fbpx

cosa resta del film “cult” con Heath Ledger?

Nel 2001 è atterrato Cavaliere, una commedia medievale diretta da Brian Helgeland che ha lasciato un ricordo singolare per i suoi roboanti anacronismi. Il suo titolo originale, il racconto di un cavaliereè un cenno a i racconti di Canterbury, un classico della letteratura inglese. Il loro autore, il poeta Geoffrey Chaucer, è uno dei personaggi del film, che afferma di colmare un vuoto di sei mesi nella sua nota biografia.

Se ha riscosso un discreto successo incassando 117 milioni di dollari al botteghino mondiale, rimane anche nella memoria perché un certo Heath Ledger ne incarna il ruolo principale. Avvistato grazie a Il patriota: la via della libertà di Roland Emmerich, l’attore ha indossato l’armatura con disinvoltura al fianco di Paul Bettany, Rufus Sewell e Shannyn Sossamon prima di interpretare una serie di ruoli iconici (Il segreto di Brokeback Mountain, Il Cavaliere Oscuro).

Purtroppo, se ha ricevuto l’Oscar come miglior attore in un ruolo non protagonista per quest’ultimo, è stato postumo, avendo ceduto a un’ebbrezza acuta nel gennaio 2008. Di questa carriera fulminea rimane il ricordo di un uomo dotato la cui interpretazione è cresciuta meccanicamente di importanza . Ma la sua freddezza da scudiero divenuto cavaliere è sopravvissuta alla prova del tempo?

Per la brughiera e per il libro mastro

Il racconto del cavaliere bianco

Lo scudiero William Thatcher prende il posto del suo signore ferito a morte in una giostra. Scortato dai suoi amici di vecchia data, inizia a scremare i tornei. Durante il suo viaggio, incontra Geoffrey Chaucer, un famoso scrittore trasformato in un erudito falsario, Lord Adhémar d’Angiò, che diventa suo rivale, e Jocelyn, un aristocratico di cui si innamora. Il suo obiettivo: affermarsi come il miglior giocatore d’Europa.

Leggi  Rosales, Palomero, Franco e Gurrea si batteranno per la Conchiglia d'Oro

I titoli di coda ne annunciano il colore: dopo aver indossato l’elmo del suo defunto maestro, William Thatcher prende il suo posto nell’arena… al suono della hit cult dei Queen, Te la faremo vedere, il cui titolo serviva anche da teaser sui poster. UN assunto anacronismo nella diegesi dal momento che gli spettatori del gioco battono ritmicamente i suoi tre battiti inebrianti, in questa fase della tua lettura, lo hai necessariamente in mente.

Cavaliere: Heath Ledger, Rufus SewellBene, salva la regina, non quella che pensi

Il resto della colonna sonora è in linea: Eric Clapton, David Bowie, AC/DC si susseguono per respirare un tono rockanche durante una scena di ballo romantico che si trasforma in una festa frenetica.

Lascia un commento