fbpx

Clip esclusiva di “Armageddon Time”, l’acclamata autofiction di James Gray

James Gray si iscrive all’autofiction, un genere che registi come Pedro Almodóvar, Alfonso Cuarón, Alejandro González Iñárritu e Kenneth Branagh, tra gli altri, hanno già provato negli ultimi anni. direttore di Ad Astra, la città perduta di z Y Il sogno di Ellie viaggiare a Le regine degli anni ’80 a Tempo di Armaghedonun film drammatico acclamato dalla critica che ha gareggiato per la Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes. Jeremy Forte, Anne Hathaway Y Anthony Hopkins sono le maggiori pretese di un film che arriva nelle sale spagnole il 18 novembre e di cui il giornale specializzato in serie televisive e film anteprima esclusiva di una scena con gli attori di Successione Y I Miserabili.

“Storia e miti iniziano sempre nel microcosmo del personale. Insieme a Tempo di Armaghedonho cercato di rendere il film più intimo e trasparente come potevo. Volevo rilasciare il storia dei legami del loro genere e rimuovere tutte le barriere che potrebbero ostacolarlo sincerità. Prima di tutto, volevo essere genuino”, spiega l’autore di La notte è nostra. “Ricordo di aver scritto quattro parole in un pezzo di cartan e l’ho incollato sulla mia fotocamera come promemoria costante: Amore. calore. Umorismo. Perdita“.

Dopo aver girato cinque drammi ambientati nella sua nativa New York, Gray ha aumentato la portata delle sue offerte Z. La città perduta, ambientato nella giungla amazzonica e avventura spaziale Ad Astra. Nel suo nuovo lavoro, il regista ha scelto di tornare non solo a New York, ma nella casa a schiera nel quartiere del Queens nel che crescono. “Sono stato nella giungla e sono stato nello spazio, e li ho amati esperienze”, scherza. “Ad un certo punto, ti rendi conto di quell’infinito Sei, in un modo. E se sei in grado di esprimerti direttamente e onestamente, questo è tutto Puoi fare. L’idea era di tornare a casa. E cerca di rendere qualcosa il più personale possibile”.

Leggi  ad aprile arriva il remake dell'iconico film degli anni '80


Quando ha iniziato a scrivere la sceneggiatura nel 2018, i diversi fili di ricordi, idee e temi si erano fusi in una storia ambientata nelle elezioni presidenziali del 1980. In un periodo di due mesi, Tempo di Armaghedon segue la vita di un ragazzo a casa ea scuola, e la serie di eventi che lo portano a perdere due persone (il suo migliore amico e la nonna materna) che sono molto importanti per lui.

Felice dell’esperienza e del lavoro con i suoi attori, Gray ha confessato che sta pensando di farne un seguito Tempo di Armaghedon con Anne Hathaway. Il regista ha spiegato a The Playlist che il film avrebbe seguito sua madre mentre combatteva contro il cancro al cervello, qualcosa che ha sottilmente accennato nel primo film quando il suo personaggio si lamenta del mal di testa. Sebbene non abbia iniziato a scrivere il sequel, spera di riunire il cast originale. Fino a quel momento, gli spettatori possono iniziare a guardare Tempo di Armaghedon Da venerdì 18 novembre nelle sale.

Lascia un commento