fbpx

critico che è stato maledetto su Netflix

Pazzo per le riprese

Avvertimento: no, sillabare non è così terrificante come la sua reputazione ha fatto sembrare (soprattutto dalla stampa taiwanese). Nessuna barriera dell’orrore o dell’insopportabile viene superata qui. Al contrario, la sua virtù sarebbe piuttosto non mirare al terrore assoluto, ma all’insidioso. Kevin Ko ci offre una storia il cui motore geniale è la superstizione. Per confondere la nostra percezione razionale delle cose con l’illusione inquietante del film, cerca di tornare a un genere piuttosto teso. : filmato trovato.

Di Olocausto cannibale a CloverfieldPassando per Il progetto Blair Witch, il found footage (letteralmente “trovato video”) è ormai ben noto. Utilizzando come pretesto il dilettantismo diegetico dei cameramen, molti film dell’orrore hanno saputo coniugare una notevole economia di mezzi con effetti più impattanti. Il punto di vista soggettivo e la vicinanza ai personaggi amplificano la paura, soprattutto su elementi più innocui rispetto all’horror classico.

sillabare è un classico found footage a prima vista. Senza essere l’ennesima variazione mascherata di Attività paranormale, in realtà si trascina dietro le colpe dei suoi coetanei. Il più notevole è quello il lungometraggio non rispetta la regola del punto di vista soggettivo permanente. I protagonisti girano con l’obiettivo di realizzare video sensazionalistici su YouTube e, da lì, dovrebbe esserci una sola telecamera. Tuttavia, la messa in scena non si ferma qui.

Non tagliare!

Telecamere che non dovrebbero esistere ci mostrano riprese inverse di Lee Jo-nan in luoghi in cui dovrebbe essere sola. I video solo dietetici vengono eliminati per mostrarci le reazioni dei personaggi. Spesso otteniamo quindi un montaggio più standard dell’azione, tradendone i pregiudizi. Altrimenti, sillabare è ancora più eclatante dei suoi predecessori nel genere quando disprezza il suo esercizio di stile. In realtà, riteniamo che il regista rompa volontariamente l’immersione del film a favore di qualcos’altro.

In effetti, qui, la priorità di Kevin Ko non è tenerci con il fiato sospeso su un formato condensato in cui tutto è favorevole all’inizio. Piuttosto, cerca di costruire un inquietante esoterismo attraverso le varie registrazioni del film.. È una buona idea, ma sfortunatamente il film soffre anche di un contraccolpo: alcuni problemi di ritmo e una struttura narrativa confusa..

Incantesimo: foto Hsuan-yen TsaiConfessione di una donna maledetta

sii gentile, torna indietro

Poiché il teatro antico aveva la regola delle tre unità per preservare la chiarezza della sua storia, il found footage farebbe bene a rispettare una certa linearità per non perderci. Già, il film qui è troppo lungo e in più perde il suo spettatore in diverse trame in luoghi e tempi diversi niente per rendere la storia più facile da leggere.

La costruzione del film tende a ricomporre il mistero che circonda la setta con cui Lee-Jo-nan ei suoi amici hanno avuto a che fare. Così, diverse registrazioni si intrecciano con un intervallo di sei anni, alternando gli eventi all’origine della maledizione e le conseguenze della stessa quando il personaggio di Hsuan-yen Tsai si riunisce con la figlia. Tra le due epoche, tutto è confuso.

Dal momento che il film non indica mai esplicitamente dove siamo nello spazio e nel tempo, siamo disorientati nell’azione e non sempre capiamo cosa sta succedendo ai personaggi e perché. Questo porta anche a una rottura di tono tra le scene: si passa da un suicidio brutale a un momento di complicità madre-figlia senza transizione organica. La tensione che dovremmo sentire sul lungo percorso è così maldestramente diluita.

Leggi  Le immagini più oscure del dietro le quinte di "The Boys"

Incantesimo: fotoAccogliere le persone con cui fanno indugiare

Peccato che un mistero horror molto accattivante si trasformi in un enigma indecifrabile. Guadagnando leggibilità, la trama disillabare avremmo investito cento volte di più nell’indagine occulta a cui il film ci invita. È tanto più sorprendente che sentiamo che stia cercando di intrappolarci (soprattutto nel suo risultato) rivolgendo la nostra curiosità contro di noi. Questo famoso brutto difetto che il superstizioso rende criminale, ma che motiva ogni buon intrepido investigatore.

Da lì, condividiamo con la nostra eroina e le sue compagne la stessa colpa. Questa complicità giustifica Lee-Jo-nan che ci porta nella sua discesa all’inferno. È proprio qui che il formato found footage acquista significato: la barriera tra noi e i personaggi tende a essere il più indistinta possibile. Il film di Kevin Ko trae la sua più grande risorsa in un occultismo metanarrativo. Viene a mettere in discussione la nostra fede nell’irrazionale confrontandola con gli eventi registrati a cui assistiamo.

Incantesimo: fotoTutto inizia con questo segno

N LA MALEDIZIONE

Per creare davvero disagio nello spettatore e attraverso il suo schermo, sillabare rimane lontano dai tradizionali esorcismi cristiani da offrirci un pagano terrificanteio buddista. I codici del film sull’esorcismo sono generalmente rispettati (troviamo l’amico immaginario malvagio e gli averi allo sfascio), ma la sua mitologia, molto meno familiare, riesce a destabilizzare. In programma: degrado corporeo in stile Junji Ito (attenzione alla tripofobia!), invasioni di vermi e rituali estenuanti.

L’orrore del corpo, abbastanza presente, è relativamente risparmiato allo spettatore. Aiuta solo a collegare il nostro senso di sofferenza fisica al destino dei personaggi e ad intravedere il futuro oscuro che attende i bersagli di questo male soprannaturale. Tale empatia è necessaria per lo stesso motivo per cui Lee-Jo-nan si rivolge a noi direttamente nelle sue confessioni. Il film non invita lo spettatore alla passività. Inizia anche mettendolo alla prova contro un’illusione ottica. Il lungometraggio diventa rapidamente un’entità spaventosa che rompe il quarto muro, quasi un personaggio a sé stante. sillabare diventa un vero film di fantasmi.

Guardandolo (anche al riparo, da Netflix), ti esponi alla sua maledizione. Come in Squillo, la riproduzione e la trasmissione video della sfortuna sono al centro della narrazione. Quindi il film funziona davvero bene su una piattaforma di streaming. il cui obiettivo primario è la trasmissione di immagini al maggior numero possibile di persone.

Incantesimo: fotoLa curiosità ti spingerà a vedere il volto di Madre Buddha?

InfineSillabare rivela il suo totale potenziale nella sua ultima parte, quando il puzzle è completo e la trappola si chiude. Dopo le ultime rivelazioni (e una bella tensione sulla sequenza esplorativa del tunnel), si attacca la fase decisiva. Il climax ci lega irrevocabilmente all’ultima invocazione dell’irreale, mescolando canzoni gutturali e incantatorie con immagini inquietanti.

È allora che tutta l’immersione nel film viene rianimata un’eccellente sequenza finale di terrore pagano. La ripresa più terribile (e brillante) del film chiude quasi l’intera esperienza. La vera maledizione si rivela improvvisamente e la sua vera natura è assolutamente all’altezza delle nostre paure. La superstizione scende su di noi. Siamo ossessionati.

Incantation è disponibile dall’8 luglio 2022 su Netflix in Francia.

Incantesimo: Poster ufficiale

Lascia un commento