fbpx

Clip esclusiva di ‘I muri parlano’, il nuovo documentario di Carlos Saura

La corsa di Carlo Sauro è immenso e insondabile e, ancora oggi, il regista continua ad avere storie da raccontare. Il prossimo 3 febbraio torna al cinema con il suo lungometraggio le pareti parlanoun film documentario diretto e interpretato da lui stesso, in cui cerca di scoprire quale sia la vera origine dell’arte e come sia la sua influenza oggi. il giornale specializzato in serie televisive e film ne anticipa una clip esclusiva poche settimane prima della sua prima.


Più concretamente, il maestro aragonese -che riceverà quest’anno il Goya de Honor- ritrae, sotto il suo personale e singolare prisma, l’evoluzione e il rapporto dell’arte con il muro come tela della creazione, dalle prime rivoluzioni grafiche nelle grotte preistoriche alle espressioni più avanguardistiche dell’arte urbana. Saura è stata posizionata davanti e dietro le telecamere di questa produzione di Malvalanda, che arriverà nelle sale con Wanda Vision.

“I muri parlano è una proposta della produttrice María del Puy Alvaradobasato su un’idea iniziale di José Morillas, che coincideva con le mie preoccupazioni sull’evoluzione dei dipinti paleolitici nelle grotte delle Asturie e della Cantabria e Chauvet in Francia”, ha riconosciuto il regista. “Pensavamo che ci fossero già abbastanza documentari sul Paleolitico arte e che noi abbiamo avuto l’opportunità di cercare una strada diversa. Dopo aver visitato alcune delle grotte più significative, abbiamo scoperto che c’era una certa relazione tra l’impulso di dipingere sui muri e i graffiti di oggi, e ci siamo messi al lavoro”.

[‘Campeonex’, la esperada secuela del éxito en taquilla de Javier Fesser, llega a los cines este verano]

Il documentario è stato girato in un massimo di 14 località spagnole come le Cuevas de Puente Viesgo e Altamira in Cantabria o il Sito Atapuerca a Burgos, ma anche nelle strade di Barcellona e Madrid, dove i graffiti sono i protagonisti.

Leggi  Qual è la malattia di re Viserys che gli ha fatto perdere un occhio e parte della faccia ne "La casa del drago"

Tra gli artisti, le personalità e gli esperti presenti nel film ci sono Pedro Sauropittore della neocaverna di Altamira -che è colui che interviene nella clip esclusiva che hanno fornito a giornale specializzato in serie televisive e film.-; Juan Luis ArsuagaDirettore Scientifico del Museo dell’Evoluzione Umana e Condirettore di Atapuerca; Miquel Barcelóuna delle icone più riconosciute dell’arte contemporanea; Anna DimitrovaCommissario Artistico; Roberto Ontañón PeredoDirettore del Museo di Preistoria e Archeologia e delle Grotte Preistoriche della Cantabria; Zeta, artista di graffiti; Suso33, creatore urbano; Cuculo, muralista; Y musa71graffitaro.

le pareti parlano si unisce Gli oltre 50 film di Sauraricevendo per loro un Orso d’oro dal Festival di Berlino (sbrigati), un BAFTA (Carmen), tre nomination agli Oscar (La mamma ha cento annisì, Carmen Y Tango) e il Gran Premio della Giuria di Cannes (Allevamento di corvi) e due premi Goya (Ah Carmela!), tra molti altri premi.

Lascia un commento