fbpx

critiche agli anti-Bonnie e Clyde britannici su Canal+

questa è una storia

Se vuoi guardare paesaggisti per scoprire un’indagine della polizia senza fiato unita a una caccia all’uomo durata 15 anni, faresti meglio a cambiare idea. La serie di Ed Sinclair (di cui questa è la prima produzione) lo è un piacere malizioso per disinnescare tutto come illustrato da questa scena in cui Susan (Olivia Colman) dice al marito che crede di aver visto un sosia di Gérard Depardieu, concludendo infine che non era lui. Ed Sinclair mette da parte la suspense per concentrarsi il cuore della serie, gli interrogatori e la storia degli assassinifabbricazione paesaggisti l’antistoria adattata da una notizia. Un titolo che la pone al fianco Fargo dei fratelli Coen.

Fin dai primi secondi del primo episodio, l’artificiosità della storia viene annunciata con la classica frase di apertura del genere “Questa è una storia vera“, dove il “VERO” svanisce prima del resto delle parole. Tuttavia, questa presunta finzione è contraddetta dai titoli di coda degli episodi che mettono estratti dai resoconti dell’epoca, in mezzo a inquadrature di making of e tecnici che smontano i set cinematografici della serie.

Ed Sinclair e Will Sharpe coprono le loro tracce costringendo lo spettatore a prendere una certa distanza a rischio di percepire questa storia di fantasia come fatti. Una scelta che va all’opposto di quella che aveva fatto Michael Bay Ogni cosa ha un prezzo pertanto.

Signora e Signor Tutti

Tuttavia, non sarai mai più perso della coppia Susan e Christopher, amanti assassini con esemplare cortesia inglese. I due sono gli opposti degli archetipi amanti-assassino a piede libero come visto in Bonnie & Clyde Dove assassini nati. La loro rappresentazione va contro gli standard e li deride come avevamo già visto in un’altra produzione britannica, La fine del fottuto mondo. L’umorismo tipico dei sudditi di Elisabetta II è quindi tanto efficace quanto vincente per le situazioni lunari di questo caso con sospetti insoliti.

E se la serie si permette di riscrivere questa macabra notizia che ha solo vent’anni scegliendo di puntare sull’imputato è perché le due vittime erano odiate. A riprova, la loro scomparsa per 15 anni non ha allertato nessuno (lasceremo il piacere di scoprire nella serie come la polizia abbia iniziato a indagare). Il delitto era quasi perfetto. Tuttavia, questo pregiudizio è giustificato quando il motivo stesso dell’omicidio è soggetto a teorie?

Paesaggisti: foto, David ThewlisClyde Barrow inglese

nel paese delle meraviglie

paesaggisti ruota essenzialmente attorno ai personaggi di Susan e Christopher. La verità sugli omicidi è nota solo a loro quando hanno avuto 15 anni per lavorare alla loro versione, tutte le indagini della polizia si svolgono quindi nelle confessioni e nei segreti che la coppia dovrà scoprire. Durante gli interrogatori, è la serie che mostra il suo vero volto, la storia diuna coppia emarginata persa nella propria realtà plasmato da bugie ripetute per anni.

Questo rapporto con la realtà e la verità si pone fin dall’inizio del primo episodio in cui si annuncia che la coppia è stata dichiarata colpevole e imprigionata, ma che affermano ancora la propria innocenza. Due verità dunque si scontrano nella serie : il funzionario riconosciuto dalla Giustizia, e quello di Susan e Cristoforo. A poco a poco, Ed Sinclair deporrà tutti gli elementi che designano la coppia come l’unico colpevole, murando sempre più gli amanti nella loro verità e smentita. Questa scrittura abile fa paesaggisti un dramma complesso e ambiguo che mette in discussione la capacità della gente comune di uccidere e poi continuare la propria vita.

