fbpx

Cosa sta succedendo a Netflix e alle sue serie con rappresentazione lesbica?

Dopo una vita passata ai margini ed essere praticamente invisibile, elui Collettiva LGBTIQ+ ogni volta Ha più riferimenti e questo si riflette anche sullo schermo, dove i membri del gruppo trovano un posto sicuro e alcuni personaggi con cui identificarsi.

Infatti, Una delle piattaforme di streaming più impegnate nella diversità nelle sue produzioni è Netflixdove possiamo trovare centinaia di storie con personaggi queer -che escono dall’eteronormatività-.

Tuttavia, sembra che ultimamente la piattaforma non sia pienamente conforme a questa affermazione, e negli ultimi due anni ha già cancellato almeno cinque serie le cui protagoniste sono lesbiche o saffichecon l’esempio più recente di la prima morte.

L’inizio di un pattern ripetuto

‘L’arancione è il nuovo nero’.

Netflix

Molto spesso, quando una ragazza lesbica è ritratta in una serie, l’arco del personaggio si sviluppa attorno al processo di scoperta ed esplorazione della sua sessualità. Un esempio di questo potrebbe essere L’arancione è il nuovo nerola fiction che ha reso popolare le lesbiche su Netflix e la serie che è durata più a lungo sulla piattaforma con donne omosessuali -o bisessuali- come protagoniste.

Tuttavia, il rapporto tra Netflix e le sue storie con protagoniste donne lesbiche non è mai stato del tutto stabile e il suo pubblico ha iniziato a notarlo con la fine prematura di zingaro (2017) e soprattutto lo scorso anno 2020, con l’annullamento del questa merda è al di là di me (Dai creatori di La fine del fottuto mondo2020) e Atipico (2017-2021) -sebbene il secondo caso avrebbe potuto avere una conclusione corrispondente-.

Alla fine dello stesso anno, la piattaforma annunciò che non si sarebbe rinnovata sono tutte cazzate (2018) e Due proiettili molto sciolti (2020)tra gli altri titoli con caratteri queer Che cosa INCANDESCENZA (2017-2019), La società (2019), Il Get Down (2016-2017), senso8 (2015-2018) e Un giorno alla volta (2017-2020).

Giustificazioni diverse in ogni caso

'Questa merda è al di là di me' e 'Tutto è merda'.

‘Questa merda è al di là di me’ e ‘Tutto è merda’.

Netflix

I due esempi che più hanno attirato l’attenzione sulla loro cancellazione all’inizio sono stati sono tutte cazzate Y questa merda è al di là di me. Entrambe le serie erano relativamente popolare quando rilasciato rispettivamente nel 2018 e nel 2020 -sebbene le cifre del loro pubblico siano sconosciute- e sono state ben accolte dalla criticama Netflix ha scelto di non continuare con la sua produzione.

Leggi  Nuovi film e serie da vedere su Netflix dal 29 luglio al 4 agosto

La piattaforma non aveva ancora iniziato a pubblicare la Top 10, che iniziò a svelare i titoli più visti della settimana a novembre 2021, quindi la spiegazione era legata a “circostanze generate dal COVID”.

Tuttavia, questa giustificazione non era una ragione convincente per i fan. e gli spettatori di Netflix in generale, che pensavano non fosse un caso che queste due serie facessero parte di un gruppo più ampio che includeva donne lesbiche tra i personaggi principali.

La cronaca di una cancellazione annunciata

'L'ultima morte'.

‘L’ultima morte’.

Netflix

L’ultima vittima che ha subito la cancellazione e che soddisfa le stesse caratteristiche dei suoi predecessori è la prima morteche secondo fonti ufficiali ne aveva alcuni cifre di ascolto deludenti e “non hanno raggiunto soglie di visione sufficienti poiché l’intera serie e tutti gli episodi non sono stati visti allo stesso modo”.

Tuttavia, in questa occasione, i dati di pubblico per la serie la posizionano come un successo, superando le 100 milioni di ore guardate nei primi 28 giorni dalla prima. Anche, la prima morte ha raggiunto il numero 3 nella Top 10 nella sua prima settimana con 48,8 milioni di ore visualizzate, dietro solo alla quarta stagione di cose strane e il sesto di Peaky Blinders.

Ci sono ancora difetti da correggere in termini di rappresentazione lesbica

È vero che la prima morte può essere un caso prevedibile e farci riflettere che sarebbe stato cancellato, dato che è iniziato con un budget molto basso e non è all’altezza delle altre serie giovanili o con personaggi queer. Ma ha smesso di sembrare una coincidenza e sembra essere diventato uno schema secondo cui una serie con una o più protagoniste lesbiche viene improvvisamente cancellataqualunque siano le circostanze.

Nonostante il fatto che la rappresentazione LGTBIQ+ nella serie stia avanzando a passi da gigante, non tutte le persone del gruppo si riflettono sullo schermo allo stesso modo e la delusione provata dal pubblico nelle fiction a tema lesbico o saffico è giustificata. Per gli spettatori, Non serve a molto dare il via libera a una storia che di solito finisce a metà, perché dà la sensazione che non meriti di essere raccontata.

Lascia un commento