fbpx

come Thor 4 ha rovinato il ritorno di Jane Foster come Mighty Thor

Natalie Portman è tornata Thor: Amore e tuono in Mighty Thor, ma il suo ruolo e la sua storia non hanno nulla a che fare con quello che avrebbero dovuto essere.

Dopo aver lasciato il MCU seguente Thor: Il Mondo Oscuro e dopo essere stato assente da Thor: RagnarokNatalie Portman è stata finalmente richiamata dalla Marvel per riprende il ruolo di Jane Foster in Thor: Amore e tuono e diventa “Mighty Thor”, l’incarnazione femminile del Dio del Tuono nei fumetti. Purtroppo, allo stesso modo del personaggio di Gorr il Macellaio degli Dei (Christian Bale), l’adattamento realizzato da Taika Waititi e dalla sceneggiatrice Jennifer Kaytin Robinson è un triste fallimento.

ATTENZIONE: SPOILER ESPLOSIVI!

Solo il costume può essere salvato

TUONO NELLE VENE

Taika Waititi ha comunque fatto i compiti e Thor: Amore e tuono riprende diversi elementi dei fumetti di Jason Aaron e Russell Dauterman sulla trasformazione di Jane Foster nella nuova Dea del Tuono. Tuttavia, anche se gli ha dato grandi braccia, il regista ovviamente non l’ha fatto non capiva nulla del personaggio e di ciò che gli dava tutta la sua forza.

Quando appare nel film, Jane Foster è sottoposta a chemioterapia per combattere il cancro al quarto stadio, in una scena simile all’inizio del primo volume diTutto nuovo Thorma non sembra più una donna emaciata che ha perso tutti i capelli.

Thor: fotoIn terapia

Tranne durante una sequenza in un bagno in cui rompe un lavandino, la sua lotta contro la malattia, i suoi sentimenti o i suoi sentimenti per la morte non vengono mai affrontati direttamente. Il film non fa nemmeno lo sforzo di specificare quale cancro abbia.e (soffre di cancro al seno nel fumetto).

In modo sconcertante, la trama scorre tutte le volte della sua vita quando non è con Thor (o anche il tipo di cancro che ha) e, al di là del fatto che l’astrofisico dei primi due Thor non avrebbe mai premuto la sua flebo perché avrebbe saputo che era inutile (oltre a far ridere il pubblico), la sua malattia serve soprattutto a creare rapidamente una posta in gioco emotiva e per fare in modo che lo spettatore sia nuovamente interessato a questo personaggio scomparso quasi dieci anni fa.

Thor: fotoC’è più profondità in queste due pagine di fumetti che nelle due ore di film

Dopo aver letto un libro sulla mitologia norrena, Jane ricorda che Mjolnir dà buona salute a chi lo impugna, quindi prenota un biglietto per New Asgard, dove si trovano i frammenti del martello frantumato. Spera di usarlo per guarire, e una o due ellissi dopo, divenne Mighty Thor e affronta le ombre mostruose di Gorr insieme a Thor (Chris Hemsworth).

Valkyrie (Tessa Thompson), che a quanto pare è diventata la sua migliore amica in avventure fuori campo, racconta poi che Jane colleziona Mjolnir da un po’ di tempo. Ma in nessun momento il film guarda alla sua evoluzione, alla sua trasformazione o al suo modo di apprendere i suoi poteriereditata dal suo ex divino amante.

Anche la scena in cui si trasforma in Mighty Thor è stata tagliata durante il montaggio, poiché le riprese dal set mostravano Natalie Portman in aria durante una trance minacciosa che sembrava piuttosto dolorosa per il personaggio.

Al contrario, nei fumetti, quando Thor scopre che Jane ha il cancro e si offre di aiutarla, si rifiuta ostinatamente di usare la magia asgardiana. Più tardi, dentro Peccato originaleThor si ritrova indegno di brandire Mjolnir e il suo martello giace abbandonato sulla Luna finché una donna non lo solleva e diventa la nuova Dea del Tuono.

