fbpx

critiche a una relazione tossica e tragica tramite sms su Starzplay

CORTINA FUMOGENA

Il 12 luglio 2014, Conrad Roy III, allora 18enne, parcheggiò il suo furgone nel parcheggio di un supermercato e si uccise avvelenandosi con monossido di carbonio. All’indomani di questa tragedia, viene aperta un’indagine e la fidanzata della defunta, Michelle Carter, viene subito sospettata di aver spinto il giovane al suicidio dopo la scoperta di diversi macabri sms. Questo è il punto di partenza di La ragazza di Plainvilleche oscillerà poi tra passato e presente per presentare la situazione dai primi inizi alle ultime convulsioni.

Da quel momento in poi, i creatori della serie dipingono un ritratto incrociato di due adolescenti che si sentono male con se stessi e non sono in grado di rimanere se stessi nella società.. Michelle ne è un perfetto esempio, esagerando ogni gesto, ogni atteggiamento, nella speranza di avere un bell’aspetto in ogni circostanza. Al di là dei suoi sorrisi ampi e ipocriti, le piace anche ripetere fino alla nausea le battute di Gioiala sua serie preferita, come un’attrice che impara il testo a memoria per paura di dover improvvisare.

Se solo avessero tenuto le orecchie da coniglio sulla testa

Mi piacerebbe tanto vedermi come quello che vorrei essere“, ammette Conrad, confuso quanto Michelle nei confronti della propria immagine. La serie rappresenterà quindi le rispettive inclinazioni all’autoflagellazione o addirittura all’autodistruzione.. Quando l’adolescente ingoia una bottiglia di pillole e quasi va in overdose, la sua ragazza mangia una torta e cerca di liberarsi dal senso di colpa esaurendosi sul tapis roulant. Non diciamo: “mente sana in corpo sano”?

I dispositivi di comunicazione, compreso il telefono ovviamente, predispongono così più facilmente i protagonisti al franchise, gli schermi mantengono una separazione tra sfera privata e sfera pubblica. Conrad sta effettivamente aspettando di confidarsi con la sua famiglia e il resto del mondo in video postumi registrati davanti alla telecamera. Idem per Michelle che lascia cadere la mascherina quando non ha più gli occhi fissi su di lei. Durante la sua apparizione in corte nella seconda metà della serie, la giovane donna continua a nascondere la sua disperazione dietro un volto non più affabile, ma del tutto inespressivo.

La ragazza di Plainville: foto, Elle FanningLe sopracciglia come pittura di guerra

TESTO SENSU

Una delle principali sfide che i creatori di La ragazza di Plainville doveva rilanciare era rappresentare la relazione via SMS dei due personaggi evitando la delusione per lo spettatore nel vederli battere permanentemente sulla tastiera. Un obiettivo in gran parte raggiunto poiché la serie riesce a incarnare i loro scambi scritti in modo che Michelle e Conrad si immaginino di parlare faccia a faccia mentre lui vive in Massachusetts e lei nel Connecticut.

Il dispositivo non solo consente di moltiplicare le interazioni tra gli attori sul set, ma offre anche ai loro personaggi l’opportunità di toccarsi, di vedersi, di associare una tale parola a un tale sorriso o un tale gesto . Solo attraverso questo processo, lo spettatore è invitato a valutare, da un lato, se ciò che dice corrisponde al suo linguaggio del corpo e, dall’altro, a vedere fino a che punto il significato dei suoi messaggi trova decuplicato.

La ragazza di Plainville: foto, Elle Fanning, Colton RyanNon commettere errori, uno di loro in realtà non è lì

La serie gioca anche con l’ironia di questa configurazione ricordando che ogni riga formulata in questo preciso contesto resta un sms. “voglio vederti“, confessa Conrad a Michelle, mentre sta proprio di fronte a lei. “Odio quando lo fai. Scrivi qualcosa e cancelli tutto“, ribatte in un’altra scena. È in questi momenti, relativamente pochi di numero, che una forma di leggerezza ha la precedenza sul resto, rendendo la storia più viva.

Leggi  Tutti i candidati nelle categorie di film

Ma se c’è ironia, si manifesta in modo più crudele quando i personaggi si rendono conto della distanza che li separa nonostante la sensazione di essere uno accanto all’altro.. La messa in scena poi sostiene questa consapevolezza privilegiando inquadrature e inquadrature rovesciate, isolando a loro volta Conrad e Michelle, fino a trasformare i loro scambi in veri e propri confronti. Citiamo, ad esempio, questa scena di dialogo notturno durante la quale ognuno si rimanda le proprie colpe, mentre un fuoco di legna scoppietta tra loro, segnando simbolicamente la tossicità del loro rapporto.

La ragazza di Plainville: foto, Elle FanningAttenzione alla telefonite acuta

IRREVOCABILE

Sta guardando il documentario Ti amo, ora muori: il Commonwealth vs. Michelle Carter, poi studiando gli archivi disponibili sul caso, che i creatori della serie hanno potuto osservare quanto apparisse distaccata la giovane vista la sua situazione. “Michelle ha creato un mondo tutto suo […] è stato quindi interessante approfondire questo aspetto mostrando come la sua immaginazione gli facesse perdere il contatto con la realtà“, ha spiegato Liz Hannah, la co-creatrice di La ragazza di Plainvilledurante un’intervista rilasciata al sito Scadenza.

A causa o grazie a questa scelta, il personaggio di Michelle appare meno manipolativo, più schietto, e la sua interprete, Elle Fanning, sa giocare perfettamente con i suoi lineamenti infantili (del resto l’attrice ha solo 24 anni) in ordine per suscitare empatia nello spettatore. Inoltre, se le fantasie dell’adolescente, come questo improbabile numero musicale della hit “Can’t fight this feeling”, inizialmente la aiutano a reincantare la sua relazione con Conrad, finiscono per riportarla dal sempre più difficile al mondo reale .

La ragazza di Plainville: foto, Elle Fanning, Colton RyanBroadway tese loro le braccia, che spreco!

Un po’ come la prima stagione di 13 motivi per cui, La ragazza di Plainville mette il peso del rimorso e della colpa sulle spalle dei suoi personaggi. L’ultimo episodio è in quanto tale un vero rubacuori. Tutto ciò che serve è una raffica di riprese al rallentatore per mostrare quanto Conrad si rammarichi di non essere stato in grado di apprezzare appieno queste piccole cose di tutti i giorni. E Michelle deve rivivere il tragico momento, non più all’altro capo della linea, ma in situ, per accettare la sua condanna.

È poi tanto più sfortunato che tutta la parte dedicata al processo della giovane, piuttosto debole e scoraggiante, parassiti la parte principale della trama nel suo tratto finale. Tuttavia, nonostante le sue poche peregrinazioni, la serie riesce senza difficoltà a colpire lo spettatore, curando lo sviluppo di tutti i suoi personaggi, compreso quello della madre di Conrad (Chloë Sevigny), particolarmente commovente e sostanzialmente altrettanto essenziale per la storia che i due protagonisti.

The Girl from Plainville è disponibile per intero su Starzplay dal 28 agosto 2022

La ragazza di Plainville: poster francese

Lascia un commento