fbpx

Come comportarsi con una magistratura controllata da una macchina?

In un mondo dettato dalle norme della tecnologia, e in cui è sempre più difficile strutturare una routine senza telefoni, messaggi istantanei o video virali di sei secondi, la società continua a considerare modelli che facilitino la convivenza. Nonostante i comfort che ha fornito, sempre più persone cercano e preferiscono allontanarsi dagli schermi.

Innumerevoli film e serie hanno messo sul tavolo il dibattito sul fatto che i progressi tecnologici, l’IA (Intelligenza Artificiale) e tutti i tipi di simulazioni e cripto-situazioni migliorino o peggiorino ciò che già esiste. Blade Runner o Specchio nero in tono distopico e catastrofico, esplorando il comportamento umano tra i pixel; altri come Caricamento con un tocco comico che rifiuta l’esistenzialismo.

Poiché i dubbi tendono ad essere più abbondanti delle risposte, il regista simone casale ha voluto prendere in considerazione Giustizia artificiale Come sarebbe la magistratura in Spagna se fosse controllata dalle ultime tecnologie? Con Veronica Echegui Nel ruolo di Carmen Costa -un giudice che vuole indagare sulla mancanza di mezzi nella giustizia-, la società spagnola potrebbe godere di un sistema meccanizzato e, apparentemente, razionale, equo e ordinato attraverso l’intelligenza artificiale?

giornale specializzato in serie televisive e film. era presente l’ultimo giorno di riprese del film insieme al regista, all’attrice e al resto della squadra. Nonostante la pioggia incessante, su cui non si contava durante la mattinata, Echegui e compagnia sono riusciti a chiudere un progetto di sette settimane che è iniziato ad A Coruña -dove è stato girato il 95% della produzione- e si è concluso martedì scorso al Congresso dei Deputati della capitale.

“Nel nostro cinema non ho visto nulla di simile, sono molto interessata al dibattito che si sta creando sulla giustizia umana contro la giustizia artificiale”, spiega l’attrice a questo mezzo. Simón Casal, che ha già realizzato un documentario sull’argomento e ha trascorso molto tempo a parlare con esperti, politici, professori e giudici sull’argomento, ritiene di aver “trovato molte risposte”, ma non crede di avere “la autorità di dirle».

Verónica Echegui sul set di ‘Artificial Justice’ a Madrid

Maria Heras

Ciò che il regista pone nel film è a referendum che conceda o meno alle macchine “la capacità di giudicare”. Al centro, il personaggio di Verónica, figura che difende entrambe le posizioni in scacchiera. «Cerchiamo di scoprire quali sono gli elementi della giustizia che sono intrinsecamente umani, che non possono essere replicati o automatizzati», spiega Casal.

Oltre a generare un dibattito su ciò che la tecnologia non raggiunge, Giustizia artificiale è anche un ritratto del carenze del sistema. “Sono necessarie più risorse per accelerare tutto”, afferma Echegui. «I tribunali sono sovraccarichi», aggiunge Casal. “Manca l’assistenza psicologica alle vittime, molte volte quando si deve tutelare la privacy di un testimone si mette uno schermo”, aggiunge. Nonostante la scarsità di media e la generale saturazione, Casal ammette che “questo non implica che la soluzione sia improvvisamente quella di digitalizzare completamente”, poiché porterebbe a una “totale semplificazione del dibattito”.

Leggi  Saga "The Defenders": questo è l'ordine corretto per guardare le serie Marvel e Netflix su Disney +

[Las 25 mejores películas de 2022]

L’attrice e il regista sono sempre d’accordo su ciò che sostengono, qualcosa che denota la complicità di cui hanno goduto nello sviluppo del progetto. Durante il colloquio con il giornale per pubblicizzare il dibattito trascendentale che solleva, entrambi considerano che, in ultima analisi, gli esseri umani sono i creatori delle proprie miserie.

“L’intelligenza artificiale non è più creata dagli umani”dice Echegui. “È nostra proprietà, quella dicotomia tra luce e oscurità, è creata dall’essere umano per migliorare la sua esistenza, ma poi c’è l’ego e lì non c’è alcun tipo di controllo”, spiega. Dopo ore di riprese e mesi di ricerca, Casal considera in ogni momento che ci sono compiti, come “la decisione se qualcuno è innocente o colpevole”, che deve avere “supervisione umana”. “Hanno a che fare con l’etica, con la politica, non hanno un’unica risposta e penso che dovrebbero essere nelle mani dell’uomo”, dice.

Le riprese di 'Artificial Justice' a Madrid.

Le riprese di ‘Artificial Justice’ a Madrid.

Maria Heras

Un’altra delle nozioni essenziali della giustizia è il progresso sociale, la costante evoluzione della cittadinanza ei problemi che la articolano o la distruggono. L’intelligenza artificiale, le macchine, potrebbero riconsiderare un giudizio tenendo conto del peso della società? “L’intelligence si nutre di dati del passato, i giudici respirano l’evoluzione del tempo, dei valori, della cultura”, dice il regista. Casal esordisce elencando situazioni in cui la tecnologia non avrebbe potuto catturare la pressione della strada. “È successo con il femminismo”, considera. “15 anni fa c’erano comportamenti di ogni tipo che non erano considerati scorretti”, aggiunge.

Sebbene alcune delle risposte non vengano messe in discussione fino alla prima, il film di Casal mira a mostrare fino a che punto la soluzione passa attraverso l’algoritmo. Approfondisci anche il desiderio di automatizzare ogni aspetto di una società “sempre più individualista”. “Mettere l’accento sulla tecnologia piuttosto che sulla risoluzione dei problemi emotivi che tutti noi abbiamo è molto controproducente”, conclude Echegui.

Lascia un commento