Paesaggisti: foto, David ThewlisIl molo

Ad accompagnare questo brillante scenario, il regista Will Sharpe ha mostrato doti di originalità adattare all’immagine i mondi immaginari in cui la coppia esiste. Per Christopher, che blocca la dura realtà della vita per proteggere Susan, il quadro è grigio. Rispetto alla moglie persa in un immaginario film western che le inonda il viso e lo spazio, finché la freddezza delle stanze degli interrogatori la raggiunge e la mette faccia a faccia con i fatti. Ogni episodio permette di approfondire l’universo dei sospettati, cambiando la messa in scena che continua ad essere geniale e audace.

Leggi  Prima di "The Boys", un giovane Karl Urban e Antony Starr hanno partecipato a questa acclamata serie degli anni '90 - Serie TV Notizie

In diverse occasioni, i set si rompono attorno ai personaggi, rivelando tecnici e telecamere, mentre si dirigono verso un altro set cinematografico per riprendere la messa in scena come se nulla fosse. Altri accorgimenti scenografici più minimalisti richiamano quelli che si vedono nel teatro dove le luci sono usate per delimitare le stanze. L’apoteosi di questo eccellente risultato simbolico si raggiunge nell’inaspettato episodio finale per questo genere di serie.

Paesaggisti: fotografia, Olivia Colman“Il proiettore è capovolto, signore.”

crimine e compassione

Più dramma che thriller, la serie non ci pone solo come spettatori dell’indagine. Viviamo i tormenti di Susan e Christopher, creando un evidente attaccamento per loro. Quindi il tono e l’umore di paesaggisti cambiano regolarmente a seconda di come la coppia apprende le situazioni e i loro ricordi. E non possiamo che accontentarciuna serie che sfrutta appieno gli artifici della messa in scena per esprimere emozioni. Effetti espressionisti tedeschi, un’immagine realistica nello stile dei vecchi servizi televisivi e luci che imitano le atmosfere dei film horror sono tra le poche idee di Will Sharpe per rappresentare la psiche dei personaggi.

Nell’idea di insegnarci di più sulle motivazioni della coppia di assassini, i flashback che si svolgono in diverse fasi della loro relazione sono disseminati per tutta la serie. Se aiutano a creare ancora più empatia per Susan e Christopher, cercando di giustificare le loro azioni, le sue scene soffrono di una temporalità poco chiara. In questione, attori senza trucco che cambiano solo parrucche in base all’età dei loro personaggi. Impossibile quindi sapere quando si trovano i suoi flashback, e quindi capire la costruzione del loro amore e la loro decisione di passare da bella coppia a bella coppia assassina.

Paesaggisti: fotografia, Kate O'Flynn, Olivia ColmanBattaglia di sguardi

Le impressionanti interpretazioni di David Thewlis e Olivia Colman contribuire enormemente alla compassione che abbiamo per Susan e Christopher. Il ruolo è stato scritto anche per Colman, essendo Ed Sinclair suo marito. Questo personaggio inglese perduto che sopprime le sue emozioni fino a quando non esplode è un’autostrada per la regina d’Inghilterra La corona che dimostra ancora una volta il suo talento folle. E ci è voluto David Thewlis per tenerle testa, incredibile come un uomo normale innamorato che vuole interpretare l’eroe. Ma questo desiderio di creare tanto attaccamento per gli assassini e di capirli lascia perplessi dal punto di vista morale.

Alla fine, è la polizia a prendere il ruolo sbagliato. Per tutta la serie, vengono derisi oltre a essere mostrati antipatici di fronte all’ondata di emozioni che sono Susan e Christopher. La differenza di trattamento dei gruppi di personaggi crea uno shock che sbilancia paesaggisti. Kate O’Flynn è l’unica attrice che interpreta un ispettore a fare bene, affermandola come un eccellente ruolo di supporto.

Paesaggisti: fotografia, Olivia Colman, David ThewlisI più ricercati

La morale finale, pronunciata in modo pigro e classico, si completa questa intenzione che spinge ad avere pietà di questa coppia, rovinando il sottile messaggio di Ed Sinclair. Le ultime scene si concludono con i cliché una serie che ha mostrato molta intelligenza e riflessione sia nella forma che nella sostanza.

Landscapers sarà disponibile da giugno 2022 su Canal+.

Paesaggisti: poster francese

Lascia un commento