fbpx

critico che dà la caccia al serial killer su Apple TV+

Il silenzio del carnefice

Ci sono passioni nazionali contro le quali nessuno può combattere. L’India e i film musicali, l’Inghilterra e le commedie nere o anche gli Stati Uniti e i serial killer. Questa fascino tanto malsano quanto giubilante costituisce la base stessa di uccello nero. Basata su un romanzo autobiografico di James Keen, la nuova miniserie Apple TV+ racconta la storia di un prigioniero a cui viene offerto uno strano affare. Può vedere la sua condanna a 10 anni di carcere completamente annullata a condizione di ottenere le confessioni di Larry Hall, presunto serial killer.

Quindi inizia una classica escursione nel mondo carcerario americano e nella psiche di un potenziale psicopatico. Si viaggia su un terreno familiare, al crocevia tra la ricostruzione realistica di cacciatore di menti Dove Zodiaco e modo di manipolazione stimolante Il silenzio degli agnelli. Forse è lì uccello nero trova il suo limite. Per la sua semplice premessa, la serie deve cercare personaggi tipici e strutture narrative che già conosciamo (troppo) bene.

Cosa vuoi dire, David Fincher ha già detto tutto sull’argomento?

Tra gli stereotipi, si ha in particolare il diritto all’ennesima rilettura del mandriano confederato che va di vittima in vittima al volante del suo furgone. Questi scatti sono ovviamente basati sull’incidente di James Keen. Tuttavia, finiamo per chiederci se non è il momento di cercare i demoni d’America in altre classi sociali piuttosto che girare intorno alle stesse popolazioni.

Manca anche uccello nero un tocco di follia. Possiamo salutare qualche esplosione di violenzainclusa una cruda e inaspettata battaglia di prigionieri durante l’episodio 4. Ma nel complesso, tutto rimane un po’ troppo liscio e pulito in modo che la storia ci disturbi davvero quanto sembra volere.

Uccello nero: fotoGuardami negli occhi, sei un assassino

DENNIS: RITRATTO DI UN AUTORE DI SERIE

Nonostante i limiti imposti dalla natura stessa dell’esercizio, c’è un uomo che fa la differenza in questo progetto: Dennis Lehane. Autore di best seller a cui dobbiamo i trionfi Shutter Island e fiume misticoquesto non è il suo primo tentativo come sceneggiatore poiché ha già lavorato a episodi di Il cavo e Impero di Baordwalk. Solo quello.

Conferma ancora una volta il suo talento con una scrittura rigorosa, che allevia molte delle pesantezze presenti nel libro di Keen. Eliminando buona parte dell’aspetto puramente teorico e psichiatrico dell’autobiografia, Lehane evita di spiegare troppo il suo assassino. Non solo aggira il rischio di riversarsi nella contropsicologia, ma in più conferisce al personaggio un’aura misteriosa molto efficace.

Uccello nero: fotoLa raffinata arte della rouflaquette

Ma l’autore si spinge ancora oltre nella riappropriazione del progetto. Ci riesce collegare questa notizia ai temi che abitano tutte le sue opere per decenni. Più specificamente il suo fascino per la psicologia deviante e la sua paura della reclusione.

Leggi  Meghan Markle in lacrime: all'uscita dalla doccia, senza alcun trucco, la Duchessa distrutta nell'esplosivo documentario

Infatti, se uccello nero è una storia investigativa, lo è soprattutto un ottimo thriller carcerario. Il disagio ansiogeno è terribilmente efficace, al punto da diventare il motore stesso del nostro protagonista in cerca di libertà. E anche se le sequenze investigative fuori dal carcere danneggiano il ritmo della narrazione, appena torniamo dietro le sbarre la serie ci affascina.

Uccello nero: fotoPrigione che va a rotoli

LA LAVANDERIA DELLA FOLLIA

L’altra evidente forza di uccello nero, è il suo successo tecnico totale. Innanzitutto per quanto riguarda la messa in scena. Tra i tre registi al timone troviamo più spesso Michaël R. Roskam al quale dobbiamo l’ottimo Scazzonema anche l’amichevole Quando arriva la notte – già sceneggiato da Dennis Lehane. Risultato una serie ricca di idee per la messa in scena, che riesce costantemente a sorprenderci con la sua maestria visiva. L’immagine è sia lavorata che organica, servita da un montaggio con precisione chirurgica.

Più, uccello nero ci offre un cast assolutamente folle. Lontano dall’elegante violenza di Kingsman o la frizzante follia di Uomo razzo, Taron Egerton offre una performance che richiede rispetto. Un gioco burbero, fisico, al servizio di un personaggio sempre ambiguo. Di fronte a lui, Paul Walter Hauser è semplicemente terrificante. Lontano dalla toccante sobrietà in cui si esibiva Il caso Richard Jewellincarna qui un Male assoluto la cui voce semplice, troppo alta, basta a creare disagio.

Uccello nero: fotoUn ruolo postumo di finezza e dignità

Al centro di questo cast di cinque stelle, ricorderemo in particolare il compianto Ray Liotta in una delle sue ultime apparizioni sullo schermo. Ci sono qualcosa di profondamente commovente nel suo modo di interpretare un padre spezzato, afflitto da colpa e malattia. Le scene del salotto con suo figlio creeranno anche il più insensibile degli spettatori.

A completare questo stimolante incontro di talenti, il segno Mogwai una colonna sonora emozionante. Ritroviamo i sintetizzatori magnetici, gli affascinanti loop e le lievi distorsioni inquietanti che fanno la reputazione del gruppo scozzese. La loro musica offre una dimensione completamente nuova alle immagini, giocando regolarmente sul contrasto. Una filastrocca per accompagnare la violenza, un sintetizzatore alla Carpenter durante le rare sequenze pacifiche. Piace uccello nerola composizione è ingannevolmente familiare, ma soprattutto meravigliosamente ammaliante.

I primi due episodi di Black Bird sono disponibili su Apple TV+ dall’8 luglio 2022. Gli altri episodi andranno in onda settimanalmente fino al 5 agosto 2022.

Uccello nero: foto

Lascia un commento