fbpx

Da che età per i bambini?

Scopri da che età vedere Don’t Worry Darling al cinema!

Don’t Worry Darling è uscito il 21 settembre 2022 al cinema! Se lo vuoi sapere da che età guardare il film, continuare a leggere! Il secondo film di Olivia Wilde come regista ha ricevuto molta attenzione prima della sua uscita, in gran parte a causa delle controversie che circondano una presunta gelida relazione dietro le quinte tra Wilde e la star del film, Florence Pugh. Per scoprire se il film è basato su una storia vera, leggi questo.

Tuttavia, Non preoccuparti tesoro, con il suo mistero, le immagini colorate e la solida performance di Pugh, è un film piuttosto divertente che affascinerà gli spettatori, anche se non è così profondo o critico come vorrebbe. Il film è un thriller psicologico intrigante che fa luce su quest’ultimo punto ma ha sicuramente qualcosa da dire sull’illuminazione a gas, in particolare. Se volessi saperlo da che età vedere Don’t Worry Darlingti diciamo tutto noi!

Da che età guardare Don’t Worry Darling?

In Francia, Non preoccuparti tesoro ricevuto un certificato da sconsigliato ai minori di 16 anni a causa dell’elevata minaccia, violenza, violenza domestica, lingua, sesso e suicidio. Per conoscere la spiegazione della fine, leggi questo.

In Non preoccuparti tesoroci sono scene intime forti senza nudità e vari atti di violenza, tra cui un accoltellamento, un uomo picchiato a morte e donne soggette a comportamenti abusivi da parte dei loro partner, inclusi abusi fisici ed emotivi.

L’hai capito, per il tuo figli o i fan più giovani di Harry Styles che volevano vedere Non preoccuparti tesorodovremo aspettare ancora un po’!

Leggi  Qual è la data e l'ora di rilascio di Crunchyroll?

Di cosa parla il film ?

Il thriller Non preoccuparti tesoro è ambientato negli anni ’50 ed è incentrato su una comunità utopica in California. Con abiti fantasiosi e apparentemente nulla per scuotere questo stile di vita idealistico, Alice inizia a interrogarsi su ciò che la circonda quando si verificano eventi senza precedenti.

Mette in dubbio anche la sua sanità mentale quando nessuno, tranne il suo vicino, sembra crederle. Se Pugh ha entusiasmato il pubblico con il suo crollo mentale nei panni di Dani in Midsommar di Ari Aster, possiamo aspettarci una performance altrettanto divertente in questo film.

Lascia un commento