La sua identità rimase segreta per qualche tempo e dovette combattere contro mostri, l’antico Thor o anche Odino e il Distruttore per per dimostrare che era all’altezza del compito. Solo dopo che la storia ha rivelato che si trattava di Jane Foster, ma anche che ogni trasformazione ha invertito gli effetti della sua chemioterapia e l’ha resa ancora più malata.

Leggi  La vera storia del festival! Woodstock 2022?

La sua lotta contro il cancro e contro le forze del male è stata ancora più nobile e toccante sapendo che ha letteralmente sacrificato la sua vita ogni volta che ha afferrato il suo martello per andare a proteggere i Nove Regni. In Thor: Amore e tuonoal contrario, Thor scopre che il nuovo Thor è Jane non appena la incontra e la scelta di Mjolnir non ha nulla a che fare con il dimostrare il proprio valore o essere degni.

Thor: fotoIl nuovo Thor

AMORE, COME PRATICO

Come rivela Korg in un flashback che mostra Jane e Thor quando erano ancora una coppia (e più innamorati di quanto non lo siano mai stati in qualsiasi altro film), Jane ha ereditato Mjolnir perché Thor ha chiesto al suo martello di proteggere sempre la sua amata.

Quindi, a differenza di Capitan America in Vendicatori: Fine del giocoche afferrò Mjolnir perché si era dimostrato degno di sollevarlo, Jane non si è guadagnata il diritto di brandire il martello da sola, ma perché Thor gliel’ha dato. Il che va contro il personaggio e tutto ciò che rappresenta come la dea del tuono.

Thor: fotodea a tempo pieno

Mentre è tornata al nome Thor nei fumetti dopo aver recuperato Mjolnir (come chiunque sollevi il martello), il che la metteva alla pari con l’antico Dio del Tuono, Jane ora è solo una spalla di lusso e un’ex da riconquistare chi si fa chiamare”potente thor(nome tratto da uno dei titoli dedicati al dio nordico alla Marvel) combattere il suo cancro o le sue nuove responsabilità.

Ancora una volta, la storia di Jane è inevitabilmente legata alla sua storia d’amore con Thor e il personaggio, anche se la Dea del Tuono, non può esistere come un’eroina a tutti gli effetti senza il bel e forte Principe di Asgard (o solo fuori campo). Invece, la giovane donna è lì solo per fare battute, schiaffeggiare mostri digitali e servire il viaggio emotivo dell’eroe fino alla fine.

Thor: fotoRischiando la vita

Mentre il ritorno di Natalie Portman in Mighty Thor avrebbe permesso di rimpolpare il personaggio di Jane Foster e infine di sfruttare il talento dell’attrice, contro ogni previsione, Thor: Amore e tuono decidere di farla morire in un ultimo sacrificio prima di entrare nel Valhalla nel secondo post-crediti, come nella storia di Jason Aaron e Russell Dauterman. Ma poi di nuovo, il film ha preso un’idea senza rendersi conto del suo impatto o valore.

Nei fumetti, per evitare che Asgard venga distrutta da Mangog, Jane si sacrifica lanciando Mjolnir nel Sole e dichiara al mostro che lo sta facendo”con amore“. D’altra parte, questo amore non è solo quello che prova per Thor, contrariamente a Thor: Amore e tuonoma quello che indossa per tutta la vita che si è aggrappata a sfidare la sua malattia.

Quando viene accolta da Odino fuori dai cancelli del Valhalla, lotta per accettare la sua morte e dice che “aveva ancora cose da dare”, che “non aveva finito di raccontare la sua storia”.

Thor: fotoLa morte del potente Thor

Thor: Amore e tuono farebbe credere alla gente che ha trasformato Jane Foster in una figura eroica e femminile che sarebbe stata uguale a Thor, ma al film non importa del suo cancro, della sua storia passata o di ciò che rappresenta nell’Universo Marvel. Alla fine, Jane Foster diventa una supereroina grazie a Thor, il suo cancro conta solo per mostrare come colpisce Thor e la sua morte accade solo per salvare i bambini di Asgard e finalmente dare a Thor uno scopo per esistere.

Ora che riposa nel Valhalla con Heimdall (Idris Elba), sarebbe meglio lasciarla sola ed evitare di riportare indietro Natalie Portman. Soprattutto se è per farlo.

Lascia un commento