fbpx

Come dichiarare il pacchetto mobilità sostenibile?

Il pacchetto mobilità sostenibile è un dispositivo installato per ridurre l’impronta di carbonio dei lavoratori e incoraggiarli a utilizzare il trasporto ecologico. Questo dispositivo è facoltativo, ma esente da tasse e contributi sociali se ne ricorrono i presupposti. Spetta al datore di lavoro dichiarare il pacchetto di mobilità sostenibile seguendo una procedura definita.

Dichiarazione del pacchetto mobilità sostenibile

La dichiarazione dell’FMD deve essere effettuata nello standard DSN inserendo correttamente il codice. Assicurati di avere un buon software e quindi segui la procedura seguente:

individuare gli importi incassati dal proprio datore di lavoro per il pacchetto mobilità e il pacchetto carburante;

sommare i pacchetti e verificare che il totale non superi il limite definito per l’esenzione;

inserire in S21.G00.54 – Altro elemento di reddito lordo, la parte del pacchetto mobilità esente da contributi dichiarando “codice 19 – Contributo del datore di lavoro alle spese di trasporto personale”;

se la somma forfettaria eccede il limite di esenzione contributiva, devi dichiarare il residuo in S21.G00.51 – Remunerazione dichiarando “codice 001 – Remunerazione lorda illimitata”.

La procedura di dichiarazione dell’afta epizootica è la stessa per i lavoratori privati ​​e per i dipendenti del settore pubblico. Verifica di essere un lavoratore idoneo, quindi assicurati di soddisfare i criteri.

Mezzi di trasporto supportati

I mezzi di trasporto coperti dal pacchetto mobilità sostenibile sono diversi per i lavoratori del settore privato e quelli del settore pubblico. Nel settore pubblico, gli unici mezzi di trasporto supportati per l’afta epizootica sono le biciclette, le biciclette elettriche e il carpooling. Il carpooling è accettato per il pubblico ufficiale, sia esso passeggero o conducente.

Nel settore privato, i costi di trasporto rimborsati dal datore di lavoro sono la bicicletta, il carpooling e il trasporto pubblico. Tuttavia, il trasporto pubblico interessato è quello in cui il lavoratore è sprovvisto di abbonamento. Di conseguenza, saranno rimborsati ed esenti da contributi solo i biglietti singoli dell’autobus o del treno. A questi mezzi di trasporto si aggiungono altri meno convenzionali come scooter elettrici, fuoribordo e veicoli elettrici. Si noti che i veicoli per il trasporto personale a motore non devono avere un motore a combustione. Allo stesso modo, non vengono prese in considerazione alcune modalità di viaggio, ovvero a piedi, scooter e taxi.

Leggi  questa coppia già leggendaria annuncia il loro divorzio che farà molto rumore!

Le condizioni tariffarie del pacchetto mobilità sostenibile

Anche l’importo limite per il DMF e le condizioni di rimborso variano a seconda del settore in cui ci si trova. Per il settore privato, le modalità dipendono dall’azienda e dal datore di lavoro. L’importo, nel frattempo, è limitato a 700 euro all’anno. I documenti giustificativi per beneficiare dell’afta epizootica nel settore privato sono una dichiarazione giurata, fatture di pagamento o prove di carpooling.

Nel settore pubblico, invece, il tetto massimo è di 200 euro a condizione che l’agente abbia effettuato almeno 100 giorni all’anno di ciclismo o carpooling tra casa e lavoro. La soglia del numero di giorni può variare a seconda dell’orario di lavoro di ciascun dipendente. La prova richiesta è una dichiarazione giurata o una prova di carpooling dal registro.

Lascia un commento