto ai miei genitori quando erano ancora vivi e penso Chiunque, che venga dal Giappone, dalla Spagna o dalla Germania, potrà immedesimarsi nel sentimento che vuoi trasmettere, perché penso sia qualcosa di universale”. Il regista ricorda altri progetti e commenta che “non importa quanto siano note la storia della Spagna e la guerra civile, non tutti sono interessati a quel tipo di narrazione, mentre in questa serie tutti possono vedersi riflessi in uno qualsiasi dei personaggi “.

[Crítica: ‘Gaslit’, una cínica y revisionista historia del Watergate con Julia Roberts y Shea Whigham luciéndose]

viaggiando attraverso l’europa

Ancora dalla seconda puntata di 'Le cose che non ci siamo detti'.

Ancora dalla seconda puntata di ‘Le cose che non ci siamo detti’.

porta dei leoni+

Lo stesso Courtois sospira quando ricorda cosa complicato che erano le riprese a causa delle restrizioni durante il COVID-19. “È stato uno dei preparativi per le riprese più tristi che abbia mai fatto. Stavamo andando a Berlino per preparare le location, immaginando che fosse vuota con gli attori e dovendo cambiare location all’ultimo minuto”.

Miguel ride quando pensa all’imponente Porta di Brandeburgo in una delle scene e deve improvvisare in modo che migliaia di turisti con le maschere non appaiano nell’inquadratura. Ci racconta anche dei cambiamenti che hanno dovuto aggiungere alla storia, perché “non voleva che la storia rimanesse tra quattro piani, come accade nel libro”, quindi ha concordato con Marc di adattarla all’Europa, “fornire un nuovo gusto in bocca senza cambiare la storia stessa”.

Evocando il cinema mitico di Almodóvar, Marc cerca di esprimere la sua avversione per il termine dramma per dire come “la serie parla della vita stessa, cercando di uscire da ogni schema che implichi il conformarsi a un unico genere, facendo ridere e piangere allo stesso tempo”.

Ci dice che “ci chiederemo costantemente se Michel sia davvero un androide o meno e, anche se finirà per rivelarsi, non ci importerà, perché la storia va oltre quella risposta”. D’altra parte, Miguel Courtois lo conferma “Sarà una serie d’autore con uno stile e una personalità propria, che accompagnerà il romanzo e unirà entrambi nello stesso prodotto”.

Una volta terminata la conversazione e dopo averci invitato nella loro prossima location in Plaza Mayor a Madrid, i due cervelli del progetto ci hanno incoraggiato a vedere la serie, per la quale dovremo aspettare ancora più impazientemente di prima dell’intervista. .

“The Things We Didn’t Say” sarà presentato in anteprima il 15 dicembre su Lionsgate+.

Lascia un commento