fbpx

Cinquanta sfumature di grigio è stato un gran casino, conferma Dakota Johnson

Dakota Johnson racconta le caotiche riprese di Cinquanta sfumature di grigioil film tratto dal romanzo erotico.

Nel 2015, l’uscita di Cinquanta sfumature di grigio colpito come una bomba. Vietato per i minori in quasi tutti i paesi del mondo e persino vietato in alcunitra Cina e India, il film tratto dai romanzi di EL James (e vietato solo ai minori di 12 anni in Francia) ha lanciato la moda per film erotici rivolti a un pubblico a maggioranza femminile e spesso ispirati a fan fiction (dopo, 365 giorni…).

Se la qualità dei film è ampiamente discutibile, la saga cinquanta sfumature ha comunque permesso di rivelare Dakota Johnson in pieno giorno. Se come Kristen Stewart da allora Crepuscolo, questa immagine si attacca alla sua pelle, l’attrice da allora ha ampiamente dimostrato il suo talento e, soprattutto, che era molto più di una “figlia di”. Dopo la consegna Suspiria di Luca Guadagnino, ha proseguito la strada del cinema indipendente con La figlia perduta di Maggie Gyllenhaal o addirittura Cha Cha Real Smooth di Cooper Raiff. Ma come il suo compagno Jamie Dornan, Dakota Johnson ricorda molto spesso lo sterco in cui si è distinta.

Dakota lascia cadere la maschera

In un’intervista molto completa concessa alla rivista Fiera della vanitàl’attrice è tornata al ruolo che per lei ha cambiato tutto e soprattutto alla strana atmosfera che regnava sul set:

“Ho firmato per fare un film molto diverso da quello che è stato girato. EL James aveva molto potere e ogni giorno imponeva cose nuove. Ci sono parti del libro che non hanno funzionato per un film, come i monologhi interiori, che a volte erano terribilmente banali. […] È diventato pazzo. Ci sono stati molti disaccordi. Non ho mai avuto occasione di parlarne onestamente perché era necessario promuovere il film nel modo giusto. Stavamo girando le scene del film che Erika [E.L. James] volevamo fare, e poi abbiamo girato le scene del film che volevamo fare. Il giorno prima, ho riscritto le scene per aggiungere una frase qua e là. Era il caos tutto il tempo.

Se avessi saputo in quel momento in cosa mi stavo cacciando, non credo che nessuno avrebbe accettato. Tutti avrebbero detto: “Oh, è proprio psicotico”. E invece no, non me ne pento… Ci sono cose che ancora non posso svelare perché non voglio rovinare carriere o infangare la reputazione di nessuno.. Jamie [Dornan] e sono stato trattato molto bene. Erika è una donna molto simpatica, ed è sempre stata gentile con me, e sono grata che mi abbia scelto per quei film. È stato un trampolino di lancio per le nostre carriere, una grande opportunità. Ma era strano. Molto, molto strano. »

Cinquanta sfumature liberate: foto Dakota JohnsonImmagine della facciata

Rompere le carriere e offuscare la reputazione? Nonostante queste rivelazioni, Johnson rimane piuttosto vago e probabilmente non intendeva provocare uno scandalo. Sebbene il problema apparentemente non riguardi la sua co-protagonista o il regista del primo film, Sam Taylor-Johnson, l’attrice ammette che l’arrivo di James Foley al timone delle prossime due puntate ha portato un’energia diversa e che suonare davanti a un uomo era più imbarazzante che giocare davanti a una donna.

Leggi  la trilogia di videogiochi cult (ma da incubo) su Super Nintendo

Nonostante questa esperienza, Dakota Johnson ammette prontamente che il film le ha aperto molte porte. Senza offesa per i suoi detrattori, presto scopriremo l’attrice Persuasioneadattamento Netflix del romanzo di Jane Austen, ma sarà anche l’headliner di Madame Weblo spin-off dell’universo di Spider-Man.

Lascia un commento